LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroNuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

28 luglio 2014 - Cat: Rischio ergonomico
  

Grande distribuzione: progettazione ergonomica dei posti di lavoro


Nella grande distribuzione organizzata è possibile una progettazione o riprogettazione ergonomica di ambienti e posti di lavoro per eliminare o almeno ridurre i rischi ergonomici? Focus sul lavoro alle casse, sui reparti, magazzini e vie di transito.

Pubblicità

 
Bologna, 28 Lug – Ci siamo soffermati nei mesi scorsi più volte sui rischi di sovraccarico biomeccanicodell’apparato muscolo scheletrico per i lavoratori della grande distribuzione organizzata (GDO), anche con riferimento agli atti del convegno “ Piano regionale della prevenzione - Grande distribuzione organizzata e prevenzione delle malattie muscoloscheletriche - Linee operative per la vigilanza” che si è tenuto a Bologna il 26 settembre 2013.
 
Presentando il convegno abbiamo affrontato i principali riferimenti normativi, abbiamo parlato di valutazione dei rischi, dei problemi rilevati nelle aziende della GDO e della rilevanza delle malattie muscolo scheletriche.
Ora dobbiamo rispondere ad una semplice domanda: è possibile una progettazione o riprogettazione ergonomica di ambienti e posti di lavoro che possa eliminare o almeno ridurre i rischi ergonomici?
 
Per rispondere possiamo riprendere quanto indicato nel documento “Linee operative per la vigilanza sui rischi da sovraccarico biomeccanico nella Grande Distribuzione Organizzata (GDO) - Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza dei SERVIZI PSAL” presentato durante il convegno e realizzato dai Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (SPSAL) dell’Emilia Romagna per migliorare l’azione preventiva sul territorio regionale.
 
Nel capitolo relativo alle “Indicazioni di progettazione o riprogettazione ergonomica di ambienti e posti di lavoro” si forniscono indicazioni specifiche (non esaustive) per “indirizzare e promuovere la progettazione ergonomica dei posti di lavoro in occasione di apertura e ristrutturazione di punto vendita e/o magazzini” della Grande Distribuzione Organizzata. E si precisa “che, per verificare l’adeguatezza dei necessari requisiti ergonomici, anche in fase di ‘risposta a notifica’ ex art. 67 D.Lgs 81/08, è necessario il lay-out e la documentazione tecnica specifica che riassuma e descriva nel dettaglio almeno i principali arredi e le attrezzature che possono influire sul rischio di sovraccarico biomeccanico”.
 
Postazioni di lavoro alla cassa – barriera casse
È possibile progettare o riprogettare la postazione ai fini della riduzione del sovraccarico biomeccanico, “con particolare riferimento all’arto dominante sinistro o a quello “più debole” per i soggetti con giudizio di idoneità con limitazioni.
I principali elementi su cui intervenire sono:
- “nei punto vendita con superficie da 400 a 1000 mq: almeno una cassa che consenta la doppia direzione di alimentazione”;
- punto vendita con superficie > 1000 mq: almeno il 10% delle casse che consenta la doppia direzione di alimentazione;
- installazione di un sistema di self-scanning eseguito dal cliente con riduzione dell’attività di cassa potenzialmente a rischio di sovraccarico biomeccanico arti superiori (SBAS) in quanto la movimentazione della merce posta sui nastri trasportatori del piano cassa viene eseguita sporadicamente su base random (es. il 10% dei clienti con self-scanning) e la postazione diventa per lo più un punto di pagamento. L’adozione di tale modalità non rende necessaria l’adozione di casse a doppia direzione di alimentazione;
- dimensioni e spazi della postazione cassa, definiti nel rispetto dell’art. 71, comma 6 D.Lgs 81/08 (il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché il posto di lavoro e la posizione dei lavoratori durante l’uso delle attrezzature presentino requisiti di sicurezza e rispondano ai principi dell’ergonomia, ndr). La collocazione delle attrezzature in postazione cassa (tappeto, scanner, emettitore scontrino, ecc.) deve rispettare i principi ergonomici secondo la UNI EN 147385” e utili riferimenti per dimensioni, spazi e collocazione attrezzature possono essere tratti anche da altre Linee Guida pubblicate in passato dalla Regione Veneto;
- “spazio dal bordo cassa pari o superiore a 100 cm in cui collocare il sedile e permettere di alternare posizione seduta ed eretta secondo la UNI EN 14738”.
 
Segnaliamo che la norma UNI EN ISO 14738:2009 (Sicurezza del macchinario - Requisiti antropometrici per la progettazione di postazioni di lavoro sul macchinario) “stabilisce i principi per la derivazione delle dimensioni, da misurazioni antropometriche e per la loro applicazione alla progettazione di postazioni di lavoro per macchinario basandosi sulle attuali nozioni di ergonomia. Può essere un utile riferimento per la progettazione di tutti i posti di lavoro”.
È bene poi sottolineare che tutte le indicazioni presenti nel capitolo sono accompagnate da riferimenti a precise immagini esplicative contenute nell’ allegato n. 12 alle linee operative.
 

Pubblicità
Videoterminali ed ergonomia del posto di lavoroSupporti per formatori - Videoterminali ed ergonomia del posto di lavoro
Modello di corso su Slide in formato PDF per formatori sulla sicurezza
 
Reparti, aree “retro”, magazzini, celle frigorifere, area vendita e vie di transito
Anche in questo caso è possibile progettare o riprogettare gli spazi e “fornire, banchi di lavoro, tavoli, arredi e attrezzature al fine di evitare il sovraccarico biomeccanico da posture incongrue e da movimentazione manuale carichi (MMC).
Utili riferimenti per ottimizzare l’ergonomia dei posti di lavoro possono essere le ‘condizioni ideali’ della ISO 11228-1 o la ‘zona migliore’ e la ‘zona preferita’ riportate nelle specifiche linee guida per la GDO di OSHA”, entrambe riportate in una allegato del documento.
Vediamo in breve alcuni interventi possibili:
 - spazi “ed arredi adeguati in ogni area vendita, area ‘retro’, magazzini e celle frigo che garantiscano il corretto ed ergonomico utilizzo di ausili ed attrezzature (es. carrelli su ruote, carrelli elevabili, transpallet manuali/elettrici elevabili e non, carrelli elevatori, manipolatori fissi e mobili);
- spazi adeguati alla installazione di attrezzature fisse per ausiliare la movimentazione di carichi particolari, di difficile presa e/o di peso anche superiore ai ‘pesi limite raccomandati’ pari a 25, 20 o 15 kg, secondo il genere e l’età, quali: in tutti i punto vendita, apparecchio di sollevamento esterno per quarti o mezzene di bovini o suini” e “apparecchio di sollevamento interno”; nei “punto vendita con superficie di vendita superiore a 1000 mq, manipolatore, fisso o su ruote”, per la movimentazione di “forme intere di Parmigiano-Reggiano, grana e formaggi simili e di angurie di grandi dimensioni (es. crimson)”;
- “spazi e banchi di lavoro o tavoli adeguati alla dotazione di sedili ergonomici con schienale o di sedili del tipo ‘assiso-eretto’ ai sensi dell’art. 71, comma 6 D.Lgs 81/08 e secondo la UNI EN ISO 14738, al fine di garantire la possibilità di alternare la posizione seduta con quella eretta ogni volta ciò è possibile (punto 1.11.1.5 dell’allegato IV del D.Lgs 81/08);
- spazi adeguati di manovra e buona percorribilità delle vie di transito al fine di facilitare il trasporto di carichi, manuale o ausiliato”.
 
Rimandando alla visione delle varie foto esplicative, riprendiamo quanto contenuto nell’allegato 8 alle linee operative relativo alle Linee guida OSHA 3192-05N 2004 “Guidelines for retail grocery stores – Storewide Ergonomic Solutions Best and Preferred Work Zones” (Linee guida per i negozi di alimentari al dettaglio - Zone di lavoro preferito e migliori soluzioni ergonomiche nei grandi magazzini): eseguire lavori all'interno delle zone di lavoro “migliore e preferita” “facilita la produttività e comfort. Il lavoro è sicuro quando il sollevamento viene eseguito in queste zone. Lavorare fuori di queste zone di lavoro risulta in postura non neutrale che può aumentare il rischio di lesioni. È particolarmente importante eseguire attività di sollevamento di carichi pesanti all'interno della zona di lavoro migliore”.
 
Concludiamo questa breve rassegna sulle indicazioni di progettazione e riprogettazione con altri aspetti rilevanti:
- pavimentazione dei luoghi di lavoro (vedi allegato 1 alle linee operative): “evitare, in fase di progettazione ergonomica, asperità, dislivelli o gradini tali da costringere ad una movimentazione manuale dei carichi che, viceversa, andrà effettuata privilegiando l’uso di mezzi/ausili (preferibilmente semoventi)”;
- piano elevabile interrato nel pavimento: “adottare tale soluzione nel caso in cui l’altezza di presa delle merci in arrivo (ortofrutta, macelleria, generi vari, ecc.) sia prevalentemente superiore a 175 cm”. In alternativa “adottare adeguate attrezzature” (vedi punto 5.3.4 delle linee operative, ndr) e “prevedere spazi adeguati all’uso di tali attrezzature (vedi punto 7.1.1); - tettoia e/o sistema di raffreddamento (es. con ventilazione forzata o sistemi sprinklers per il rilascio di acqua sopra la tettoia): ridurre l’eccessivo soleggiamento e tutte le condizioni di elevato stress calorico, per esempio, durante lo scarico manuale di merci (rif. allegato XXXIII e allegato IV punto 1.9 del D.Lgs 81/08). In particolare andranno verificate situazioni che prevedano la permanenza e la MMC in container o da camion senza pedana elevabile;
- sicurezza di macchine, attrezzature ed impianti: rispetto della normativa antinfortunistica e dei principi ergonomici/antropometrici di progettazione secondo la ‘Direttiva macchine’ (vedi allegato 5) garantendo il mantenimento di un buono stato di efficienza onde evitare, o ridurre il più possibile, il rischio di sovraccarico biomeccanico”.
 
 
 
Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (SPSAL) Emilia Romagna, “ Linee operative per la vigilanza sui rischi da sovraccarico biomeccanico nella Grande Distribuzione Organizzata (GDO) - Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza dei SERVIZI PSAL”, revis. luglio 2013 (formato PDF, 264 kB).
 
Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (SPSAL) Emilia Romagna, “ Allegati da 1 a 10 delle Linee operative per la vigilanza sui rischi da sovraccarico biomeccanico nella Grande Distribuzione Organizzata (GDO)” (formato PDF, 314 kB).
 
Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (SPSAL) Emilia Romagna, “ Allegato 12 -
 
 
Tiziano Menduto
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: