Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Il microclima nei luoghi di lavoro

Redazione
 Redazione
 Luoghi di lavoro
14/11/2012: I chiarimenti del Ministero del lavoro circa le disposizioni che disciplinano il microclima nei luoghi di lavoro e gli organi competenti ad accertare che tali disposizioni siano rispettate.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità
 
Pubblichiamo i chiarimenti del Ministero del lavoro circa le disposizioni che disciplinano il microclima nei luoghi di lavoro e gli organi competenti ad accertare che tali disposizioni siano rispettate, tratto dal sito del Ministero - sezione sicurezza lavoro.
 
Quali sono le disposizioni del d.lgs. 9 aprile 2008, n.81, che disciplinano il microclima nei luoghi di lavoro e quali sono gli organi competenti ad accertare che tali disposizioni siano rispettate?
A riscontro del quesito proposto, si evidenzia che il D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i., anche noto come Testo Unico di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (di seguito T.U.), contiene, nel Titolo II, una serie di disposizioni volte a stabilire le caratteristiche dei luoghi di lavoro necessarie per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori.
 

Pubblicità
Luoghi di lavoro in DVD
Formazione sui rischi specifici presenti nei luoghi di lavoro, vie di circolazione, scale, ponteggi (Art. 37 D.Lgs. 81/08) in DVD
 
 
A tal scopo, l’articolo 63 del T.U., prevede che i luoghi di lavoro devono essere conformi ai requisiti indicati nell’allegato IV del medesimo T.U. che, al punto 1.9. si occupa proprio del microclima prevedendo che "nei luoghi di lavoro chiusi, è necessario far sì che tenendo conto dei metodi di lavoro e degli sforzi fisici ai quali sono sottoposti i lavoratori, essi dispongano di aria salubre in quantità sufficiente ottenuta preferenzialmente con aperture naturali e quando ciò non sia possibile, con impianti di areazione.
1.9.1.2. Se viene utilizzato un impianto di aerazione, esso deve essere sempre mantenuto funzionante. Ogni eventuale guasto deve essere segnalato da un sistema di controllo, quando ciò è necessario per salvaguardare la salute dei lavoratori.
1.9.1.3. Se sono utilizzati impianti di condizionamento dell’aria o di ventilazione meccanica, essi devono funzionare in modo che i lavoratori non siano esposti a correnti d’aria fastidiosa.
1.9.1.4. Gli stessi impianti devono essere periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori”.
 
L’eventuale violazione di tali disposizioni potrà essere segnalata, nell’ambito della struttura aziendale, al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ( RLS) tra i cui compiti espressamente rientra quello di segnalare le eventuali irregolarità riscontrate.
Soggetti deputati al relativo controllo sono gli organi di vigilanza di cui all’articolo 13 del T.U. che, giova ricordarlo, sono le ASL competenti per territorio e, per quanto di specifica competenza, il corpo nazionale dei Vigili del fuoco e le Direzioni provinciali del lavoro, che possono accedere ai luoghi di lavoro per effettuare verifiche in materia solo nei casi indicati nel comma 2 della citata disposizione normativa.
A tali organi, oltre che alla Procura della Repubblica territorialmente competente, potrà essere inoltrata una segnalazione, quanto più dettagliata e documentata possibile, ai fini dell’eventuale intervento ispettivo.
 
Ministero del lavoro - FAQ - Microclima(formato PDF, 13 kB).
 
 
Fonte:Ministero del Lavoro.


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Davide
14/11/2012 (13:19:07)
Caspita che chiarimento !!! praticamente il Ministero non ha fatto altro che riportare il testo della normativa.
Forse chi ha posto il quesito si riferiva a parametri ben più definiti, quali temperatura ambientale, umidità relativa, ecc. ecc.
Rispondi Autore: giada giada
14/11/2012 (15:11:49)
Copia incolla perfettamente riuscito. Al Ministero hanno raggiunto gli obbiettivi previsti al 100% con annesso premio di produttività. Viva l'Italia.
Rispondi Autore: Luigi Bognolo
14/11/2012 (19:20:44)
questi chiarimenti sono così chiari che non si vedono
Rispondi Autore: Cesare
18/11/2012 (04:16:23)
Mi sento preso per il cuculo, e l'azienda sarà ben contenta che non si sia chiarito nulla.......
Intanto noi restiamo al caldo d'estate e al freddo d'inverno.

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!