LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Come coltivare in sicurezza


Indicazioni tratte da un convegno in materia di sicurezza in agricoltura e pubblicate sul numero 1/2016 di "Io scelgo la sicurezza", bollettino della regione Piemonte sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

 
Pubblicità

Disponibile online il numero di marzo di "Io scelgo la sicurezza", bollettino della Regione Piemonte sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, che affronta il tema sella sicurezza in agricoltura attraverso un articolo di M. Saltetti e E. Moretto (ASL CN2).

Pubblicità

Io coltivo in sicurezza. Aggiornamenti e novità
di M. Saltetti e E. Moretto (ASL CN2)
 
Come prassi consolidata dell’ Asl CN2 Alba- Bra, anche nel 2015 si è tenuto il Convegno in materia di sicurezza in agricoltura, “Io coltivo in sicurezza….aggiornamenti e novità”, svoltosi l’11 dicembre 2015.
Tale convegno si inserisce nell’ambito della campagna di prevenzione degli infortuni in agricoltura, tra gli obiettivi individuati dai Piano Nazionale e Regionale Agricoltura e Selvicoltura 2014-2018.
 
Nel seminario sono stati descritti i nuovi ambiti d’intervento del Piano di attività 2014-2018:
 
- Evoluzione normativa e semplificazione: contributo a definizione e diffusione di indirizzi applicativi;
- Attività di controllo: attrezzature agricole, allevamenti, impiego di prodotti fitosanitari, controllo sul commercio di macchine nuove ed usate;
- Analisi del fenomeno infortunistico e delle malattie professionali;
- Informazione e comunicazione: campagne d’informazione, quali i pieghevoli;
- Buone Pratiche: promozione, produzione e implementazione.
 
Si è discusso dei requisiti di sicurezza degli allevamenti bovini, suini come descritti nel “Documento tecnico per l’individuazione delle buone prassi negli allevamenti bovini e suini” e la relativa nuova scheda di sopralluogo.
 
Uno spazio particolare è stato riservato alle novità introdotte dal PAN – Piano d’Azione Nazionale sui Fitofarmaci: come cambia la formazione degli utilizzatori di agro farmaci, i depositi dei prodotti e la relativa nuova scheda di sopralluogo aggiornata.
 
Infatti il PAN approvato con  D.M, 22/01/2014 in applicazione della direttiva 2009/128/CE e del D.Lgs. 150/12 (Uso sostenibile  dei pesticidi), prevede adempimenti a carico delle aziende agricole al fine di fornire sicurezza degli operatori, qualità dell’ambiente, salubrità dei prodotti e riduzione dei costi produttivi. Il piano si prefigge di far acquisire un utilizzo di prodotti fitosanitari sempre più compatibile e sostenibile da un punto di vista ambientale e sanitario, individuando nella formazione il mezzo più idoneo per una crescita consapevole dell’azienda agricola. Per promuovere un uso sempre più consapevole dei Prodotti Fitosanitari è introdotta la figura del consulente, sia in materia di uso sostenibile dei PF sia sui metodi di difesa alternativi, che dal novembre 2015 prevede quale requisito obbligatorio il conseguimento del certificato di abilitazione alla consulenza.
 
Questa figura va a dialogare con il venditore ed ancor più con l’utilizzatore dei prodotti fitosanitari per i quali sono state aggiornate le modalità di rilascio e rinnovo dei “patentini”.
 
Partendo da una rimodernizzazione degli agrofarmaci, passando attraverso gli aggiornamenti introdotti dal regolamento CLP, si arriva alla valorizzazione della difesa integrata, quale metodica di difesa fitosanitaria privilegiata (nonché obbligatoria dal 1/01/2014).
 Pilastro imprescindibile dell’impiego sostenibile dei PF è la verifica dell’efficienza delle attrezzature per l’irrorazione dei PF stessi.
A questo proposito il PAN stabilisce un calendario (a partire del 26/11/2016) in base al quale le macchine irroratrici vengono sottoposte a verifica di corretto funzionamento.
 
Argomento sempre degno di attenzione è stato quello relativo al’aggiornamento sull’adeguamento delle macchine agricole e trattrici.
 
Da evidenziare che nell’aggiornamento 2014 delle Linee Guida Inail “Installazione dei dispositivi di protezione in caso di ribaltamento nei trattori agricoli o forestali” vi è contenuta un’importante novità per i mezzi utilizzati sulle nostre colline: la possibilità d’installare i dispositivi a quattro montanti a profilo compatto (i CROPS), che agevolano l’utilizzo delle trattrici sotto chioma.
Sempre per quanto riguarda l’ utilizzo delle trattrici si è fatto un focus in merito all’obbligo di revisione ed alla formazione degli utilizzatori, fornendo indicazioni circa le tempistiche in vigore al momento.
 
Inoltre sono state fornite indicazioni circa il reperimento di materiale informativo utile al settore, soprattutto quello relativo all’adeguamento ed alla manutenzione delle trattrici agricole. Sul sito dell’Asl CN2 Alba-Bra si possono trovare gli atti del convegno.
 
 
 
 
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: