Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Decreto Milleproroghe: le modifiche al testo originario – parte II

Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 Incentivi
12/03/2008: Continua l’analisi del testo della conversione in legge del Decreto “Milleproroghe”. Rinvio delle norme impiantistiche, istituzione di contributi ai comuni con siti per il trattamento e lo stoccaggio di rifiuti speciali, novità RAEE.
Pubblicità

 
Come già anticipato in un precedente articolo di PuntoSicuro, mercoledì 27 febbraio il Senato ha approvato in via definitiva il testo di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, recante "proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria" (cosiddetto “milleproroghe”).
Il testo di conversione è raccolto nella legge 28 febbraio 2008 n. 31 ed è stato pubblicato il 29 febbraio 2008.
 
Dopo aver presentato le modifiche rispetto al decreto di dicembre in relazione alla prevenzione incendi nelle strutture ricettive, agli arbitrati e alle norme tecniche di costruzione, continuiamo nella ricerca di novità di rilievo.
 
Dopo l’articolo 29, denominato “Incentivi per l'acquisto di veicoli a ridotta emissione con contestuale rottamazione di veicoli usati”, viene inserito un nuovo articolo 29-bis che recita che “al comma 1 dell’articolo 3 del decreto-legge 28 dicembre 2006, n. 300, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2007, n. 17, le parole: ‘31 dicembre 2007’ sono sostituite dalle seguenti: ‘31 marzo 2008’ “.
 
Con questo nuovo articolo compare il rinvio delle norme impiantistiche contenute nel Testo Unico sull'Edilizia (DPR 380/01) che era mancato nel decreto di dicembre e la cui assenza aveva sollevato alcuni dubbi interpretativi riguardo al “riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici” (Legge 248/2005).
 
Con l’articolo 29-bis viene prorogata al 31 marzo 2008 l’entrata in vigore della Parte II, Capo V del Testo unico in materia di edilizia (Installazione degli impianti all’interno degli edifici).
 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





L’articolo 30 conferma la “Proroga dei termini di cui al decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 151, in materia di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche” (RAEE). Viene cioè prorogata al 31 dicembre 2008 l’applicazione del sistema di responsabilità individuale del produttore per i AEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche) e l’obbligo dei distributori di ritirare l'usato al momento della fornitura di nuove AEE.
Il testo di conversione in legge del decreto amplia tuttavia l’applicabilità dell’articolo e fa specifico riferimento anche ai RAEE professionali in aggiunta a quelli domestici già citati nel decreto di dicembre.
 
Le disposizioni all’articolo 33 del “Milleproroghe” in materia di rifiuti sono confermate: “Il termine di cui all'articolo 7 del decreto-legge 11 maggio 2007, n. 61, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 luglio 2007, n. 97, è prorogato al 31 dicembre 2008”.
 
Tuttavia all’articolo sono stati aggiunti alcuni comma. Tra questi:
 
- un comma 1-bis in cui è indicato che “il termine di cui al comma 1-ter dell’articolo 3 del decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2003, n. 368, è prorogato al 31 dicembre 2010, fatto salvo quanto previsto dalla normativa comunitaria e da accordi intergovernativi”;
 
- un comma 1-ter con il quale “all’articolo 5 del decreto-legge 31 maggio 2005, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 luglio 2005, n. 152, le parole: «31 dicembre 2007» sono sostituite dalle seguenti: «31 dicembre 2008».
 
Inoltre il comma 1-quater istituisce “nello stato di previsione del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare un apposito fondo, con una dotazione di 1.500.000 euro annui per ciascuno degli anni 2008, 2009 e 2010, per la corresponsione di contributi ai comuni in relazione ai disagi di carattere sociale e ambientale derivanti dalla localizzazione nei rispettivi territori di siti per il trattamento e lo stoccaggio di rifiuti speciali”.
 
Per gli abbonati alla Banca dati di PuntoSicuro è possibile consultare il testo coordinato del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 con la legge di conversione 28 febbraio 2008, n. 31.
 
 
Tiziano Menduto


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!