Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Trento, 7 Nov - Varie volte abbiamo documentato l’uso improprio di una scala utilizzata come sostegno ad un piano di lavoro e con la foto dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi riprendiamo tale argomento.
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
La foto ha come retroscena un piccolo aneddoto, infatti mentre scattavo la fotografia, il pittore che aveva “costruito l’anomalo ponteggio” mi ha visto e tranquillo tranquillo mi ha detto: “…si ricorda che mi aveva già fotografato alcuni anni fa in una situazione simile a questa?”.
 
Che dire: errare è umano, perseverare è diabolico. Ed anche il tentativo di spiegargli perché il lavoro eseguito in quel modo non poteva dirsi sicuro e quali erano i rischi ai quali poteva andare incontro, non ha avuto esito positivo. La risposta è stata la classica: “così faccio prima e non perdo tempo”.
 
 
 
 
 
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: ALDO BELLI
07/11/2014 (09:13:25)
La battuta "si ricorda che mi aveva già fotografato alcuni anni fa in una situazione simile a questa" è una battuta di sfida, che va interpretata come "vede che sono ancora qua a lavorare, nonostante la continua esposizione ai rischi che mi sta segnalando?".
E l'altra battuta "così faccio prima e non perdo tempo" significa "riduco i costi di manodopera ed ho maggiori margini di profitto in barba a tutti coloro che rispettano le leggi". A queste reiterate battute di sfida non c'è che una risposta: inoltrare la foto a chi di dovere con tutti i dati anagrafici del soggetto in questione. A quel punto, con l'erogazione di una prescrizione ed il pagamento di una sonora sanzione sarà costretto a rinunciare ad una parte dei profitti incamerati in modo illegale.
Probabilmente in futuro non cambierà il metodo di lavorare, ma quantomeno l'atteggiamento di sfida verso i suoi interlocutori.
Rispondi Autore: massimo Zucchiatti
07/11/2014 (23:02:56)
...peccato...potevi aspettare che salisse...la foto era più interessante.
Ma poi da li cosa doveva fare ? Se guardate l'articolo 21 del dlgs 81 x gli autonomi...chiede che le attrezzature siano a norma...non come le si utilizza... !
Comunque sempre complimenti x le foto.
Rispondi Autore: Camillo Bensi
12/11/2014 (13:53:23)
Mi sorprende che l'appunto di "anni fa" non sia servito. Al di là della mentalità dell'operaio forse il metodo non è efficace, non basta far presente l'errore e fotografarlo, specie se si ripete a pochi passi dalla sede.
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti
12/11/2014 (15:19:42)
Vi manderò (ma non so a chi forse a Sicurello) 3 foto di un antennista di questa estate davanti al mio studio sul tetto di una casa a 3 piani...mentre lo fotografavo gli urlato di scendere lui di nascondeva dietro un comignolo urlando : "La privacy la privacy
..Lei non mi può fotografare !!!" Dalla strada gli ho urlato @#@$#$^^&&^$# biiip ( non di può scrivere
..) lui è sceso richiamato dal mio vicino che si è vergognato e che poi ha "dovuto" anche dirmi grazie di essere intervenuto...dicendomi che lui non sapeva che quello andasse sul tetto....( cosa pensava il mio vicino che per mettere una antenna andasse in cantina ?!)
Il mondo è bello perché vario....mandi
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti
12/11/2014 (21:54:49)
Vi manderò (ma non so a chi forse a Sicurello) 3 foto di un antennista di questa estate davanti al mio studio sul tetto di una casa a 3 piani...mentre lo fotografavo gli urlato di scendere lui di nascondeva dietro un comignolo urlando : "La privacy la privacy
..Lei non mi può fotografare !!!" Dalla strada gli ho urlato @#@$#$^^&&^$# biiip ( non di può scrivere
..) lui è sceso richiamato dal mio vicino che si è vergognato e che poi ha "dovuto" anche dirmi grazie di essere intervenuto...dicendomi che lui non sapeva che quello andasse sul tetto....( cosa pensava il mio vicino che per mettere una antenna andasse in cantina ?!)
Il mondo è bello perché vario....mandi

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!