Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 08/07/2020: Raffele Guariniello, emergenza covid e lavoratori

Coronavirus, ultimo arrivato nell’elenco dei rischi lavorativi emergenti nel mondo e con esso anche i dubbi applicativi e interpretativi che ne conseguono tra le imprese e tra gli operatori. Secondo Raffaele Guariniello

Coronavirus, ultimo arrivato nell’elenco dei rischi lavorativi emergenti nel mondo e con esso anche i dubbi applicativi e interpretativi che ne conseguono tra le imprese e tra gli operatori. Secondo Raffaele Guariniello – magistrato e giurista italiano sempre in prima linea quando si parla di lavoro e prevenzione – per affrontare l’emergenza è necessario arricchire gli organici, curare le professionalità e garantire il coordinamento dei servizi di vigilanza specializzati in sicurezza nelle aziende. Il tutto deve avere come valore cardine la “salute”, concetto dettato dall’art. 2, comma 1, lett. O del D.Lgs. n. 81/2008 che lo definisce come “stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un’assenza di malattia o d’infermità”. Determinante poi è anche l’importanza della “prevenzione”, intesa dallo stesso D.Lgs. n. 81/2008 come quel complesso di misure necessarie ad evitare o diminuire i rischi professionali.


Ai tempi del covid il mondo sta stentando ad uscire dalla pandemia e “assoluta sicurezza” diventa la parola d’ordine di questo periodo socio-culturale che impone alle organizzazioni l’obbligo fondamentale di valutare il rischio emergente.
Raffele Guariniello ne parla in modo puntuale a “Il Fatto Quotidiano” facendo un approfondito excursus sull’argomento: articolo pubblicato ne Il Fatto Quotidiano del 3 luglio 2020.

 

Fonte: ANMIL


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Giampaolo Meotti - likes: 0
09/07/2020 (11:12:16)
Il Protocollo condiviso per il contrasto al coronavirus prevede che le Imprese dovranno assumere come riferimento il D. Lgs. 81/08, dice il Dr. Guariniello dimenticando quanto riportato dall'art. 42 del D.L. n. 18 del 17/03/2020 ai commi 1 e 2. Dove si riporta che il M.C. redige il certificato di infortunio, configurando la malattia da Covid- 19 come infortunio come fu fatto per la Malaria. Riconoscendo la malattia pandemia, e se il D. L. ha messo in atto tutti gli accorgimenti del caso, non rischia nessuna penalizzazione e rimette le prestazioni in carico all'INAIL.
Rispondi Autore: CARMINE DAMIANO - likes: 0
09/07/2020 (22:28:49)
Sono d'accordo con il Dr. Guariniello, in linea di principio. Peccato che, dopo il protocollo condiviso del 24/04/2020 (integrativo dell'accordo con le parti del 14/03/2020), sono state "prodotte" linee guida, DPCM, protocolli specifici per riapertura attività varie, talune escluse, linee guida comitato scientifico tecnico, linee guida e protocolli Ministero Salute, Istituto Superiore Sanità, INAIL, Ispettorato Nazionale del Lavoro e Territoriali, ecc. ecc. Linee guida e circolari regionali, accordi-intese Stato-Regioni (l'ultima "linea guida aperture" è del 09/07/2020).... Tali per cui, sfido qualunque Datore di Lavoro a rispettare in coscienza e conoscenza, l'art.2087 C.C.: “L'imprenditore è tenuto ad adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro"....
Rispondi Autore: Moreno Rotondi - likes: 0
10/07/2020 (08:52:20)
Mi trovo nella condizione illustrata da Carmine Damiano. Lo confesso. E confesso anche -con tutti i rischi del caso- che alla copiosa e ripetitiva normativa affianco spesso il buon senso dell'uomo della strada.


Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

26/08/2020: Sono 51.363 i contagi sul lavoro da Covid-19 segnalati all’Inail

Nel settimo report nazionale elaborato dall’Istituto, i dati aggiornati al 31 luglio, con 1377 denunce in più rispetto al monitoraggio precedente. I casi mortali sono 276 (+24) e riguardano soprattutto gli uomini (83,3%), con un’età media di 59 anni


25/08/2020: Salute e sicurezza nell’autotrasporto, sottoscritto un protocollo d’intesa Inail-Mit

Una serie di attività congiunte di informazione e formazione per migliorare la diffusione della cultura della prevenzione tra gli operatori di un settore strategico per il Paese.


24/08/2020: Nidi e servizi per l’infanzia, via libera a riapertura dal primo settembre

L'ordinanza della Regione Lombardia n. 594 del 6 agosto 2020.


06/08/2020: Aggiornate le “Linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative”

Novità per saune, biblioteche e ristorazione. Proposta al Governo per la partecipazione del pubblico agli eventi sportivi


05/08/2020: Bonifiche siti contaminati – novità decreto semplificazioni D.L. 76/2020

È stato pubblicato il D.L. 76/2020 (Decreto Semplificazioni) che introduce anche procedure semplificate per interventi e opere nei siti oggetto di bonifica e per le bonifiche nei siti di interesse nazionale (SIN).


04/08/2020: Salute e sicurezza nell’autotrasporto, sottoscritto un protocollo Inail-Mit

Un accordo che prevede una serie di attività congiunte di informazione e formazione per migliorare la diffusione della cultura della prevenzione tra gli operatori del settore.


03/08/2020: Comunicazione su non proroga certificati malattia ex art. 26 "Cura Italia"

La lettera della Federazione Medici di Famiglia sulle tutele a favore di soggetti maggiormente esposti a rischio di Coronavirus.


31/07/2020: Coronavirus - fase 3: proroga delle misure urgenti

Prorogato lo stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 dal 31 luglio al 15 ottobre 2020: il Decreto Legge 30 luglio n.83


30/07/2020: Privacy. La prima intervista al nuovo Garante

Intervista a Pasquale Stanzione, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali


29/07/2020: Proroga dello stato di emergenza al 15 ottobre


3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13