Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Alcune domande sui DPI

Redazione
 Redazione
 Lavoratori
30/10/2009: Requisiti, marcatura CE, uso e sicurezza dei dispositivi di protezione individuale: alcune domande e risposte ci danno indicazioni su come utilizzarli in modo sicuro ed efficace. Quali sono gli obblighi di datore di lavoro e lavoratori riguardo i DPI?
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
google_ad_client
 
Pubblichiamo alcune domande/risposte relative ai dispositivi di protezione individuale (DPI) tratte dall’opuscolo “Capire la Sicurezza” pubblicato dall’Ispesl.

Il fascicolo è già stato presentato nei giorni scorsi da PuntoSicuro ed è aggiornato al D.Lgs. 81/2008, con le modifiche apportate dal D.Lgs. 106/2009.

“Cosa sono i DPI?
Si intende per dispositivo di protezione individuale (DPI) qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo.

La tuta è un DPI?
In generale no, perché non sono dispositivi di protezione individuale gli indumenti di lavoro ordinari e le uniformi non specificamente destinati a proteggere la sicurezza e la salute del lavoratore.

La cintura di sicurezza sul camion dell’azienda è un DPI?
No, non sono dispositivi di protezione individuale le attrezzature di protezione individuale proprie dei mezzi di trasporto stradali.


---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----




Quando si usano i DPI?
I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro.

Cosa sono i mezzi di protezione collettiva?
Sono dispositivi di protezione che non vanno indossati e che proteggono tutti i lavoratori di una certa area: ad esempio le tettoie di protezione contro la caduta di pietre, le reti per raccogliere i lavoratori che cadono dall’alto, un parapetto ecc.

Quali sono i requisiti di un DPI?
- essere marcati CE;
- essere adeguati ai rischi da prevenire; senza comportare di per sé un rischio maggiore;
- essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro;
- tenere conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore;
- potere essere adattati all’utilizzatore secondo le sue necessità.

Cosa è la marcatura CE?
La marcatura CE è una marcatura che il fabbricante del prodotto mette sui propri prodotti per attestare che ha rispettato i requisiti essenziali di sicurezza imposti dalla comunità europea per quel prodotto. È cioè una autocertificazione.

I prodotti marcati CE sono assolutamente sicuri?
No, i prodotti marcati CE sono sicuri solo se installati, utilizzati e manutenuti secondo le istruzioni del fabbricante.

Un DPI marcato CE protegge sicuramente il lavoratore?
NO. Il DPI marcato CE sicuramente non danneggia il lavoratore se usato secondo le istruzioni del fabbricante, ma potrebbe non essere idoneo a proteggere il lavoratore dai danni dovuti al suo lavoro. La scelta del DPI e la verifica dell’idoneità del DPI è compito del datore di lavoro, non del fabbricante del DPI.
Nella scelta occorre tenere conto di quanto indicato in precedenza.

La manutenzione del DPI è un dovere del lavoratore?
La manutenzione del DPI è un obbligo del datore di lavoro che può incaricare di ciò lo stesso lavoratore vigilando però che il lavoratore lo faccia e rimborsando le eventuali spese necessarie.

La consegna del DPI assolve il datore di lavoro da ogni responsabilità?
No, il datore di lavoro, dopo la consegna, ha l’obbligo di vigilare affinché i DPI vengano usati. La vigilanza deve essere come quella del buon padre di famiglia che arriva a punire i figli che non ubbidiscono e che non tollera che diventino abituali azioni pericolose quali quella del mancato utilizzo del DPI. In caso che il lavoratore insista a non utilizzare il DPI occorre attivare le procedure di richiamo, censura, multa, licenziamento secondo quanto previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro in caso di disobbedienza senza giustificato motivo.

Quali sono gli obblighi del lavoratore riguardo i DPI?
I lavoratori utilizzano i DPI messi a loro disposizione conformemente all’informazione e alla formazione ricevute e all’addestramento eventualmente organizzato.
I lavoratori:
a) hanno cura dei DPI messi a loro disposizione;
b) non vi apportano modifiche di propria iniziativa.
Al termine dell’utilizzo i lavoratori seguono le procedure aziendali in materia di riconsegna dei DPI. I lavoratori segnalano immediatamente al datore di lavoro o al dirigente o al preposto qualsiasi difetto o inconveniente da essi rilevato nei DPI messi a loro disposizione.

Il lavoratore può essere sanzionato se non usa i DPI?
Il lavoratore può essere sanzionato dall’organo di vigilanza se non usa i DPI messi a disposizione dal datore di lavoro con l’ammenda di €.150,00, da rivalutare ogni cinque anni in misura pari all’indice Istat dei prezzi a consumo.”
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: morena sperandio07/05/2013 (12:17:54)
le divise ospedaliere chi deve lavarle e stirarle ?
Rispondi Autore: Ali Hilali20/06/2018 (23:58:20)
Il datore di lavoro (impresa utilizzatrice) che puntualmente, consegna al dipendente somministrato un DPI difettoso e quest'ultimo, puntualmente, glielo segnala e lo restituisce ed usa un DPI suo personale (già in suo possesso dapprima dell'assunzione) e continua a richiedere ed a sollecitare la consegna di un ulteriore DPI che però, a distanza di mesi, non arriva .. Come può comportarsi e quali eventuali azioni può intraprendere nei confronti dell'utilizzatrice?
Rispondi Autore: Dario09/11/2018 (16:10:49)
Volevo sapere se dopo 5 mesi di lavoro a tempo determinato non ti rinnovano il contratto.
È obbligatorio restituire i DPI.
Addirittura me le vogliono addebbitare
Rispondi Autore: Noemi Marton08/12/2018 (10:13:30)
Nel caso un datore di lavoro fornisce ai lavoratori otoprotettori specifici per l'industria alimentare (quindi lavabili e riutilizzabili, con Metal detector, prezzo sul web 70 - 80 eur/50 paia) è legale il fatto che lo stesso DL richiede ai lavoratori - nel caso di perdita prima dei 3 mesi predefiniti per l'utilizzo - di pagare 5EUR/paia?
Rispondi Autore: Max mac01/02/2019 (16:12:04)
Un lavoratore può comprarsi dei dpi e sostituirli, nell'uso, a quelli consegnati dal datore di lavoro?

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!