S.C.I.A., C.I.L.A. e interferenze.

Categoria: Rischi interferenziali e DUVRI. Aperta il 19/08/2019 da Giovanni Caputo. Messaggi postati: 5.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Giovanni Caputo (Giovanni93)
Giovanni Caputo (Giovanni93)


Voto medio utente:
n.d. 
Salve a tutti!

All'interno di un complesso commerciale, sono state presentate due differenti istanze edili (S.C.I.A. e C.I.L.A.), che interessano due locali differenti.
I lavori che interesseranno i locali suddetti, saranno svolti da due imprese differenti e, pertanto nessun titolare è obbligato alla nomina del CSP - CSE e alla redazione dei relativi elaborati (P.S.C. - F.O.).

Premettendo che i locali non oggetto di intervento svolgono regolare attività di commercio al dettaglio, mi chiedevo se bisognava redarre un D.U.V.R.I., riportando gli eventuali rischi da interferenze tra i due cantieri e l'attività di commercio svolta.

Restando in attesa porgo Distinti Saluti.

Postato il 19/08/2019 alle 09:53

Immagine di profilo di MARIO CANTONE (marcanto)
MARIO CANTONE (marcanto)
Chi la dura la vince !

Voto medio utente:
2,6 
Se i lavoratori del locale SCIA non vengono a contatto con i lavoratori del locale CILA, se i soggetti delle attività commerciali e i relativi clienti non vengono a contatto con i lavoratori suddetti .....allora in queste condizioni non si verifica interferenza in alcun modo

Postato il 19/08/2019 alle 19:51

Immagine di profilo di MARIO CANTONE (marcanto)
MARIO CANTONE (marcanto)
Chi la dura la vince !

Voto medio utente:
2,6 
altra cosa importante:
la non interferenza deve avvenire a qualsiasi livello e a qualsiasi condizione.
nello scenario che hai descritto si avrà di sicuro una interferenza di livello sonoro, ossia i due lavori produrranno inquinamento acustico sia per gli addetti alla vendita sia per i loro clienti.
ne consegue che si pone in essere un interferenza di tipo acustico tra le 2 suddetti tipologie di lavori e gli altri soggetti estranei ai lavori.

Postato il 19/08/2019 alle 19:58

Immagine di profilo di Giovanni Caputo (Giovanni93)
Giovanni Caputo (Giovanni93)


Voto medio utente:
n.d. 
Pertanto, se ho ben capito, in questa caso il committente (che è lo stesso per entrambe le istanze edili) deve redarre il D.U.V.R.I., valutando le interferenze (che quasi inevitabilmente) si vengono a creare.


Gli adempimenti della sicurezza, invece, si limitano alla redazione del P.O.S., da parte delle due imprese esecutrici, e non c'è obbligo di nomina di coordinatori per la sicurezza.


Grazie ancora per le risposte.

Postato il 20/08/2019 alle 09:29

Immagine di profilo di Emanuele Rizzato (Quadrato)
Emanuele Rizzato (Quadrato)
So di non sapere Socrate

Voto medio utente:
3,9 
In risposta al messaggio di Giovanni Caputo:
Pertanto, se ho ben capito, in questa caso il committente (che è lo stesso per entrambe le istanze edili) deve redarre il D.U.V.R.I., valutando le interferenze (che quasi inevitabilmente) si vengono a creare.


Gli adempimenti della sicurezza, invece, si limitano alla redazione del P.O.S., da parte delle due imprese esecutrici, e non c'è obbligo di nomina di coordinatori per la sicurezza.


Grazie ancora per le risposte.
Corretto quello che dici,
l'importante è che per ogni cantiere vi sia una sola impresa, ivi compresi i subappaltatori.

A mio avviso, se si presenta una SCiA con opere edili, mi sembra molto strano che sia una sola impresa a fare tutto il lavoro, pur non conoscendo il lavoro.

per il resto.... chi redige lo fa dal verbo Redigere ;)

Postato il 26/08/2019 alle 17:00


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni