Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 08/07/2019: L'impatto dello stress da calore sulla produttività del lavoro e il lavoro dignitoso

Il nuovo rapporto dell'ILO: l'aumento dello stress da calore previsto potrà portare una perdita di produttività equivalente a 80 milioni di posti di lavoro

GINEVRA (Notiziario ILO) - Secondo un nuovo rapporto dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), si prevede che l'aumento dello stress termico derivante dal riscaldamento globale porti a perdite di produttività globale pari a 80 milioni di posti di lavoro a tempo pieno nell'anno 2030.

Le proiezioni basate su un aumento della temperatura globale di 1,5 ° C entro la fine di questo secolo suggeriscono che nel 2030, il 2,2% del totale delle ore di lavoro in tutto il mondo andrà perso a causa di temperature più elevate, una perdita equivalente a 80 milioni di posti di lavoro a tempo pieno. Questo è equivalente alle perdite economiche globali di $ 2.400 miliardi di dollari.

Inoltre, il rapporto avverte che si tratta di una stima prudente perché presuppone che l'aumento della temperatura media globale non supererà 1,5 ° C. Assume anche che il lavoro in agricoltura e nell'edilizia - due dei settori più colpiti dallo stress da calore - avvenga all'ombra.

 

Il nuovo rapporto dell'ILO, Lavorare su un pianeta più caldo: l'impatto dello stress da calore sulla produttività del lavoro e il lavoro dignitoso , si basa su dati climatici, fisiologici e sull'occupazione e presenta stime delle perdite di produttività attuali e previste a livello nazionale, regionale e globale.

Lo stress termico si riferisce a calore superiore a quello che il corpo può tollerare senza subire menomazioni fisiologiche. Generalmente si verifica a temperature superiori a 35 ° C, in alta umidità. L'eccesso di calore durante il lavoro è un rischio per la salute sul lavoro; limita le funzioni e le capacità fisiche dei lavoratori, la capacità di lavoro e, quindi, la produttività. In casi estremi può portare al colpo di calore, che può essere fatale.

Il settore che dovrebbe essere maggiormente colpito, a livello globale, è l'agricoltura. 940 milioni di persone in tutto il mondo lavorano nel settore agricolo. Si prevede che rappresenteranno il 60% delle ore di lavoro globali perse a causa dello stress da calore entro il 2030. Anche il settore delle costruzioni subirà un forte impatto, con il 19% stimato delle ore di lavoro globali perse entro la stessa data. Altri settori particolarmente a rischio sono beni e servizi ambientali, raccolta rifiuti, emergenza, lavori di riparazione, trasporti, turismo, sport e alcune forme di lavoro industriale.

L'impatto sarà distribuito in modo ineguale in tutto il mondo. Si prevede che le regioni che perdono il maggior numero di ore di lavoro siano l'Asia meridionale e l'Africa occidentale, dove circa il 5% delle ore lavorative andranno perse nel 2030, corrispondenti rispettivamente a circa 43 milioni e 9 milioni di posti di lavoro.

Inoltre, saranno le persone nelle regioni più povere a subire le perdite economiche più significative. Ci si aspetta che i paesi a basso e medio reddito subiscano il peggio, in particolare perché hanno meno risorse per adattarsi efficacemente all'aumento del calore. Le perdite economiche dovute allo stress da calore rafforzeranno quindi lo svantaggio economico già esistente, in particolare i più elevati tassi di povertà lavorativa, l'occupazione informale e vulnerabile, l'agricoltura di sussistenza e la mancanza di protezione sociale.

"L'impatto dello stress da calore sulla produttività del lavoro è una seria conseguenza dei cambiamenti climatici ... Possiamo aspettarci di vedere più disuguaglianze tra paesi a basso e alto reddito e peggioramento delle condizioni di lavoro per i più vulnerabili".

Catherine Saget, capo unità nel dipartimento di ricerca dell'ILO

Lo stress da calore interesserà milioni di donne che costituiscono la maggioranza dei lavoratori nell'agricoltura di sussistenza, così come gli uomini che dominano il settore delle costruzioni. Le conseguenze sociali dello stress da calore possono includere l'aumento della migrazione, dal momento che i lavoratori lasciano le zone rurali per cercare migliori prospettive.

Le sfide poste dai cambiamenti climatici sono un obiettivo chiave della nuova Dichiarazione del Centenario dell'OIL sul futuro del lavoro e modellerà le sue operazioni e il programma di ricerca. Il rapporto dimostra che le conseguenze sono di vasta portata per l' Agenda 2030 delle Nazioni Unite . Essa avverte che "Gli effetti economici, sociali e sulla salute dello stress da calore renderebbero più difficile affrontare la povertà e promuovere lo sviluppo umano e, di conseguenza, anche raggiungere la maggior parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG)".

"L'impatto dello stress da calore sulla produttività del lavoro è una seria conseguenza dei cambiamenti climatici, che si aggiunge ad altri impatti negativi come il cambiamento dei modelli di pioggia, l'innalzamento del livello del mare e la perdita di biodiversità", ha detto Catherine Saget, Capo Unità del Dipartimento di Ricerca dell'ILO e uno dei principali autori del rapporto. "Oltre ai massicci costi economici dello stress da calore, possiamo aspettarci di vedere più disuguaglianze tra paesi a basso e alto reddito e peggioramento delle condizioni di lavoro per i più vulnerabili, così come lo spostamento di persone. Per adattarsi a questa nuova realtà sono urgentemente necessarie misure appropriate da parte di governi, datori di lavoro e lavoratori, incentrate sulla protezione dei più vulnerabili. "

La relazione richiede maggiori sforzi per progettare, finanziare e attuare politiche nazionali per affrontare i rischi di stress da calore e proteggere i lavoratori. Questi includono infrastrutture adeguate e sistemi di allarme rapido migliorati per gli eventi di calore e una migliore attuazione delle norme internazionali sul lavoro, come nel campo della sicurezza e della salute sul lavoro, per aiutare a progettare politiche per affrontare i rischi legati al calore.

I datori di lavoro e i lavoratori sono nella posizione migliore per valutare i rischi e intraprendere azioni appropriate sul posto di lavoro in modo che i lavoratori possano far fronte alle alte temperature e continuare a svolgere il proprio lavoro. I datori di lavoro possono fornire acqua potabile e formazione per riconoscere e gestire lo stress da calore. Il dialogo sociale può svolgere un ruolo cruciale nel raggiungimento del consenso sui metodi di lavoro interni ed esterni, adattando orari di lavoro, codici di abbigliamento e attrezzature, utilizzo di nuove tecnologie, ombra e pause di riposo.

 

Working on a warmer planet: The effect of heat stress on productivity and decent work (pdf)

 

Fonte: ILO


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

11/03/2013: Firmato il Decreto sulla "QUALIFICAZIONE DEI FORMATORI"

Il Governo ha firmato Decreto sulla "QUALIFICAZIONE DEI FORMATORI" in data 6 marzo.


08/03/2013: Per le donne una festa a metà: meno infortuni, più malattie professionali

Dall’analisi dei dati Inail emerge che nel quinquennio 2007-2011 le denunce di infortunio sono diminuite del 7,6%. Nello stesso periodo, però, il calo complessivo è stato pari quasi al triplo (-20,5%) e il numero delle tecnopatie è raddoppiato. In un caso su sei l’incidente avviene nel percorso casa-lavoro-casa, mentre tra gli uomini questo rapporto si dilata a uno su 12


06/03/2013: Seminario “Attività negli SPAZI CONFINATI in edilizia”

Si terrà il girono 8 marzo 2013 a Pescara il seminario gratuito “Attività negli SPAZI CONFINATI in edilizia”


06/03/2013: Aggiornato l'elenco nazionale dei Medici Competenti

E' stato aggiornato al 13 febbraio 2013 l'elenco nazionale dei Medici Competenti.


01/03/2013: La sicurezza sul lavoro secondo Benedetto XVI

Come annunciato lo scorso 11 febbraio, con una decisione senza precedenti nella storia moderna, Joseph Ratzinger lascia il ministero di vescovo di Roma, aprendo la strada all’elezione di un nuovo papa. Si conclude così un pontificato durato quasi otto anni, durante i quali il Santo Padre è intervenuto in più occasioni sul tema degli infortuni, nel solco della dottrina sociale della Chiesa


28/02/2013: Sentenza Thyssen: da omicidio volontario con dolo eventuale a omicidio colposo

La Corte d'Appello di Torino modifica il giudizio di primo grado riducendo le pene: per l’amministratore delegato la condanna passa da omicidio volontario con dolo eventuale a omicidio colposo con l’aggravante della colpa cosciente.


28/02/2013: Esposto CIIP: Governo emani Decreto qualificazione dei formatori atteso fin dal 18.4.2012

CIIP (Consulta Interassociativa Italiana della Prevenzione) chiede al Governo l'urgente EMANAZIONE del Decreto interministeriale (Lavoro e Salute) sulla "Qualificazione dei Formatori",che è un atto dovuto, ma bloccato dal 18.4.2012.


18/02/2013: Sentenza n. 25359/2012 del 30 maggio 2012 – Delega di funzioni e responsabilità del datore

La Suprema Corte ha specificato che il datore di lavoro non si può considerare esente da responsabilità qualora non dimostri la presenza di questo elemento che renda valido il trasferimento di funzioni in capo al delegato.


18/02/2013: Regolamento REACH: modifica dell’allegato XVII

Modifica dell’allegato XVII del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH)


11/02/2013: Infortuni e malattie professionali: al via la nuova procedura per l’invio telematico delle denunce

Disponibile sul portale Inail la nuova procedura per l'invio telematico delle denunce di infortunio online, obbligatoria dal 20 marzo 2013.


[|«] [«] 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 [»] [»|]