LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Sicurezza antincendio: linee guida per la valutazione dei rischi


Un nuovo progetto realizzato dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile indirizzato ai datori di lavoro e in particolare ai nuovi adempimenti di legge in materia di sicurezza e prevenzione antincendio.

Pubblicità

Roma, 24 Lug – Sulla sicurezza antincendio e sulla valutazione dei rischi i punti fermi, come quelli offerti dalle linee guida prodotte dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, sono sempre molto importanti per le aziende e per rispondere ai principali quesiti sul tema. Riprendiamo a questo proposito la notizia, apparsa sul sito del Dipartimento, della pubblicazione di un nuovo documento.

Pubblicità
Armadietto antincendioAttrezzature e presidi - Armadietto antincendio
Armadietto per Kit attrezzature antincendio

"Sicurezza antincendio & datori di lavoro - Linee guida per la valutazione dei rischi" è il nuovo progetto realizzato dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, in collaborazione con il FEI (Fondo Europeo per l'Integrazione dei Paesi Terzi).
 
Si tratta del terzo progetto realizzato in sinergia fra i due Dipartimenti e si configura come la giusta conclusione di un percorso iniziato con il progetto " Casa Sicura" - dedicato alla sicurezza in casa e alla prevenzione dei più diffusi e pericolosi incidenti domestici - e seguito dal progetto "Sicurezza al lavoro" - dedicato alla sicurezza dei lavoratori. Quest'ultimo progetto, invece, è indirizzato ai datori di lavoro, in particolare ai nuovi adempimenti di legge in materia di sicurezza e prevenzione antincendio. Come i precedenti, ha come target primario le popolazioni extracomunitarie ma ovviamente regole e consigli sono validi anche per le popolazioni comunitarie.
 
"Sicurezza antincendio & datori di lavoro" è fruibile in otto lingue (Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Albanese, Arabo, Cinese e Ucraino) e diffuso tramite due supporti: uno tradizionale cartaceo - un opuscolo di 76 pagine - ed uno multimediale, ovvero un'applicazione fruibile da questo link.
 
L'applicazione è nata con l'obiettivo di facilitare la divulgazione delle misure necessarie per la sicurezza del lavoro disposte dalla legislazione italiana. Associata al testo dell'opuscolo, è concepita per far verificare ai datori di lavoro la propria conoscenza degli adempimenti obbligatori.
 
Infatti, permette di testare l'apprendimento, in 14 tappe di gioco, delle attività che il DL deve svolgere ai fini della gestione della sicurezza. Il "giocatore" individua, per ogni esercizio, la soluzione corretta che può consistere nell'individuazione di frasi o parole (mancanti, corrette, non coerenti ecc.) oppure di percorsi logici riferiti ai contenuti dell'opuscolo.
 
 
 
 
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: Eugenio Roncelli05/12/2014 (10:14:56)
Proposito valido, ma il questionario è assurdo.
Mi sono fermato alla seconda domanda: è incoerente con il dlgs ("figure pricipali" è dizione inesistente).
Dopo un certo numero di tentativi errati ci dovrebbe essere un aiuto, altrimenti non serve a nulla.
Io,personalmente, qualcosa conosco del dlgs 81/08 e non riesco a rispondere correttamente: figuriamoci chi non sa nulla o quasi !!!
PS. facendo una ricerca nel testo "coordinato" pubblicato dal ministero non si trova la risposta al secondo quesito (per gli altri non so, perché non si riesce ad andare avanti)
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti02/04/2015 (16:06:40)
concordo !!! soldi pubblici buttati !!! ma a chi servirebbe ???

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: