socio non lavoratore

Categoria: Informazione, formazione, addestramento. Aperta il 09/05/2019 da Costanza Bacci. Messaggi postati: 4.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Costanza Bacci (scosky12)
Costanza Bacci (scosky12)


Voto medio utente:
2,0 
Buonasera,
in una impresa di elettricisti composta da due soci, soltanto uno di essi svolge attività lavorativa.
In questo caso anche il socio non lavoratore deve svolgere formazione 16 ore alto rischio?
Grazie

Postato il 09/05/2019 alle 15:37

Immagine di profilo di Nicolò Mastrilli (nik_mas)
Nicolò Mastrilli (nik_mas)


Voto medio utente:
2,8 
In risposta al messaggio di Costanza Bacci:
Buonasera,
in una impresa di elettricisti composta da due soci, soltanto uno di essi svolge attività lavorativa.
In questo caso anche il socio non lavoratore deve svolgere formazione 16 ore alto rischio?
Grazie
credo proprio di no. La formazione deriva dall'esposizione al rischio che il socio non ha. Pensi se tutti i soci dovessero essere formati cosa accadrebbe nelle multinazionali.

Postato il 09/05/2019 alle 16:29

Immagine di profilo di Emanuele Rizzato (Quadrato)
Emanuele Rizzato (Quadrato)
So di non sapere Socrate

Voto medio utente:
3,9 
In risposta al messaggio di Nicolò Mastrilli:
credo proprio di no. La formazione deriva dall'esposizione al rischio che il socio non ha. Pensi se tutti i soci dovessero essere formati cosa accadrebbe nelle multinazionali.
Non è propriamente corretto.
prima si valutano i rischi, si divide per gruppi omogenei e si valuta a quali rischi il socio può essere o non essere esposto.

se non è esposto ai rischi ok non ha bisogno di formazione, ma deve almeno essere descritta da "qualche parte" questa cosa!.

Postato il 14/05/2019 alle 09:34

Immagine di profilo di SIMONE LARGHI (larsim)
SIMONE LARGHI (larsim)


Voto medio utente:
5,0 
In risposta al messaggio di Emanuele Rizzato:
Non è propriamente corretto.
prima si valutano i rischi, si divide per gruppi omogenei e si valuta a quali rischi il socio può essere o non essere esposto.

se non è esposto ai rischi ok non ha bisogno di formazione, ma deve almeno essere descritta da "qualche parte" questa cosa!.
figurati. i soci non lavoratori non rientrano nell'ambito della VDR. quindi nessuna formazione specifica.
l'unica formazione di cui potrebbero al massimo necessitare sarebbe quella per RSPP DATORE DI LAVORO, per la quale però non è sufficiente essere solo "socio"

Postato il 14/05/2019 alle 11:48


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni