Costi della sicurezza, sostituzione corpi illuminanti, illuminazione pubblica

Devo valutare i costi per la sicurezza per un lavoro di sostituzione dei corpi illuminanti

Categoria: Lavori in quota. Aperta il 26/09/2018 da Paolo Monfredini. Messaggi postati: 4.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Paolo Monfredini (paolomonfredini)
Paolo Monfredini (paolomonfredini)


Voto medio utente:
n.d. 
Devo valutare i costi della sicurezza per un cantiere in corso di progettazione definitiva. Per l'ammodernamento di una rete di illuminazione pubblica. Nuovi scavi, canidotti, plinti, pali ecc.. tutta roba che ho già trattato...

Un consiglio lo chiedo per la quantificazione dei costi della sicurezza per la lavorazione che prevede la sostituzione dei corpi illuminanti nel centro abitato, lavoro in quota che comunemente si svolge con ausilio di PLE, "cestello" con due operatori a bordo.
IN contabilità la lavorazione è quantificata puntualmente €/lampione e nella dicitura lascia intendere che è incluso il noleggio dell'attrezzatura necessaria per lo svolgimento dei lavori.
E' da intendersi che la PLE è già pagata nella voce? (il progettista dice di si) ma quel noleggio è un costo della sicurezza??
Meglio se fosse quantificato a parte, perchè non dovrà essere soggetto a ribasso giusto??
Oppure se è davvero un'attrezzatura necessaria per lo svolgimento della lavorazione non è un costo della sicurezza???

Postato il 26/09/2018 alle 14:22

Immagine di profilo di Paolo Monfredini (paolomonfredini)
Paolo Monfredini (paolomonfredini)


Voto medio utente:
n.d. 
Ri-formulo meglio il quesito:
come anticipato telefonicamente ho un quesito in materia di sicurezza, non so valutare se l'utilizzo di piattaforma aerea su carro PLE in generale è un costo della sicurezza oppure no.

Nello specifico devo valutare i costi della sicurezza per un cantiere in corso di progettazione definitiva. Per l'ammodernamento di una rete di illuminazione pubblica. Nuovi scavi, canidotti, plinti, ecc.. tutta roba che ho già trattato...

Sono in difficoltà per la quantificazione dei costi della sicurezza per le lavorazioni che prevedono la sostituzione dei corpi illuminanti nel centro abitato. Lavoro in quota che comunemente si svolge con ausilio di PLE, "cestello" con due operatori a bordo, oltre alla formazione della traccia e nuova risalita nella muratura con scatola per le morsettiere.
E situazione similare con la installazione del nuovo palo, + con pastorale, + corpo illuminante e collegamenti elettrici.
In contabilità il progettista intende quantificata puntualmente €/lampione e nella dicitura specifica che è incluso il noleggio dell'eventuale attrezzatura necessaria per lo svolgimento dei lavori e PLE.

Quindi se la PLE è o non è un costo della sicurezza: se lo è ed è già compresa nella voce di computo è un costo della sicurezza diretto? soggetto a ribasso o non va assoggettato a ribasso?
se non lo è la PLE, i movieri per la gestione del traffico senso unico alternato per le operazioni con PLE sono comunque costo della sicurezza?

Postato il 01/10/2018 alle 14:07

Immagine di profilo di alessandro r. (Ediltilk)
alessandro r. (Ediltilk)


Voto medio utente:
n.d. 
Buon giorno a tutti.c
Ho ricevuto una richiesta da parte di un impresa esecutrice a svolgere l'incarico di coordinatore in un cantiere che deve partire a breve; la particolarità è che il committente nel contratto ha "appaltato" all'impresa anche a scelta e i contratti, del coordinatore, NONCHE' della direzione lavori.
Ho già risposto che la nomina e il contratto di queste due figure sono un obbligo del committente; in particolare per il coordinatore (art 90 dlgs 81/08) l'obbligo non è derogabile, inoltre il coordinatore non deve dipendere dall'impresa esecutrice.
Ma a quanto pare il committente, risponde che le incompatibilità per il CSE sussistono solo se questo è dipendente dell'impresa: qualcuno ha qualche sentenza in merito???
Grazie e scusate la "logorroicità" dell'intervento.

Postato il 13/10/2018 alle 17:08

Immagine di profilo di Paolo Monfredini (paolomonfredini)
Paolo Monfredini (paolomonfredini)


Voto medio utente:
n.d. 
In risposta al messaggio di alessandro r.:
Buon giorno a tutti.c
Ho ricevuto una richiesta da parte di un impresa esecutrice a svolgere l'incarico di coordinatore in un cantiere che deve partire a breve; la particolarità è che il committente nel contratto ha "appaltato" all'impresa anche a scelta e i contratti, del coordinatore, NONCHE' della direzione lavori.
Ho già risposto che la nomina e il contratto di queste due figure sono un obbligo del committente; in particolare per il coordinatore (art 90 dlgs 81/08) l'obbligo non è derogabile, inoltre il coordinatore non deve dipendere dall'impresa esecutrice.
Ma a quanto pare il committente, risponde che le incompatibilità per il CSE sussistono solo se questo è dipendente dell'impresa: qualcuno ha qualche sentenza in merito???
Grazie e scusate la "logorroicità" dell'intervento.
...a parte che il messaggio non centra nulla con il titolo del thread.

Assolutamente OT, comunque ti rispondi nelle tue stesse affermazioni. La nomina del coordinatore è un obbligo inderogabile del committente.
Nella norma non credo si faccia mai riferimento a denaro, chi paga cosa mai addirittura neanche per la definizione dei rapporti e delle figure datore di lavoro/dirigenti/preposti/lavoratori.
in ogni caso è il committente che ti deve nominare

Postato il 14/10/2018 alle 13:47


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni