Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

04/03/2022: Lo studio ANMIL in occasione della Giornata Internazionale della Donna

La presentazione in Senato

Si è tenuto ieri, presso la prestigiosa Sala Zuccari del Senato, il Convegno di presentazione dello studio realizzato dall’ANMIL dal titolo “Diritti delle donne lavoratrici, rischi infortunistici e tutela del lavoro”. L’evento, promosso in occasione della Giornata Internazionale della Donna su iniziativa del Sen. Gianclaudio Bressa, Presidente della Commissione sulle condizioni di lavoro in Italia, ha inteso analizzare la condizione lavorativa e sociale delle donne dopo gli anni della pandemia.


Il convegno è stato aperto dal saluto del Sen. Sergio Romagnoli, Segretario della Commissione Lavoro del Senato e componente della Commissione di Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, che ha espresso la volontà di dedicare grande attenzione ai temi legati alla prevenzione e alle pari opportunità. “Compito della politica è ascoltare e poi dare risposte concrete” ha dichiarato.


“Questi due anni hanno avuto conseguenze pesanti per le donne, che si sono fatte carico, oltre che della propria attività lavorativa, anche dell’aumento esponenziale delle responsabilità di cura dei figli, di anziani e non autosufficienti, costrette spesso ad abbandonare il lavoro o a fare enormi sacrifici per conciliare ogni loro dovere – così il Presidente Nazionale ANMIL Zoello Forni, intervenuto da remoto – Il legislatore ha messo in campo strumenti di sostegno come congedi parentali e lavoro agile, trascurando tuttavia altre questioni rimaste da tempo in sospeso. Restano necessari interventi a sostegno dell’occupazione femminile, specie delle madri, sul versante sia delle politiche attive del lavoro sia delle misure di conciliazione famiglia-lavoro. Come ANMIL – ha proseguito Forni – riteniamo poi urgente una riflessione sulla prevenzione di infortuni e malattie professionali in ottica di genere e sul rafforzamento della tutela delle vedove delle vittime del lavoro, specialmente per quanto attiene al diritto al collocamento mirato”.


Ha quindi preso la parola il Ministro per le Disabilità Erika Stefani, che ha evidenziato come la pandemia abbia fatto emergere prepotentemente crepe già esistenti nel sistema. “Nonostante le tante battaglie condotte siamo ancora qui a parlare di disparità di genere e di discriminazioni, che diventano doppie quando si parla di donne con disabilità – ha dichiarato Stefani – il diritto al lavoro resta una questione spinosa e al riguardo non abbiamo raggiunto nemmeno i minimi risultati sperati. Per questo abbiamo attivato un tavolo insieme al Ministro Orlando per lavorare insieme sulla legge 68” ha concluso il Ministro, sottolineando la necessità di collaborare con un “patto di alleanza” quotidiano anche con il mondo dell’associazionismo.


L’incontro è proseguito con la testimonianza delle componenti della Commissione Pari Opportunità ANMIL, Anna Di Carlo, Maria Agnello e Adele Chiello Tusa, che hanno raccontato le loro difficili esperienze, rispettivamente come vittima di un grave infortunio, vedova e madre di caduto sul lavoro, rivendicando azioni forti e concrete per la prevenzione e per la tutela delle famiglie delle vittime.


“Quando si parla di prevenzione di infortuni e malattie professionali non si può prescindere da una prospettiva di genere. Dobbiamo contrastare ogni forma di discriminazione e costruire ambienti di lavoro inclusivi, proiettati alla valorizzazione delle persone” ha dichiarato il Presidente dell’INAIL Franco Bettoni, ringraziando l’ANMIL per l’impegno profuso nella realizzazione dello studio sulla condizione lavorativa delle donne, illustrato dall’esperto statistico dell’ANMIL Franco D’Amico, che ha evidenziato come la pandemia abbia avuto gravi conseguenze per le donne. Nel biennio 2020-2021, si legge nello studio ANMIL, il 68,3% degli infortuni sul lavoro da infezione Covid ha riguardato le donne, che hanno continuato a lavorare anche nei periodi di lock down in settori che non si sono fermati, come la sanità e l’assistenza, esposte fortemente al rischio di infezione. Dati confermati anche dal Direttore centrale Prevenzione dell’INAIL Ester Rotoli, che ha evidenziato la necessità di affrontare il divario di genere da un punto di vista culturale, attraverso “un processo educativo rivolto a tutti, giovani e adulti, al fine di incidere sui comportamenti, sulla vecchia concezione dei ruoli e sugli stereotipi relativi alla figura e alle capacità femminili”.


È quindi intervenuta la Sen. Michela Montevecchi, componente della Commissione di Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, che ha posto l’accento sulle questioni di genere emerse durante la pandemia in uno specifico settore, quello dello spettacolo dal vivo. “Dobbiamo lavorare sull’educazione emozionale a partire dalle scuole” ha sottolineato, ricordando l’emendamento presentato in occasione del decreto fiscale per la promozione della Scuola della Testimonianza ANMIL.


La Sen. Annamaria Parente, Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, commentando i dati sulla maggiore incidenza femminile delle infezioni da Covid contenuti nel rapporto ANMIL, ha invece suggerito di analizzare “le maggiori probabilità per le donne di sviluppare una sindrome da post-covid, un complesso insieme di disturbi ancora poco studiato che non sempre trova riconoscimento sul luogo di lavoro”.
I lavori sono stati chiusi dal Direttore Generale ANMIL, Sandro Giovannelli che, nel ringraziare tutti gli intervenuti, ha espresso l’auspicio che possano essere intraprese azioni rapide, realizzando un “investimento sul futuro, a partire dalla scuola”.





Fonte: ANMIL


08/07/2021: Di nuovo sul trattore: la bella storia di Claudio

Il video-racconto in cui un agricoltore 51enne parla dell’esperienza di riabilitazione e recupero del proprio ruolo professionale dopo un infortunio


05/07/2021: La Slovenia assume la presidenza del Consiglio dell’UE

La ripresa e la resilienza sono al centro del nuovo programma, che si basa sugli insegnamenti tratti dalla pandemia di COVID-19 e sulla transizione ecologica e digitale per creare un’UE più sana, sicura e stabile.


01/07/2021: Edilizia: firmato decreto per verifica congruità manodopera appalti e subappalti

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, ha firmato un decreto che definisce un sistema di verifica della congruità dell'incidenza della manodopera impiegata nella realizzazione di lavori edili.


30/06/2021: La Direttiva SUP sulla plastica monouso

Il 3 luglio entrerà in vigore la Single Use Plastic Directive (Direttiva SUP sulla plastica monouso) che vieta la vendita di oggetti in plastica usa e getta. I prodotti potranno essere venduti solo per esaurire le scorte.


28/06/2021: Una nuova era per la protezione dei lavoratori

Parte il quadro strategico dell’UE in materia di SSL 2021-2027


23/06/2021: Per un lavoro più equo: Rights for all seasons

La campagna europea per i diritti dei lavoratori stagionali


22/06/2021: Nuovo approccio metodologico per la gestione dei rischi e la prevenzione dei DMS

Un Webinar di presentazione dei risultati del progetto valido come aggiornamento per RSPP e ASPP


21/06/2021: Giornata di presentazione del nuovo Avviso pubblico informazione per la prevenzione

Webinar il 25 giugno sulle misure previste per il finanziamento di interventi informativi finalizzati allo sviluppo dell’azione prevenzionale


18/06/2021: DPCM Green Pass

Draghi firma il decreto. Dal 1° luglio certificati validi in tutta l’Ue


17/06/2021: Il nuovo quadro sociale europeo in materia di SSL

Partecipa al dibattito online


16/06/2021: Una nuova attività professionale nella stessa azienda

Il quarto video della campagna di comunicazione “Con Inail, ricomincio dal mio lavoro” racconta il percorso di reinserimento di un verniciatore che, dopo un infortunio


15/06/2021: Il cambiamento climatico è responsabile del 98% degli sfollamenti del 2020

Conflitti ed eventi metereologici estremi hanno portato all’ondata di migrazione più alta registrata in dieci anni. Oltre a un’azione umanitaria globale, serve un cambiamento nei tradizionali approcci di gestione del rischio.


11/06/2021: Esposizione occupazionale a farmaci antineoplastici in ambito sanitario

Una panoramica delle conoscenze attualmente disponibili sul tema


10/06/2021: Valutazione dei rischi connessi alla COVID-19 sul luogo di lavoro

Nella nuova versione di OiRA sono state integrate anche le prassi delle imprese in materia di test e vaccinazioni per la COVID-19.


09/06/2021: Studio EEA sui vantaggi del passaggio all'elettricità rinnovabile

Il maggiore utilizzo di elettricità rinnovabile in tutta l'UE non ha solo ridotto le pressioni legate al cambiamento climatico, ma anche all'inquinamento atmosferico e idrico


08/06/2021: Le schede di dimissione ospedaliera nell’epidemiologia occupazionale

Le fonti informative più utilizzate nell’epidemiologia occupazionale sono i registri d’incidenza dei tumori e i certificati di morte.


04/06/2021: Reinserimento lavorativo per una nuova occupazione

Due nuovi racconti nel terzo video della campagna di comunicazione “Con Inail, ricomincio dal mio lavoro”. Una nuova attività professionale, dopo un infortunio e oltre la disabilità, può diventare parte del percorso di rinascita personale


03/06/2021: Vaccini sui luoghi di lavoro

Parte la campagna di comunicazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per le vaccinazioni sui luoghi di lavoro


31/05/2021: Inquinamento zero, gli eventi della Settimana verde europea

Il 31 maggio l’evento di apertura della EU Green Week 2021 promossa dalla Commissione Europea, dall’1 al 4 giugno la Conferenza di alto livello, che sarà possibile seguire online.


28/05/2021: Con l’eccesso di ore di lavoro aumentano mortalità e disabilità da malattie cardiovascolari

Pubblicate le prime stime ufficiali di Oms e Oil: lavorare più di 55 ore a settimana incrementa il rischio di cardiopatia ischemica e ictus.


17.5 18.5 19.5 20.5 21.5 22.5 23.5 24.5 25.5 26.5 27.5