Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

'Protocollo della biosicurezza'

A Montreal, in presenza dei rappresentanti di 131 nazioni, si è svolta la 'Convenzione sulla biodiversità' organizzata dalle Nazioni Unite, con l'obiettivo di regolamentare gli scambi commerciali di prodotti geneticamente modificati.

La convenzione si e' conclusa con il 'Protocollo della biosicurezza' che e' stato sottoscritto da 131 Paesi, ma per entrare in vigore dovra' essere ratificato da 50 Paesi.

Il Protocollo della biosicurezza contempla una complessa normativa intesa a tutelare l'ambiente dal pericolo di danni che potrebbero derivare da organismi geneticamente modificati dall'uomo: piante, animali o batteri.

Il documento prevede, tra l'altro, per gli esportatori di prodotti transgenici l'obbligo di specificare nelle etichette di trasporto che il carico puo' contenere cibi geneticamente modificati.

I governi importatori potranno decidere di respingere i prodotti geneticamente modificati nel caso non ci siano sufficienti garanzie scientifiche sulla loro sicurezza ambientale.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!