960x90 Expotraining
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

20 agosto 2012 - Cat: Edilizia
  

I costi della sicurezza: gare d’appalto e nuovi prezzari


Un seminario affronta il tema dei costi della sicurezza e presenta l’aggiornamento di un prezzario laziale per la stima dei costi. Le novità del prezzario e le carenze nelle risorse destinate agli oneri della sicurezza.

Pubblicità


Roma, 20 Ago – Nelle gare d’appalto relative alle attività edili la normativa vigente prevede che i costi relativi alla sicurezza di un’opera edile siano evidenziati separatamente, siano frutto di un’analisi puntuale ed estesa a tutto il ciclo delle lavorazioni previste e che detti costi non siano soggetti a ribasso. Tuttavia in realtà spesso questi criteri normativi non vengono pienamente rispettati e il tema dei costi della sicurezza rimane, ad oggi, un tema  molto importante per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori nei cantieri.
 
Il Comitato Paritetico Territoriale di Roma e Provincia (CTP) ha organizzato  – con il patrocinio della Direzione Regionale Lazio dell’Inail – il seminario “I costi della sicurezza. Aggiornamento 2012. Normativa e applicazione”, un seminario che si è tenuto a Roma il 23 marzo 2012 anche con riferimento alla recente pubblicazione da parte del CTP di un nuovo prezzario che condivide con il seminario lo stesso nome e che permette di stimare i costi della sicurezza in modo completo ed analitico.
 
Pubblicità

Nel prezzario “ I costi della sicurezza.  Aggiornamento 2012. Normativa e applicazione” - a cura di Luca Agostinelli, Gaetano Arioli, Francesco Chiodetti, Giuseppe D’Agostino, Antonio Di Muro, Federico Fratini, Daniela Gallo, Ilaria Grugni, Ferdinando Izzo, Stefano Schietroma, Daniele Silvestri, Alfredo Simonetti  - viene operato un lavoro di aggiornamento del precedente prezzario relativo ai costi della sicurezza in edilizia, sia con riferimento all’edizione d’esordio datata 1998 e al successivo aggiornamento del 2004.
Il nuovo aggiornamento presenta l’inserimento di nuove voci con analisi ancora più approfondite, rispetto alle precedenti edizioni.
E – come ricordano Carlo Nicolini e Anna Pallotta nella presentazione del documento – “la cura nella progettazione e nella stima dei costi per la sicurezza è particolarmente necessaria nel cantiere edile, dove è difficile incanalare in uno schema preordinato tutte le procedure e dove, di norma, esiste una notevole frammentazione dei lavori, con imprese scarsamente strutturate, quindi a maggior rischio di infortuni”.
 
Rimandando a futuri articoli di PuntoSicuro l’approfondimento degli atti del seminario e della delicata tematica dei costi della sicurezza, riprendiamo alcuni degli argomenti trattati nell’ intervento di Carlo Nicolini, presidente CTP di Roma e Provincia. 
 
Il relatore precisa innanzitutto che poco è cambiato da quella che era, qualche anno fa, la realtà in termini di oneri della sicurezza e di presenza della quantificazione di tali oneri della sicurezza nei bandi di gara.
Una situazione “con percentuali risibili di risorse destinate agli oneri della sicurezza, che quindi erano assolutamente sottostimati, ma soprattutto valutati in percentuali, oltre che bassissime in valore assoluto, anche indistinte fra lavori completamente differenti, come rinnovare i servizi igienici di una scuola o rifare completamente la facciata di un edificio; non esisteva alcuna analisi, c’era la stessa percentuale di oneri destinati alla sicurezza”.
 
Certo ora si cominciano “a vedere progetti ben fatti, ma non troviamo quasi mai analisi sugli oneri della sicurezza. E questo rappresenta il presupposto per avere poi contenziosi e costi ulteriori per l’amministrazione”. 
 
Se in passato il CTP romano ha coniato lo slogan “facciamo un’opera pubblica in meno e spendiamo più soldi, destiniamo più risorse per la sicurezza”, oggi - malgrado la crisi economica incombente - è necessario “mantenere questa linea”.
Almeno nella speranza che la politica risolva i problemi economici e evitando la “grande ipocrisia di voler fare sicurezza ‘svedese’ ma con risorse, costi  ‘cinesi’”.
 
Con riferimento poi agli incidenti di lavoro - ad esempio quelli avvenuti nei cantieri della metropolitana romana nei primi mesi del 2012 – il relatore rimarca che nei cantieri a volte vi sono insidie e difficoltà. E che anche “molte ispezioni potrebbero non bastare” per evitarle.
 
Quello che il relatore ribadisce è che “occorrono progetti ben fatti, che contemplino la sicurezza al loro interno già dal momento della progettazione”.
Inoltre “la sicurezza deve essere studiata a fondo”, devono essere stanziate “risorse appropriate a questo scopo e sviluppate, anche all’interno dell’azienda, conoscenze che garantiscano una conduzione del cantiere adeguata”.
Ad esempio “quando ci si mette al volante di un’automobile, che sia una fuoriserie o un’utilitaria, se c’è un conducente ben istruito e che sa guidare l’auto con prudenza, probabilmente tante squadre di polizia a presidiare le strade potrebbero anche essere inutili; quindi l’importante è assicurare una guida e una conduzione competente. Dunque progettazioni, dunque conoscenze adeguate, dunque una guida capace”.
 
In conclusione il Presidente del CTP Roma e provincia ha fatto un breve cenno relativo alla Commissione Nazionale dei Comitati Paritetici Territoriali, commissione che ha approvato le “linee guida per asseverare il sistema di cessione di sicurezza sul lavoro”.
È stata inoltre chiesta all’UNI una “normativa tecnica”, l’elaborazione di una prassi di riferimento.
 
 
Gli atti e i documenti relativi al seminario:
 
- “ Intervento di Carlo Nicolini”, presidente CTP di Roma e Provincia (formato PDF, 165 kB) e video dell’intervento
 
- “ Intervento di Antonio Napolitano”, direttore regionale INAIL (formato PDF, 169 kB);
 
- “ Intervento di Alfredo Simonetti”, direttore generale CTP di Roma e Provincia  (formato PDF, 164 kB);
 
- “ Evoluzione normativa dei costi della sicurezza: dal D.L.vo 494/96 al DPR 207/10”, Giuseppe D’Agostino (formato PDF, 180 kB);
 
 
- “ I costi della sicurezza come conseguenza delle scelte progettuali e del PSC”, Antonio Di Muro (formato PDF, 181 kB);
 
 
- “ Intervento di Lorenzo Fantini”, dirigente Ministero del Lavoro (formato PDF, 170 kB);
 
- “ Intervento di Filippo Romano”, dirigente generale Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici (formato PDF, 171 kB);
 
- Comitato Paritetico Territoriale di Roma e Provincia, “ I costi della sicurezza.  Aggiornamento 2012. Normativa e applicazione”, prezzario a cura di Luca Agostinelli, Gaetano Arioli, Francesco Chiodetti, Giuseppe D’Agostino, Antonio Di Muro, Federico Fratini, Daniela Gallo, Ilaria Grugni, Ferdinando Izzo, Stefano Schietroma, Daniele Silvestri, Alfredo Simonetti (formato PDF, 2.52 MB).
 
 
RTM


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: