Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

La sicurezza del lavoro nelle celle frigorifere

Redazione
 Redazione
 Luoghi di lavoro
19/04/2010: Chiarimento del Ministero del Lavoro circa la sicurezza del lavoro nelle celle frigorifere: quali le misure di prevenzione e protezione?
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
google_ad_client


Pubblichiamo un chiarimento del Ministero del lavorocirca la sicurezza del lavoro nelle celle frigorifere, tratto dal sito del Ministero - sezione sicurezza lavoro.


---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----



 
Quali sono le disposizioni che regolano la sicurezza del lavoro nelle celle frigorifere?
Il D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche o integrazioni, anche noto come “Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”, elaborato nel pieno rispetto delle direttive comunitarie e delle convenzioni internazionali in materia, al Titolo II, rubricato “luoghi di lavoro”, ha previsto numerosi adempimenti a carico del datore di lavoro al fine di assicurare condizioni di lavoro idonee onde ridurre il rischio di infortuni e malattie professionali.
In particolare, l’art. 63 del T.U., comma 1, rinvia all’allegato IV per le disposizioni di dettaglio inerenti la sicurezza nei luoghi di lavoro, prevedendo al punto 1.9.2.5., in relazione all’argomento in esame, che “quando non è conveniente modificare la temperatura di tutto l’ambiente, si deve provvedere alla difesa dei lavoratori contro le temperature troppo alte o troppo basse mediante misure tecniche localizzate o mezzi personali di protezione”.

