Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Valutazione dei rischi: approvate le procedure standardizzate

Pietro de' Castiglioni
 Pietro de' Castiglioni
 Normativa
17/05/2012: La Commissione consultiva per la salute e sicurezza sul lavoro ha approvato le procedure per effettuare la valutazione dei rischi nelle microimprese fino a 10 dipendenti. Le nuove scadenze.
Pubblicità
 
Roma, 17 Mag - La Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro istituita presso il Ministero del Lavoro ha approvato ieri le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi nelle aziende che occupano fino a 10 lavoratori [*]
 
Le nuove procedure saranno recepite attraverso un decreto interministeriale, già in preparazione, acquisito il parere della Conferenza Stato-Regioni.

Pubblicità
MegaItaliaMedia

All’entrata in vigore delle procedure, i datori di lavoro delle aziende fino a 10 lavoratori potranno quindi procedere alla valutazione dei rischi come previsto dal comma 5 dell’articolo 29 del D.lgs. 81/08 e dopo pochi mesi cesserà anche il regime transitorio che consente a questi datori di lavoro di autocertificare l’effettuazione della valutazione dei rischi.
 
La possibilità di autocertificazione terminerà infatti il terzo mese successivo alla data di entrata in vigore delle procedure standardizzate, e comunque non oltre il 31 dicembre 2012, così come previsto dalle modifiche apportate dal recente DECRETO-LEGGE** 12 maggio 2012, n. 57 all’art. 29 comma 5 del D.lgs. 81/08:
 
5. I datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f). Fino alla scadenza del terzo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale di cui all'articolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2012, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l’effettuazione della valutazione dei rischi. Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attività di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d) nonché g).
 
[*] Con l’approvazione delle procedure standardizzate anche i datori di lavoro che occupano fino a 50 lavoratori potranno avvalersi di questa modalità per la valutazione dei rischi, possibilità finora esclusa in quanto il comma 6 dell’articolo 29 prevedeva che in assenza di tali procedure la valutazione dei rischi dovesse essere effettuata secondo le procedure ordinarie previste dall’articolo 28 del D.lgs. 81/08:
 
6. I datori di lavoro che occupano fino a 50 lavoratori possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f). Nelle more dell’elaborazione di tali procedure trovano applicazione le disposizioni di cui ai commi 1, 2, 3, e 4.
 
 
Pietro de’ Castiglioni
 


[**]Decreto-legge che deve essere convertito in legge entro 60 giorni, pena la decadenza.


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Francesco Garruto - likes: 0
17/05/2012 (00:42:04)
Nel numero di ieri si parlava di rinvio della valutazione dei rischi per le PMI. In quello di oggi si parla di approvazione delle procedure!!! Che cosa è successo?
Rispondi Autore: Rolando Dubini - likes: 0
17/05/2012 (01:24:42)
E' successo che l'Italia è coinvolta in una procedura comunitaria nella quale si contesta al nostro paese, tra l'altro, l'autocertificazione della valutazione dei rischi come modalità che è in cotnrasto con l'obbligo incondizionato di ogni datore di lavoro dei paesi della comunità europea di elaborare, e dunque documentare, la valutazione dei rischi. La Germania in passato subì una condanna dalla corte di Giustizia proprio perchè aveva agevolazioni per le PMI simili a quella italiana.
Rispondi Autore: Francesco Garruto - likes: 0
17/05/2012 (05:29:34)
Nel numero di ieri si parlava di rinvio della valutazione dei rischi per le PMI. In quello di oggi si parla di approvazione delle procedure!!! Che cosa è successo?
Rispondi Autore: Marco Magni - likes: 0
17/05/2012 (12:04:56)
Occorre tenere presente che il D.L. 57 del 14/05/12 regolamenta il documento di valutazione dei rischi (e non l'obbligo di effettuare una valutazione dei rischi ed attuare le relative misure di sicurezza individuate) per le aziende che occupano fino a 10 lavoratori (e non tutte le PMI).

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!