Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Protocollo sicurezza: la check list e le linee guida per le imprese

Protocollo sicurezza: la check list e le linee guida per le imprese
Redazione
 Redazione
 Valutazione dei rischi
08/04/2020: Una check list per documentare se le misure di sicurezza previste dal protocollo sono attivabili per i propri luoghi di lavoro e nel garantirne il rispetto.

Come noto le ultime disposizioni in materia di Coronavirus non comportano l’obbligo di chiusura di tutte le attività. È però obbligatorio, per le aziende che possano e decidano di continuare le attività, il rispetto di misure di sicurezza che garantiscano la salute delle persone presenti all’interno dell’azienda e la salubrità dell’ambiente di lavoro.

 

Tali misure sono anche elencate nel Protocollo elaborato sulla base del “ Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” siglato a livello nazionale dalle Parti Sociali il 14 marzo, ratificato nella medesima giornata a livello regionale. E’ il del Datore di Lavoro che deve valutare se le misure sono attivabili per i propri luoghi di lavoro e nel garantirne il rispetto, dandone preferibilmente evidenza.

 

 

Pubblicità
Datore di Lavoro RSPP (Rischio Medio) - Aggiornamento 10 ore
Corso online di aggiornamento per Datori di Lavoro RSPP (DLSPP) nelle aziende a Rischio Medio
 

A tal fine suggeriamo l’utilizzo di una check list per documentare la valutazione di questa attività

In tal senso suggeriamo:

  • di verificare l’attuabilità delle misure per tutti i lavoratori, anche per quelli che operano all’esterno dell’azienda, con particolare riferimento a:

– possibilità di rispettare in maniera costante ed effettiva il criterio di distanza droplet (almeno 1 metro di separazione);

– pulizia delle mani e sanificazione delle superfici;

  • di sensibilizzare il personale sulle misure intraprese;
  • di verificare, direttamente o attraverso i preposti, il corretto e costante adempimento delle regole di comportamento intervenendo in caso di violazione.

 

Nel caso in cui non fosse possibile attivare misure adeguate e continue va valutata l’ipotesi di interrompere l’attività produttiva.

Alleghiamo una sintesi delle misure da attuare e il testo integrale del protocollo condiviso.

 

CHECK LIST

 

LINEE GUIDA CONFARTIGIANATO ARTSER

 

Governo e parti sociali - Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro

 

Fonte: Confartigianato

 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: DONATO ERAMO - likes: 0
11/04/2020 (13:29:50)
Invece di : "E’ il del Datore di Lavoro che deve valutare se le misure sono attivabili per i propri luoghi di lavoro e nel garantirne il rispetto, dandone preferibilmente evidenza" direi: "E' del Datore di Lavoro congiuntamente al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e al Medico Competente che devono valutare se le misure sono attivabili per i propri luoghi di lavoro e nel garantirne il rispetto, dandone preferibilmente evidenza"

Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!