Addetti ai e p

Addetti prevenzione incendi e primo soccorso condivisi

Categoria: Gestione emergenza ed evacuazione. Aperta il 20/08/2018 da Emanuele Salvatti. Messaggi postati: 5.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Emanuele Salvatti (Saveengineering)
Emanuele Salvatti (Saveengineering)


Voto medio utente:
5,0 
Buongiorno a tutti: un'azienda A per cui sarò RSPP mi chiedeva se potevano avere gli addetti prevenzione incendi e primo soccorso condivisi con un'altra azienda B operante nel medesimo edificio. La società A di mia competenza è costituita da commerciali quasi sempre fuori sede, mentre l'azienda B è di un settore produttivo e sono praticamente sempre in sede. Quindi la domanda era appunto se gli addetti prevenzione incendi e primo soccorso dell'azienda B possono svolgere il ruolo anche per l'azienda A.
Grazie infinite a tutti

Postato il 20/08/2018 alle 11:44

Immagine di profilo di Bruno Molino (bmolino)
Bruno Molino (bmolino)


Voto medio utente:
1,3 
In risposta al messaggio di Emanuele Salvatti:
Buongiorno a tutti: un'azienda A per cui sarò RSPP mi chiedeva se potevano avere gli addetti prevenzione incendi e primo soccorso condivisi con un'altra azienda B operante nel medesimo edificio. La società A di mia competenza è costituita da commerciali quasi sempre fuori sede, mentre l'azienda B è di un settore produttivo e sono praticamente sempre in sede. Quindi la domanda era appunto se gli addetti prevenzione incendi e primo soccorso dell'azienda B possono svolgere il ruolo anche per l'azienda A.
Grazie infinite a tutti
Buongiorno, sono rimasto incuriosito dalla questione posta in essere con questo messaggio, così ho fatto delle ricerche e vagliato il TU 81/08 in cerca delle risposte.

Nell'analisi mancano le dimensioni delle aziende, non si capisce se queste occupino lo stesso piano dell'edificio con la possibilità o meno di accesso da parte dei dipendenti di B nella A, né se ci siano relazioni tra le aziende. Tanto meno se la formazione ottenuta, quindi, è compatibile con quella richiesta nell'altra azienda.

Non è esplicitato se è stato vagliato il parere di un medico competente (se nominato).

Un buon punto per iniziare è questo post :

https://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/rubriche-C-98/i-quesiti-sul-decreto-81-C-100/i-quesiti-sul-decreto-81-due-ddl-nella-stessa-sede-AR-10558/

In cui si evince che, se le dimensioni lo permettono, è possibile espletare in autonomia entrambe i ruoli (da parte di un RSPP).

In alternativa è possibile guardare al TU 81/08, sui doveri in carico al datore di lavoro come quello "designare preventivamente i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di
primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza", che secondo il mio parere un po' taglia la testa al toro, perché non vedo come si possa 'nominare' un lavoratore che non è un proprio lavoratore ... Nella designazione sarebbe anche da consultare gli RLS, nella cui 'nomina' presumo ci siano gli stessi problemi, anche se in questo caso è possibile avere un 'territoriale'

Postato il 21/08/2018 alle 11:09

Immagine di profilo di CARLO TIMILLERO (CARTIM)
CARLO TIMILLERO (CARTIM)
OGGI PIU' SICURO DI IERI E MENO DI DOMANI

Voto medio utente:
4,5 
L'obiettivo della norma è la gestione efficace di una prima fase della gestione delle emergenze (incendio e primo soccorso) . Non mi risulta che ciò debba avvenire necessariamente ed sclusivamente con personale dipendendente del DDL che effettua la designazione.
Ritengo, quindi, che sia possibile la designazione in oggetto, ovviamente soddisfando tutte le condizioni di efficacia ( numero adeguato, formazione corretta, mezzi adeguati)

Postato il 21/08/2018 alle 12:43

Immagine di profilo di Emanuele Salvatti (Saveengineering)
Emanuele Salvatti (Saveengineering)


Voto medio utente:
5,0 
Tra A e B ci sono relazioni: diciamo che la la società A (rischio basso) fa da commerciale per azienda produttiva B (rischio alto). Essendo quindi la società B più grande (in termini di personale), a maggiore rischio, maggiormente presente (in termini di ore) sul luogo dove lavora anche A, ritenevo quindi opportuno poter utilizzare i membri squadra p.s. e p.i. anche per la A.

Postato il 22/08/2018 alle 11:37

Immagine di profilo di CARLO TIMILLERO (CARTIM)
CARLO TIMILLERO (CARTIM)
OGGI PIU' SICURO DI IERI E MENO DI DOMANI

Voto medio utente:
4,5 
Buon giorno Emanuele, avevo immaginato una situazione simile e credo sia una buona idea quella di sfruttare gli addetti in produzione, ovviamente assicurando il coordinamento tra le due attività

Postato il 22/08/2018 alle 11:42


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni