LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

12 gennaio 2016 - Cat: Valutazione dei rischi
  

OIRA: strumenti per facilitare la valutazione dei rischi negli uffici


Un contributo affronta il tema dei nuovi supporti previsti dal D.Lgs. 151/2015 per agevolare la valutazione dei rischi. Presentato e approvato in Commissione Consultiva lo strumento OIRA relativo al settore degli uffici. A cura di Paolo Varesi.

Pubblicità

Roma, 12 Gen – Nelle scorse settimane abbiamo ribadito l’importanza di supporti efficaci per le aziende, in grado di aiutarle realmente a rispettare tutti gli adempimenti richiesti dalla normativa in materia di sicurezza e salute sul lavoro. E abbiamo presentato, con riferimento alle novità del  Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 151, recante Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183, la previsione (inserita nel D.Lgs. 81/2008) di  nuovi strumenti di supporto per le aziende basati anche sul  prototipo europeo OIRA (Online  Interactive Risk Assessment).
Per riuscire ad avere maggiori informazioni su questo prototipo europeo e sull’iter di elaborazione e approvazione di questi nuovi supporti, riceviamo e volentieri pubblichiamo un contributo di  Paolo Varesi, esperto in discipline giuridico-prevenzionali e membro della Commissione consultiva permanente salute e sicurezza sul lavoro.

Pubblicità
Sicurezza negli uffici: è una giungla!Videocorsi in DVD - Sicurezza negli uffici: è una giungla!
Una panoramica sui rischi sottili e nascosti implicati nel lavoro in ufficio, oltre alla prevenzione degli incidenti

Il progetto OiRA Italia:  la valutazione dei rischi negli uffici non sarà più un rompicapo
di Paolo Varesi, membro della Commissione consultiva permanente salute e sicurezza sul lavoro
 
Lo scorso 16 dicembre è stato presentato dall'INAIL lo strumento italiano OiRA (Online interattive Risk Assessment) relativo al settore degli Uffici, subito approvato, nel corso della riunione della Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro. Il direttore centrale della direzione prevenzione, ing. Ester Rotoli ha provveduto a consegnare e presentare ai componenti della Commissione un articolato "abstract"  del Progetto.
 
OiRA è un software sviluppato nel 2009 da EU-OSHA, basato su uno strumento di valutazione dei rischi olandese: RI&E.
 
È stato presentato per la prima volta a Cipro nell'ottobre 2012 durante un incontro tra esperti in sistemi di sicurezza sul lavoro a livello europeo. L'utilizzo del software è gratuito e presenta circa 40 differenti strumenti. EU-OSHA, al fine di socializzare le esperienze, ha predisposto una piattaforma comune disponibile in 18 differenti lingue.
Il software  è stato creato per supportare le piccole e medie imprese nel superamento delle difficoltà legate alla continua implementazione legislativa, fornendo loro un sostegno per agevolare la valutazione dei rischi.
Un obiettivo già contenuto nella strategia comunitaria 2007-2012 con la quale si è inteso  supportare le PMI negli adempienti in materia di SSL garantendo una buona attuazione delle legislazione europea anche attraverso il sostegno nell'applicazione delle norme in vigore, nel caso adattando e semplificando il contesto giuridico all'evoluzione del mondo del lavoro. Così facendo si è inteso, tra le altre cose,  favorire  lo sviluppo e l'attuazione di strategie nazionali; promuovere il mutamento dei comportamenti dei lavoratori,  migliorare gli approcci orientati alla salute anche attraverso la messa a punto  di metodi per l'identificazione e la valutazione dei nuovi rischi potenziali.
 
Il quadro strategico UE 2014-2020 ha enfatizzato la necessità di predisporre un sostegno finanziario e tecnico per l'attuazione e l'implementazione  di OiRA e di altri strumenti basati sull'Information Technology rivolti in particolare alle micro e piccole imprese al fine di agevolare il rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
 
Lo scopo è rendere il luogo di lavoro più sicuro e più sano  non solo per il miglioramento della qualità e delle condizioni di lavoro ma al fine di ottenere maggiori performances, maggiore competitività e minori costi legati agli infortuni e alle malattie professionali.
Lo scopo dello strumento è adattare il software europeo alla legislazione italiana su salute e sicurezza negli ambienti di lavoro realizzando un vero e proprio strumento di semplificazione e di ausilio per ottemperare agli obblighi della legislazione vigente e per far fronte alle difficoltà riscontrate soprattutto dalla piccole e medie imprese nell'adempimento di tali obblighi nel settore degli uffici.
 
Lo strumento è strutturato in moduli e sottomoduli articolati seguenti la struttura del d.lgs.81/08.
La prima parte riguarda gli aspetti organizzativi ed è suddivisa in 9 sottomoduli nei quali vengono analizzati i rischi tipicamente presenti in ufficio: incendio, attrezzature di lavoro, impianti elettrici, sostanze pericolose, stress lavoro correlato, movimentazione manuale di carichi, ecc...
L'uso dello strumento prevede una prima fase di identificazione e valutazione dei pericoli presenti in azienda, oltre che eventuali ulteriori elementi ritenuti validi, utili a definire il percorso di valutazione effettuata.
 
Si passa quindi alla fase di valutazione e alle misure/programma dove è possibile selezionare  le azioni adottate volte a garantire la prevenzione e la protezione obbligatoria e la pianificazione  delle eventuali misure di miglioramento.
 
Riguardo le misure, sono state inserite nel software tutte quelle relative la prevenzione e la protezione,  obbligatorie  per legge, oltre che misure di miglioramento (complessivamente sono presenti nello strumento circa 180 misure).
 
Si arriva infine alla fase di report dove si genera progressivamente il documento di valutazione dei rischi contenente le misure obbligatorie e la programmazione delle misure di miglioramento.
 
L'Inail comunica che allo stato si sta lavorando sul report per adattarlo alla nuova versione dello strumento rilasciata da EU-OSHA e in fase di implementazione, finalizzata a rendere lo strumento più flessibile ed adattabile alle esigenze e alle specificità dei paesi, quello che intanto si rileva è lo sforzo messo in atto per rendere maggiormente consapevole il datore di lavoro nella valutazione dei rischi e nella attuazione delle misure di prevenzione e protezione.
 
 
Paolo Varesi
Esperto in discipline giuridico prevenzionali
Membro Commissione consultiva permanente salute e sicurezza sul lavoro
 
 
Altri articoli di PuntoSicuro sullo strumento OIRA:
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: