Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Truffa a Wall Street

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Negli Stati Uniti diciannove persone sono state accusate di aver utilizzato informazioni riservate, ottenute da colloqui nelle chat room, per speculare in borsa con un guadagno di oltre 8 milioni di dollari.
Quindici di loro sono stati arrestati e poi rilasciati su cauzione.

A capo dell'organizzazione c'era J. Freeman, impiegato part time in uno dei colossi di Wall Street.
Posizione che gli consentiva di avere accesso ad informazioni riservate che vendeva ad investitori dilettanti conosciuti nelle chat room.

Sembra che J. Freeman abbia intascato 70mila dollari di commissioni sui profitti procurati ai clienti.
La truffa avrebbe avuto inizio nel 1997 quando J. Freeman, scoraggiato per un tracollo economico dovuto ad investimenti sbagliati, aveva cercato nelle chat room di American on-line altri investitori dilettanti delusi e desiderosi di rifarsi.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!