A tal uopo è essenziale, tra l’altro, la conoscenza degli ambienti e la individuazione di ”rischi interferenziali”, che possono sussistere per il fatto che, nel medesimo contesto, si trovano ad operare addetti con mansioni diverse (addetti ad attività di installazione, manutenzioni edilizie, attività di produzione, ecc.) e dei rischi ambientali e intrinseci.
I lavoratori che prestano la loro attività in ambienti a basse temperature devono essere dotati, in virtù della disciplina dettata in generale dal titolo III del T.U., di dispositivi di protezione individuale idonei a garantire loro adeguata protezione contro il freddo (giubbotti, guanti, tute, ecc).
Tanto premesso si segnala una norma di buona tecnica costituita dalla UNI EN ISO 15743:2008 relativa alla “Ergonomia dell’ambiente termico – Posti di lavoro al freddo- Valutazione e gestione del rischio” che riporta le prescrizioni da seguire nei luoghi di lavoro con basse temperature per la sicurezza e salute dei lavoratori.
Tale norma, applicabile sia ad ambienti interni che esterni, indica in particolare modelli e metodi per la valutazione e la corretta gestione del rischio, una checklist per l'identificazione dei problemi connessi al freddo, un modello di questionario dedicato ai professionisti della salute, linee guida per l'applicazione di regole scientifiche per la problematica del lavoro a bassa temperatura ed anche un esempio pratico.
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Ivan29/10/2011 (08:40:14)
Ma ce un limite di tempo al un giorno per lavorare in cella frigorifera? Presempio mezza ora lavori e 10 minuti di pausa???
Rispondi Autore: Ivan01/11/2011 (21:03:51)
Ma ce un limite di tempo al un giorno per lavorare in cella frigorifera? Presempio mezza ora lavori e 10 minuti di pausa???
Rispondi Autore: lotito luigi22/03/2012 (18:14:38)
lavoro da oltre 4 anni in cella surgelati a circa -25gradi. vorrei sapere se esiste una legge che ci permette di effettuare una pausa dopo un certo numero di ore giornaliere e se questa pausa per legge mi deve essere retribuita.per esempio(lavoro 4 ore,effettuo una pausa di 30 minuti,e poi riprendo il lavoro in cella)quei 30 minuti mi devono essere pagati!
Rispondi Autore: antonella stefanelli10/03/2013 (15:00:22)
dopo 10 anni di lavoro in cella da 0 a4° ho diritto ad un cambio di reparto?
Rispondi Autore: ferdinando13/07/2013 (03:28:00)
lavoro anche io in cella frigorifera, per quanto mi risulta si dovrebbero fare 45 min dentro e 15 min fuori anche se noi da bravi "fessi" non osserviamo i tempi più di tanto!
Rispondi Autore: Francesco Orofino12/01/2014 (10:36:59)
Salve a tutti! lavoro da oltre 4 anni in una cella frigorifera 0°C per 7 ore al giorno per 6 giorni ed in particolare alle porte di carico e scarico merce, dove arriva la ventilazione continua d'aria che raffredda la cella stessa. Quali dovrebbero essere i d.p.i. idonei?(sempre piedi freddi!,Bronchite!, Faringite!) Quante pause e di che durata mi spettano? La visita medica periodica?(mai fatta!). Vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte.
Autore: MARIGLIANO VINCENZO17/02/2015 (15:33:21)
HO LAVORATO 29 ANNI IN CELLE FRIGO ( CONGELATORI) -20 GRADI SENZA AVERE ADEGUATI ABITI. CHE POSSO CONTESTARE AL MIO EX DATORE DI LAVORO E A CHI MI POSSO RIVOLGE PER EVENTUALI PROBLEMI INERENTI A QUESTA PROBEMATICA
Rispondi Autore: D'Ascenzo Loris09/10/2016 (07:46:29)
Lavoro in cella frigorifera (-20) da 1 anno a tempo pieno con un contratto da facchino (1.130€) non so a chi mi devo rivolgere senza pausa ecc.non so più a chi mi devo rivolgere o una famiglia da mantenere...
Autore: Antonino27/02/2015 (02:49:02)
Salve lavoro in una cella frigorifera a circa 2 gradi entro ed esco tutto il giorno per circa 8 ore al giorno. Volevo sapere cosa mi spetta sul contratto . grazie.
Rispondi Autore: Francesco D'Amico22/10/2017 (10:38:21)
Buongiorno, lavoro dal 2001 in un concessionario di gelati e faccio il cellista con gli indumenti appropriati volevo sapere quanta indennità mi spetterebbe calcolando che la temperatura varia da un minimo -18 fino ad arrivare a - 23 ,lavorando con un minimo di circa 2 ore dentro la cella un po' di pausa e poi ricominciare cosa mi spetterebbe di indennità? e se è prevista dalla legge di poter andare prima in pensione come lavoro usurante.grazie per l'eventuale risposta.
Rispondi Autore: Antonino Inzone01/06/2016 (09:39:47)
Lavoro in cella frigorifera a 2c ogni quante ore mi spetta uscire, e quanti minuti di pausa mi spettano ? Se mi potete dare una risposta più veloce possibile grazie.
Autore: Alfonso di maio16/09/2017 (19:07:30)
Salve lavoro anche io in cella a -19 gradi... chiedevo ma in cella frigorifera di perde peso? Visto che ne ho perso da quando lavoro lì dentro... se mi potete risp. Grazie in anticipo!
Rispondi Autore: Stefano08/08/2018 (14:30:49)
Spiacente ma io lavoro a -20 e -30 8 ore al giorno, non sono previste pause specifiche, a parte la pausa pranzo.
Rispondi Autore: Antonio Raffaele pilagatti29/10/2017 (11:43:08)
Salve un informazione ho 60 anni compiuti e 38 anni di contributi di cui 23 anni svolti in celle frigorifere a -25 vorrei sapere se il nostro lavoro rientra nei lavori usuranti.p.s.sto ancora lavorando nelle celle.spero in una vostra risposta grazie.
Rispondi Autore: The Freezer30/10/2017 (10:51:54)
Secondo me chi lavora in cella dovrebbe percepire la metà dello stipendio di un operaio comune perché il fresco mantiene giovani ed è già di per sé un benefit... Facciamo 500 euro al mese per 45 ore di lavoro e non se ne parli più?
Rispondi Autore: Paternoster tommaso07/07/2018 (16:29:58)
Salve, lavoro in cella a -20 da 5 anni, in busta paga ho la qualifica di operaio. Volevo sapere se ho diritto a un indennità in busta paga

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!