Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Record di denunce per le malattie professionali

Pubblcità


2009: record di denunce per le malattie professionali
Di Adelina Brusco

Il 2009 è stato un anno record per le malattie professionali: 34.646 denunce complessive, il valore più alto degli ultimi 15 anni, il 15,7% in più rispetto al 2008 e circa il 30% in più nell’ultimo quinquennio.


Pubblcità
Defibrillatore HeartStart HS1
Defibrillatore semi-automatico (DAE) aggiornato alle nuove guide I.R.C.

Forti impennate si sono registrate, in particolare, per le malattie dell’apparato muscolo-scheletrico dovute a sovraccarico biomeccanico: 17.600 denunce nel 2009, il 36% in più rispetto all’anno precedente, il doppio dal 2005. Contestualmente continuano a diminuire le patologie “storiche” come l’ipoacusia da rumore (-17% dal 2005 al 2009), le malattie respiratorie (-12,5%) e le cutanee (-37,5%).
 
TAV. 1: MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATE PER ANNO DI MANIFESTAZIONE ANNI 2005-2009
 



A determinare il forte aumento delle denunce, iniziato già da alcuni anni, è stata soprattutto la
maggiore consapevolezza dei soggetti coinvolti (lavoratori, datori di lavoro, parti sociali, medici, ecc.) in materia di tutela assicurativa delle malattie professionali, frutto dell’impegno profuso dall’INAIL nell’opera di sensibilizzazione e informazione. Da considerare, inoltre, l’entrata a regime delle nuove tabelle delle malattie professionali in cui sono inserite anche le patologie da sovraccarico biomeccanico e da vibrazioni meccaniche esonerate ormai dall’onere della prova del nesso causale con l’attività svolta.
 



Dati INAIL, luglio 2010 (formato PDF, 57 kB).


Fonte: Inail.


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!