LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroAbbonati alla Banca Dati di PuntoSicuro
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Sicurezza e salute dei lavoratori in volo e negli aeroporti


Una giornata di studio affronta l’evoluzione del mondo del trasporto aereo in Italia e presenta un progetto per contribuire alla sicurezza sul lavoro nel comparto produttivo aeronautico e aeroportuale. Aeroporti commerciali e attività in volo.

Pubblicità
 
 
Roma, 25 Gen – Negli ultimi anni il mondo del trasporto aereo è radicalmente cambiato. Il mercato, attraverso nuove politiche di prezzo e una grande competitività tra le aziende, si è aperto a una nuova clientela.
In questo passaggio come è cambiata la sicurezza dei voli e la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori?
 
A questa e a altre domande ha cercato di rispondere la giornata di studio “Salute e Sicurezza sul lavoro in ambito aeroportuale e aeronautico” che si è tenuta il 4 ottobre 2012 a Roma nella sede della Direzione Generale dell' INAIL.
In particolare durante la giornata è stato presentato un progetto sperimentale proposto e sviluppato dall'Inail, con la collaborazione dell' Ente Nazionale Aviazione Civile (ENAC), del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e delle società leader nel settore aeronautico italiano, sulle problematiche della salute e sicurezza sul lavoro nel comparto produttivo aeronautico e aeroportuale, un comparto particolare e strategico per il Paese.
 
Sono state illustrate le attività svolte e l’analisi dei dati acquisiti ha permesso di definire – come indicato nel programma – “procedure operative, metodiche di misura e fattori di pericolo con conseguente valutazione dei rischi, a scopo prevenzionale per le particolari mansioni e attività necessarie alla gestione delle attività aeroportuali e aeronautiche sia in volo che a terra. È stato affrontato, inoltre, il problema assicurativo del personale di volo”.
 
In relazione agli atti pubblicati sul nuovo canale Sicurezza dell'Inail, ci soffermiamo brevemente sul progetto come descritto nell’intervento “ Salute e sicurezza dei lavoratori in ambito aeronautico e aeroportuale. Il contributo dell’INAIL”, a cura di Gabriella Mancini (CONTARP, Inail).
 
Oltre alla diminuzione delle tariffe, all’aumento degli aeroporti e delle tratte sul territorio nazionale, nell’ultimo decennio si è assistito a un “importante aumento di competitività fra tutte le aziende del settore grazie alla riduzione dei costi di esercizio”.
Tuttavia è necessario che tale riduzione “non influisca sui costi della sicurezza, naturalmente del volo, né sui costi relativi alla salute e sicurezza dei lavoratori”. Ed è proprio in questo contesto che si è inserito il progetto che l’INAIL ha sviluppato con gli attori più importanti del mondo del trasporto aereo italiano.

Pubblicità

 
Sono stati identificati i fattori di pericolo e valutati i rischi conseguenti “per le attività di linea e di volo, relativamente alle attività sottobordo, necessarie prima del decollo e dopo l’atterraggio, e alle attività a bordo durante il volo”.
In particolare è stata focalizzata l’attenzione “su quei rischi forse meno studiati e più particolari delle linee di volo, delle attività aeroportuali, limitatamente alla piazzola di sosta dei velivoli in pista e delle attività in volo. L’identificazione e analisi dei pericoli e la conseguente valutazione dei rischi specifici è iniziata partendo dall’analisi del ciclo produttivo per le zone e le mansioni considerate”.
Per rilevare i rischi ci si è soffermati ad esempio su:
- “apparecchiature di bordo, asservite alla sicurezza e all’efficienza della navigazione aerea, che costituiscono sorgenti di campi elettromagnetici a varie frequenze”;
- “esposizione alle sostanze presenti nel carburante”;
- “composti organici aerodispersi maggiormente rilevanti da un punto di vista tossicologico”;
-rumore;
-vibrazioni sul corpo intero;
-polveri ultrafini, provenienti dai prodotti di combustione e dall’aria che fuoriesce dal ciclo di raffreddamento dell’apparato frenante;
- l’errore umano, considerato in termini di frequenza e probabilità”.
 
Le indagini sono iniziate “da una elisuperficie, una ‘linea di volo’ circoscritta, con poche attività interferenti, indispensabile per testare le risorse disponibili, tarare la strumentazione e approfondire le conoscenze”.
Infatti sulla linea di volo per il decollo e atterraggio degli elicotteri “si svolgono i collaudi per le macchine nuove, le revisioni periodiche dei velivoli, i test a terra, la messa a punto finale delle macchine e le prove di volo”.
 
Lo sviluppo successivo è stato quello di studiare le attività in pista degli aeroporti commerciali e le attività in volo.
Riguardo alle attività in volo ci si è basati sulle “attività svolte dai piloti e dagli assistenti di volo”. Del luogo di lavoro, l’aeromobile, sono stati considerati “l’interno cabina, le postazione in galley e in cokpit (cabina di pilotaggio). I rilievi necessari alle attività sono stati, ovviamente, svolti durante il volo, considerando tutte le fasi, dall’attesa a terra, al rullaggio in pista, al decollo, all’atterraggio con rullaggio e parcheggio”.
 
L'obiettivo finale del progetto è quello di contribuire alla diffusione degli strumenti di sicurezza e prevenzione valutando i rischi professionali specifici per i lavoratori coinvolti e fornendo “elementi utili per migliorare l’ organizzazione del lavoro, definire il rischio residuo e delineare le azioni necessarie per tenerlo sotto controllo attraverso la definizione di procedure operative, modalità di misurazione, monitoraggi continui e attraverso il coinvolgimento dei lavoratori”.
 
La descrizione dettagliata dei risultati ottenuti è riportata nelle relazioni tecniche allegate agli atti su cui PuntoSicuro si soffermerà nei prossimi giorni.
 
Gli atti della giornata di studio:
 
- “ Salute e sicurezza dei lavoratori in ambito aeronautico e aeroportuale. Il contributo dell’INAIL” - Gabriella Mancini - CONTARP INAIL (formato PDF, 986 kB);
- “ Il rischio rumore per gli addetti all’attività di linea volo di un aeroporto commerciale e per il personale di volo” - Marco Mecchia - CONTARP INAIL (formato PDF, 757 kB);
- “ Le radiazioni NIR” - Laura Filosa - CONTARP INAIL (formato PDF, 1.18 MB);
- “ La misura della potenziale esposizione a particelle ultrafini aerodisperse durante le attività aeroportuali e a bordo di aeromobili” - Giuseppe Castellet y Ballarà - CONTARP INAIL (formato PDF, 629 kB);
- “ Normativa sulle radiazioni cosmiche per il personale di volo” - Antonello Furia – ENAC (formato PDF, 309 kB);
- “ Studio dello human factor in aziende del settore aeronautico” - Annalisa Guercio - CONTARP INAIL (formato PDF, 1.18 MB);
-  “ La posizione assicurativa del personale di volo” - Silvana Toriello - DC Rischi INAIL (formato PDF, 297 kB);
-  “ Il rischio chimico in campo aeronautico e aeroportuale” - Ilaria Barra, Maria Rosaria Fizzano, Giuseppina Novembre - CONTARP INAIL (formato PDF, 1008 kB);
-  “ Il rischio da vibrazioni al corpo intero per le attività svolte sui mezzi aeroportuali e sugli aeromobili in volo” - Paolo Panaro, Giovanni Stefani - CONTARP INAIL (formato PDF, 351 kB);
-  “ Misurazione degli agenti chimici e fisici a bordo degli aeromobili. Strumentazione consentita e relative procedure autorizzative” - F. D'Urso - ENAC (formato PDF, 239 kB).
 
 RTM

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: