parapetto anticaduta copertura piana

Categoria: Lavori in quota. Aperta il 19/05/2019 da Raffaele Arnone. Messaggi postati: 4.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Raffaele Arnone (cirupici)
Raffaele Arnone (cirupici)


Voto medio utente:
n.d. 
Su una copertura piana sono montati dei pannelli per il solare termico e sono presenti le linee vita. Qualcuno potrebbe dirmi se è comunque obbligatoria la presenza del parapetto anticaduta sui bordi del tetto piano?

Postato il 19/05/2019 alle 10:53

Immagine di profilo di Emanuele Rizzato (Quadrato)
Emanuele Rizzato (Quadrato)
So di non sapere Socrate

Voto medio utente:
4,0 
In risposta al messaggio di Raffaele Arnone:
Su una copertura piana sono montati dei pannelli per il solare termico e sono presenti le linee vita. Qualcuno potrebbe dirmi se è comunque obbligatoria la presenza del parapetto anticaduta sui bordi del tetto piano?
La domanda è un po' generica. e pertanto la risposta potrebbe essere: DIPENDE.

Un tecnico dovrebbe prendere in analisi la valutazione dei rischi di quella copertura, analizzare i punti pericolosi dove appunto si presenta il rischio di caduta dall'alto, (e non sono solo i bordi) e poi progettare le idonee misure di accesso in copertura, utilizzo e manutenzione della stessa.

credo comunque che se vi sono delle linee vita, qualcuno le abbia progettate, e ne abbia dimensionato l'ancoraggio oltre che indicato le modalità d'uso con gli idonei DPI.

il parapetto è comunque un dispositivo di protezione collettiva il cui uso è concesso anche a chi non ha formazione specifica, al contrario delle linee vita quindi è da preferire.
ad esempio nel balcone/poggiolo/terrazzo di una camera al piano primo, nessuno si immaginerebbe una linea vita,m ma tutti vedono un parapetto.

quindi se nel tuo caso la copertura è utilizzabile anche per altre attività io ti consiglierei di proteggerne il perimetro con un parapetto, ma non conoscendo la conformazione della copertura e degli impianti, non posso darti informazioni più precise.

Postato il 21/05/2019 alle 09:26

Immagine di profilo di Raffaele Arnone (cirupici)
Raffaele Arnone (cirupici)


Voto medio utente:
n.d. 
In risposta al messaggio di Emanuele Rizzato:
La domanda è un po' generica. e pertanto la risposta potrebbe essere: DIPENDE.

Un tecnico dovrebbe prendere in analisi la valutazione dei rischi di quella copertura, analizzare i punti pericolosi dove appunto si presenta il rischio di caduta dall'alto, (e non sono solo i bordi) e poi progettare le idonee misure di accesso in copertura, utilizzo e manutenzione della stessa.

credo comunque che se vi sono delle linee vita, qualcuno le abbia progettate, e ne abbia dimensionato l'ancoraggio oltre che indicato le modalità d'uso con gli idonei DPI.

il parapetto è comunque un dispositivo di protezione collettiva il cui uso è concesso anche a chi non ha formazione specifica, al contrario delle linee vita quindi è da preferire.
ad esempio nel balcone/poggiolo/terrazzo di una camera al piano primo, nessuno si immaginerebbe una linea vita,m ma tutti vedono un parapetto.

quindi se nel tuo caso la copertura è utilizzabile anche per altre attività io ti consiglierei di proteggerne il perimetro con un parapetto, ma non conoscendo la conformazione della copertura e degli impianti, non posso darti informazioni più precise.
Si tratta di una copertura piana di un edificio penitenziario, sulla quale sono montati dei pannelli per il solare termico ed il direttore dell'istituto ha chiesto il montaggio del parapetto anticaduta. L'accesso alla copertura è limitato dalla presenza di una sorta di percorso obbligato e per accedere alle superfici ove sono montati i pannelli occorre scavalcare la ringhiera che delimita tale percorso obbligato, che corre in posizione abbastanza distante dai bordi della copertura stessa. Se potessi allegare delle foto la situazione sarebbe più chiara.
Comunque grazie
Raffaele Arnone

Postato il 21/05/2019 alle 10:09

Immagine di profilo di Emanuele Rizzato (Quadrato)
Emanuele Rizzato (Quadrato)
So di non sapere Socrate

Voto medio utente:
4,0 
Il direttore dell'istituto in quanto committente ha chiesto ovviamente un miglioramento delle condizioni minime di sicurezza, così che da oggi in poi le future manutenzioni potrebbero avere un costo inferiore e la formazione dei lavoratori per DPi di III categoria potrebbe non essere necessaria.
quindi secondo me è una richiesta più che lecita.

Postato il 21/05/2019 alle 15:30


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni