Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

In un decennio gli infortuni sul mare diminuiti di oltre un terzo

Redazione
 Redazione
 Dati e statistiche
13/05/2013: Una riduzione del 38% nel periodo compreso tra il 2002 e il 2011: la maggior parte del naviglio assicurato è impegnato nell'attività di pesca costiera e quasi tutte le denunce riguardano episodi avvenuti a bordo.
Roma, 13 Mag – Nel decennio compreso tra il 2002 e il 2011 gli infortuni sul lavoro nel comparto marittimo denunciati all’Inail si sono ridotti di circa il 38%, passando da 1.614 casi a 1.002. Come emerge dalla parte dell'ultimo rapporto annuale dell’Istituto dedicata alle statistiche di infortuni e  malattie professionali, il calo è stato particolarmente rilevante tra il 2010 e il 2011, con una diminuzione pari al 21%.
 
Assicurati gli equipaggi di più di settemila imbarcazioni. Sono 988, pari al 98,6% del totale, gli infortuni che nel 2011 si sono verificati sul luogo di lavoro, ovvero a bordo delle navi, mentre nel restante 1,4% dei casi (14 in termini assoluti) si è trattato di  infortuni in itinere, occorsi cioè nel percorso casa-lavoro-casa. Nello stesso anno, il settore Navigazione dell’Inail ha assicurato gli equipaggi di 7.198 imbarcazioni per conto di 5.012 imprese armatoriali. La maggior parte del naviglio assicurato, circa il 46%, è stato impegnato nell'attività di pesca, svolta prevalentemente lungo le coste continentali e insulari italiane, a distanza non superiore alle venti miglia. Sia le unità assicurate che le imprese armatoriali sono risultate in leggera crescita, rispettivamente del 2,8% e del 2,3% rispetto all’anno precedente.

Pubblicità
La sicurezza nei cantieri navali in DVD
Formazione sui rischi specifici nella costruzione e riparazione navale (Art. 37 D.Lgs. 81/08) in DVD

Oltre la metà dei casi sulle navi passeggeri. Con oltre la metà dei casi, le navi passeggeri sono quelle in cui si è verificato il maggior numero di infortuni sul luogo di lavoro e, insieme alla categoria del carico (trasporto merci) e al settore pesca, coprono oltre l'85% dei casi avvenuti nel 2011. Dal punto di vista della variazione del numero degli infortuni rispetto al 2010, il calo per le categorie passeggeri, carico e pesca è stato rispettivamente del 23,5%, 19,6% e 15,5%.
 
La distinzione tra registro italiano e internazionale. L’Inail, in particolare, assicura contro gli infortuni e le malattie professionali tutti i lavoratori che compongono l’equipaggio delle navi che battono bandiera italiana, compresi quelli addetti ai servizi alla persona – come hostess, cuochi, camerieri, parrucchieri, musicisti – a bordo dei natanti adibiti al trasporto passeggeri. Sulle navi iscritte nel registro internazionale, come la Costa Concordia naufragata all’Isola del Giglio, l’Istituto assicura invece soltanto il personale comunitario.
 
 
Fonte: Inail.
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!