Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Un manuale per la sicurezza e l’attuazione di SGSS nei luoghi di lavoro

20/04/2009: Disponibile on line un manuale per la definizione della politica della sicurezza e per l’attuazione di un sistema per la gestione della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro.
Pubblicità

 
---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Questo manuale nasce nell’ambito del progetto “Verona Aziende Sicure”, un progetto che - partendo dal dato che vede la provincia di Verona ai primi posti nella graduatoria nazionale quanto ad indice di frequenza degli infortuni sul lavoro - ha l’obiettivo di incrementare il livello di sicurezza nelle imprese del territorio.
 
Questo corposo documento, coordinato nella sua produzione e stesura dallo SPISAL dell’Azienda ULSS 20 di Verona, riporta indicazioni operative che derivano dalle esperienze di alcune aziende private e pubbliche operanti nel territorio.
Si possono trovare dunque indicazioni, spunti e pratiche “al fine di applicare i riferimenti essenziali, sia di natura legale che volontaria, necessari per implementare e sviluppare un sistema di gestione per la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro in forma strutturata e contestualmente coerente alle aspettative di Legge”.
Il campo di applicazione di queste indicazioni è estendibile a “qualsiasi organizzazione qualunque siano le sue dimensioni, l'ambito di collocazione dell’attività svolta e le finalità istituzionali”.
 
Questo manuale non si può considerare una linea guida, nasce unicamente allo “scopo di offrire una proposta procedurale a tema a livello tecnico ed operativo per applicare:
-  quanto la normativa di merito prevede, in particolare il nuovo testo unico per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro, il DLGS nr. 81 del 09.04.2008;
- quanto risulta funzionale (e raccomandabile) per strutturare la propria organizzazione in relazione alle tematiche di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro secondo standard riconosciuti quali OHSAS 18001:2007, Linee Guida UNI-INAIL, ecc”.
 
Collegati al manuale tecnico un gran numero di allegati e una lunga raccolta di check list applicative, di cui ci riserviamo di presentare l’elenco in un successivo articolo di PS.
 
L’indice sommario del documento:
1 – SCOPO;
1.1 Vantaggi conseguibili con l’implementazione di un sistema di gestione per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro;
2 - CAMPO DI APPLICAZIONE;
3 - LE RESPONSABILITÀ (la responsabilità soggettiva individuale, il principio di effettività, la responsabilità amministrativa d’impresa, il DLGS nr. 231/2001, il “Modello Organizzativo”, …);
4 - LA POLITICA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO; 
4.1 Cosa è la Politica;
4.2 Chi emana la Politica;
4.3 Quali sono i contenuti minimi della Politica; 
5 - L’ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO; 
5.1 Requisiti generali di attuazione e funzionamento;
5.2 Struttura, soggetti, compiti e responsabilità;
5.4 Deleghe di funzione in tema di sicurezza: criteri e requisiti;
5.5 Le squadre per la gestione delle emergenze (pronto soccorso ed antincendio);
5.6 L’organigramma della sicurezza;
5.8 Appalti ed affidamento d’opera (responsabilità generali, progettazione preventiva, valutazione individuazione dei fornitori, compiti e responsabilità, ruoli e obblighi, i documenti, il D.U.V.R.I., serie delle attività operative ed esecutive di appalto, giurisprudenza, …);
5.9 I macchinari (riferimenti legislativi, marcatura CE, estensione degli obblighi a situazioni di nolo, affitto, comodato d’uso, obbligo di informazione ed istruzione, …);
5.10 La manutenzione;
5.11 I dispositivi di protezione individuale (D.P.I.); 
5.12 La segnaletica per la sicurezza;
5.13 Infortuni (gestione degli infortuni, aspetti operativi, prevenzione, analisi, …);
5.14 La comunicazione e la consultazione;
5.15 L’informazione, la formazione e l’addestramento;
5.16 La documentazione: tipi, contenuti e gestione; 
5.17 Controllo operativo;
5.18 Capacità di reazione ai rischi ed alle emergenze;
5.19 Verifiche e valutazioni sull’efficacia del sistema (riesame della direzione); 
6 - CONCLUSIONI METODOLOGICHE.
 
Gli allegati:
1 DLGS nr. 81/2008 : Articolato, scadenziario di applicazione, nuovi adempimenti e corrispondenze con l’ordinamento abrogato;
2 Glossario della sicurezza e salute sul luogo di lavoro e definizioni legali;
3 Matrice del documento “Modello organizzativo” ex DLGS nr. 231/2001;
4 Codice etico della “ ICOH ”(International Commission on Occupational Health);
5 Allegato 3 A del DLGS nr. 81/2008 – Cartella sanitaria e di rischio;
6 Esempio di matrice per relazione sanitaria annuale;
7 Check List di valutazione e qualificazione produttiva, ambientale e di sicurezza di nuovi prodotti e/o processi produttivi, incluse le loro modifiche significative;
8 Scheda di valutazione consuntiva dei fornitori;
9 Liste di riscontro per gli adempimenti relativi ai cantieri mobili o temporanei;
10 Documento di informazione sui rischi (destinatario appaltatore e lavoratore autonomo);
11 Verbale di sopralluogo congiunto (in concomitanza ad appalti e prestazioni d’opera);
12 Esempi di moduli per la regolamentazione delle attività (in concomitanza ad appalti e prestazioni d’opera);
13 Piano periodico di manutenzione preventiva (estratto solo come esempio della struttura da applicare);
14 Esempio di scadenziario adempimenti periodici;
15 Esempio di rapporto semplificato di infortunio;
16 Esempio di modulo d’intervista all’infortunato;
17 Esempio di modulo per segnalazione verbale;
18 Report periodico degli infortuni;
19 Modulo di indagine per gli infortuni ed i mancati infortuni;
20 Esempio di documento di informazione sui rischi specifici: impiego dei carrelli elevatori e transpalletts;
21 1° Esempio di fascicolo di informazione sui rischi e conseguenti indicazioni comportamentali;
22 2° Esempio di fascicolo di informazione sui rischi e conseguenti indicazioni comportamentali;
23 Diagramma formativo;
24 Fac-simile ministeriale del Libretto Formativo del Cittadino;
25 Esempio di modulo di registrazione delle attività formative, informative e dell’addestramento;
26 1° Esempio di modulo di valutazione del livello di apprendimento;
27 2° Esempio di modulo di valutazione del livello di apprendimento;
28 Esempio di Raccolta leggi , regolamenti e norme tecniche;
29 Modulo di Non Conformità.
 
 
ULSS 20, 21 e 22 della Regione Veneto, Premessa al manuale tecnico - operativo(formato PDF, 180 kB).
 
 
ULSS 20, 21 e 22 della Regione Veneto, Allegati al Manuale tecnico - operativo(formato PDF, 11,4 MB).
  
 
Tiziano Menduto


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Tiziano Gambini - likes: 0
19/02/2015 (22:31:25)
Uno strumento ben fatto e utilissimo per chi opera nell' ambito della prevenzione e della tutela della sicurezza.
Complimenti veramente meritati al team dell' USSL veneta.

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!