960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

06 aprile 2009 - Cat: Edilizia
  

Edilizia: schede di controllo per i ponteggi


L’ASL della Provincia di Bergamo ha reso disponibili alcune schede di verifica della corretta messa in opera di ponteggi e dell’efficienza degli elementi che lo compongono. Le prime tre schede sono destinate a tre tipologie diverse di ponteggio.

Pubblicità
google_ad_client

Abbiamo già presentato, in un recente articolo, alcuni interessanti documenti relativi al comparto edile presenti sul sito dell’Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo:
modello di verbale di sopralluogo (formato .doc, 62 kB);
- scheda di controllo dei DPI in cantiere (formato .doc, 62 kB);
- schede di verifica della corretta messa in opera di ponteggi e dell’efficienza degli elementi che lo compongono.
 
---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----




È proprio sulle schede relative alla messa in opera dei ponteggi  che ora ci soffermiamo ulteriormente: sono quattro e si basano su quanto indicato espressamente dall’Allegato XIX “Verifiche Di Sicurezza Dei Ponteggi Metallici Fissi” del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81.

Le prime tre schede sono state pensate per il proprietario del ponteggio e per l’utilizzatore, in quanto contengono istruzioni per verificare l’idoneità dei singoli elementi che lo compongono, e
si riferiscono ciascuna ad una diversa tipologia di ponteggio oggi in commercio:
- ponteggio a tubi e giunti;
- ponteggio a telai prefabbricati;
- ponteggio a montanti e traversi prefabbricati (multidirezionali).
 
Ogni scheda, secondo lo schema contenuto nell’Allegato XIX, è suddivisa in quattro colonne, che identificano rispettivamente:
- l’elemento da controllare;
- il tipo di controllo da effettuare;
- la modalità con cui tale riscontro deve essere effettuato;
- l’eventuale procedura da attuare nel caso in cui l’elemento non risulti conforme.
 
Vediamo un esempio tratto dalla scheda di controllo del ponteggio metallico a telai prefabbricati.
In relazione alle basette regolabili si consiglia:
- il controllo marchio come da libretto (controllo visivo): “se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento”;
- il controllo orizzontalità piatto di base (controllo visivo, “ad esempio con un piano di riscontro): ”se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento”;
- il controllo verticalità stelo (controllo visivo): “se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento”;
- il controllo stato di conservazione della filettatura dello stelo e della ghiera filettata. In questo caso il controllo è sia visivo (stato di conservazione della filettatura) che funzionale (regolare avvitamento ghiera): “se i controlli, visivo e funzionale, sono negativi occorre scartare l’elemento, se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò non è possibile, scartare l’elemento”.
 
L’ultima scheda è uno strumento predisposto “per il coordinatore in materia di sicurezza e salute durante la realizzazione dell’opera (CSE) ed il preposto, per verificare che il ponteggio, già messo in opera, sia  realizzato in modo corrispondente alle disposizioni di legge e quindi abbia le caratteristiche di misura idonea di prevenzione e protezione”.
La scheda serve a dare un giudizio di conformità su diversi elementi:
- generale (disegno esecutivo, esecuzione verifica del ponteggio, Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio - Pi.M.U.S., …);
- stabilità;
- dispositivi anticaduta;
- impalcati, tavole fermapiede, parapetti (parte riservata a ponteggi costituiti da elementi in legno);
- protezione di terzi (parte riservata ai ponteggi metallici posti in corrispondenza ai luoghi di transito o stazionamento);
- generale (parte riservata ai ponteggi di altezza superiore a 20 metri o non conformi agli schemi tipo);
- generale (parte riservata ai ponteggi sui quali siano stati montati tabelloni pubblicitari, graticci, teli o altre schermature).
 
Riguardo, ad esempio, alla stabilità la scheda invita a:
- “controllare che il ponteggio sia composto da elementi marchiati da un unico fabbricante;
- controllare che il ponteggio sia stabile  e appoggi su un basamento con capacità portante sufficiente (D.Lgs 81/08, art. 136);
- controllare che lo scivolamento degli elementi di appoggio del ponteggio sia impedito con il fissaggio su una superficie di appoggio o con altro sistema equivalente (D.Lgs 81/08, art. 136, c. 4, let a);
- controllare la verticalità dei montanti con l’utilizzo del filo a piombo;
- verificare l’efficienza delle controventature di pianta e di facciata mediante: a) controllo visivo della linearità delle aste delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta, b) controllo visivo dello stato di conservazione dei collegamenti ai montanti delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta, c) controllo visivo dello stato di conservazione degli elementi di impalcato aventi funzione di controventatura;
- controllare i dispositivi di blocco dei fermapiedi;
- controllare i dispositivi di blocco degli elementi di impalcato;
- controllare l’efficienza e il numero degli ancoraggi secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio riportate nel libretto e secondo le caratteristiche del supporto su cui sono installate;
- controllare che gli eventuali giunti utilizzati siano opportunamente serrati  secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio riportate nel libretto”.
 
Vediamo, infine, anche le verifiche consigliate riguardo ai dispositivi anticaduta:
- “controllare che siano protetti tutti i bordi verso il vuoto: a) scale, b) collegamenti, c) pareti laterali e frontali ponteggio;
- controllare che i ponti siano muniti di dispositivi anticaduta anche tra bordo interno dell’impalcato e struttura per distacchi superiori a 30 cm;
- controllare che l’altezza dei montanti superi di almeno 1,2 m l’ultimo impalcato o piano di gronda”.
 
 
 
 
Tiziano Menduto



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: