Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Pubblicate le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi

Redazione
 Redazione
 Valutazione dei rischi
10/12/2012: Pubblicato il Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 che individua il modello di riferimento per l’effettuazione della valutazione dei rischi da parte dei datori di lavoro, di cui all’art. 29, comma 5, del D.lgs. n.81/2008.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Con il Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 sono state recepite le procedure standardizzate di effettuazione della valutazione dei rischi di cui all’art.29, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81 e s.m.i., ai sensi dell’art.6, comma 8, lettera f), del medesimo decreto legislativo.


Pubblicità
MegaItaliaMedia

Il documento, approvato dalla Commissione consultiva, individua il modello di riferimento per l’effettuazione della valutazione dei rischi da parte dei datori di lavoro, di cui all’art. 29, comma 5, del D.lgs. n.81/2008, al fine di individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione ed elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.

 
Se ne da avviso, tramite comunicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 285 del 6 dicembre 2012.
 
 
Fonte: Ministero del Lavoro.
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Blumatica
10/12/2012 (09:50:27)
.. ed alla fine è stata implicitamente data una proroga! Nelle prime pagine del decreto si puntualizza che è necessario differire l’entrata in vigore di tale decreto visto l’elevato numero di micro e piccole imprese che dovranno elaborare il DVR; all’articolo 2, infatti, si specifica che l’entrata in vigore è il 6 Febbraio 2013 anche se restano inalterati i termini del decreto legge n° 57 di maggio 2012, ossia che l’autocertificazione non è più ammessa dal 1 gennaio 2012. Cosa succederà, quindi, in questo arco temporale che va dal 1 Gennaio al 6 Febbraio? Questa sorta di vuoto verrà colmato da una "inattività" degli organi di vigilanza?
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti
15/12/2012 (08:26:42)
Fare leggi semplici NON conviene a molti...Bisognerebbe pensare ad una Valutazione dei Rischi delle Norme "ambigue" relative la sicurezza sul lavoro in quanto , più "ambigue" sono tanto più aumentano i rischi...
SPIEGATEMI POI COME CAVOLO FACCIO A TOGLIERE QUEL FASTIODISSIMO QUADRATINO DI FACEBOOK saltellante SU PUNTO SICURO...GRAZIE !
Rispondi Autore: enzo raneri
15/12/2012 (08:40:06)
Ma avete visto che non viene detto sui "sistemi di controllo" di cui all'articolo 33 del D.Lgs. 81/2008 ???
Io metto sempre queste fra la misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza (di cui all'articolo 28 comma 1 lettera c), programmandone la frequenza, in relazione ai vari gradi di rischio residuo scaturenti dalle varie parti della valutazione dei rischi e quindi delle varie misure di prevenzione e protezione attuate.
Rispondi Autore: enzo raneri
15/12/2012 (08:41:26)
Ma avete visto che non viene detto NULLA sui "sistemi di controllo" di cui all'articolo 33 del D.Lgs. 81/2008 ???
Io metto sempre queste fra la misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza (di cui all'articolo 28 comma 1 lettera c), programmandone la frequenza, in relazione ai vari gradi di rischio residuo scaturenti dalle varie parti della valutazione dei rischi e quindi delle varie misure di prevenzione e protezione attuate.
Rispondi Autore: Cristina Froio
18/12/2012 (10:42:55)
Vorrei sapere qual'è il termine ultimo e massimo perchè un'azienda che può usufruire delle procedure semplificate possa adempiere al dvr. Ho il dubbio che siano: 60 giorni dal 31/12 o dal 30/11 o sono 60 giorni + 3 mesi dall'entrata in vigore delle procedure standarizzate quindi 30/04??
Rispondi Autore: Fabrizio Panichi
07/01/2013 (10:48:09)
Buongiorno a tutti, volevo una precisazione al riguardo delle nuove procedure standardizzate. Ma in una azienda come meno di 10 addetti, se nel passato aveva già valutato i rischi con una autocertificazione (modello tipo "Buffetti" ex 626) ed aveva allegato ad esso (essendo presenti questi rischi) il Rilievo rumore, la valutazione rischio chimico e vibrazioni, SECONDO VOI DEVE PROCEDERE DI NUOVO ALLA REDAZIONE DEL NUOVO DOCUMENTO SECONDO LE PROCEDURE ??? Grazie anticipatamente per ebentuali risposte in merito.
Rispondi Autore: Federica Colafrancesco
29/01/2013 (17:23:16)
scusate ma se una piccola impresa nel 2010 ha redatto il dvr ora dovrà rifarlo con le procedure standardizzate e applicarle alla lettera ho può mantenere il suo dvr?

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!