Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Documenti on line per i Medici Competenti

12/03/2009: Lo SPISAL dell’ULSS 6 di Vicenza cura una sezione on line dedicata ai Medici Competenti. Due i documenti presenti: un modello di dichiarazione e un protocollo d’intesa sugli accertamenti sanitari per assenza di tossicodipendenza.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità

Abbiamo già segnalato in passato il Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPISAL) collegato all'Azienda Unità Locale Socio Sanitaria 6 di Vicenza per la sua opera di archivio e divulgazione di diversi documenti relativi alla sicurezza sul lavoro.


---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





 
Questo prolifico SPISAL gestisce in rete anche una sezione dedicata ai Medici Competenti che “vuole essere un contenitore di documenti rilevanti e di idee oltre a schemi o modelli utilizzabili nella pratica quotidiana”.
Infatti con il D. Lgs. 81/2008 il legislatore ha inteso rafforzare la tutela della salute dei lavoratori ampliando gli obblighi di sorveglianza sanitaria e rafforzando così la funzione del Medico Competente.
Medico Competente che - definito all’art. 2, comma 1, lettera h come “medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui all'articolo 38, che collabora, secondo quanto previsto all'articolo 29, comma 1, con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto” – è ora un collaboratore qualificato per diversi compiti inerenti la struttura preventiva aziendale.
Ad esempio per la valutazione dei rischi che vede la costante collaborazione del Medico Competente a fianco del Datore di lavoro, del RSPP e dei RLS.
Inoltre - come indica la presentazione di questa pagina web - i “risultati della sorveglianza sanitaria possono ora “imporre al datore di lavoro una verifica delle misure di prevenzione aziendale, l'elaborazione di programmi di miglioramento e la realizzazione degli interventi conseguenti”.
Per tutto questo e perché i servizi di Vigilanza siano sempre meglio definiti e pianificati (come in relazione alla trasmissione periodica delle relazioni sanitarie), servono però strumenti di comunicazione condivisi ed adeguati, come quello messo a disposizione dallo SPISAL.
 
Al momento i documenti contenuti sono due:
 
- un modello di dichiarazione sostitutiva di certificati ai fini dell’iscrizione nell’Elenco Nazionale dei Medici Competenti istituito presso il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali (artt. 25 comma 1 e 38 comma 4 D. Lgs. 81/2008);
 
 
Nelle premesse del protocollo d’intesa si ricorda che le procedure indicate devono essere finalizzate primariamente a prevenire incidenti collegati allo svolgimento di mansioni lavorative a rischio.
E dunque i principi generali che le ispirano devono essere dettate “da un indirizzo di cautela conservativa nell’interesse della sicurezza del singolo e della collettività, che prevedano la non idoneità di tali lavoratori allo svolgimento di mansioni a rischio nel caso in cui usino sostanze stupefacenti e/o psicotrope, indipendentemente dalla presenza o meno di dipendenza”.
Le procedure devono essere inoltre effettuate in modo tale da “garantire la privacy, il rispetto e la dignità della persona sottoposta ad accertamento”.
Riguardo poi al fatto che i lavoratori debbano essere sottoposti ad accertamento “prima dell’assunzione in servizio”, si “chiarisce che tale accertamento non è da intendere come accertamento ‘pre-assuntivo’ ma come ‘visita medica preventiva’ post assuntiva da eseguire comunque sul lavoratore prima di essere adibito al servizio lavorativo nella mansione specifica a rischio”.
 
 
 
 
 
 
Tiziano Menduto


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!