LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Migliorare la percezione del rischio per ridurre gli errori umani


Un’intervista di PuntoSicuro per approfondire le cause degli errori umani e migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro. Perché avvengono gli errori? Come devono tenerne conto i datori di lavoro? Come migliorare la percezione del rischio?

Pubblicità

Nella cornice della Convention “ Ambiente Lavoro” 2010 di Modena, si è tenuto il 6 ottobre il seminario InailSicurezza sul lavoro e gestione del fattore umano”.

Il seminario partiva dalla constatazione che si assiste in questi anni, anche con il Decreto legislativo 81/2008, ad una nuova attenzione all’uomo inteso come componente dei sistemi produttivi complessi di cui è necessario valutare l’ affidabilità.

E l’interazione non corretta tra lavoratore e fonte di pericolo può causare un rischio per la salute e la sicurezza e creare situazioni di stress lavoro-correlato.

In questi anni PuntoSicuro ha cercato di mettere in rilievo le cause evidenti o nascoste degli incidenti di lavoro in Italia. Non potevamo dunque non cogliere l’occasione di approfondire questa tematica con un’intervista alla Dott.ssa Annalisa Guercio (Inail – Contarp centrale) dopo il suo intervento al convegno sull’errore umano.

Qual è la probabilità degli errori umani? Perché avvengono? Come devono tenerne conto i datori di lavoro? Come sensibilizzare e migliorare la percezione del rischio? Quanto è importante la formazione?



Pubblicità
Valutazione del rischio stress lavoro-correlatoModelli di documenti - Valutazione del rischio stress lavoro-correlato
Modello di documenti, kit e linee guida sulla sicurezza
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Articolo e intervista a cura di Tiziano Menduto

PS: intervista realizzata alla Convention Ambiente Lavoro 2010 di Modena


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: