Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

07/05/2019: Dall’Inail 45 milioni di euro per ridurre i rischi legati alla movimentazione manuale dei carichi

Confermata l’apertura alla partecipazione di imprese ed enti del terzo settore

ROMA - Con i 45 milioni di euro destinati a sostenere la realizzazione di progetti volti a eliminare o ridurre i rischi legati alla movimentazione manuale dei carichi, l’Inail ha riproposto anche nell’ultimo bando Isi l’asse di finanziamento tematico introdotto per la prima volta nell’edizione 2017, che affronta un problema trasversale a molti settori produttivi, nei quali i lavoratori rischiano di contrarre patologie da sovraccarico biomeccanico. Il bando 2018 ha confermato l’allargamento della platea dei soggetti destinatari degli incentivi di questo asse di finanziamento anche a imprese ed enti del terzo settore – organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, cooperative sociali – in regola con i versamenti Inps e Inail.

Il contributo pari al 65% dell’investimento fino a 130mila euro. Per ogni intervento ammesso al finanziamento, il contributo a fondo perduto è pari al 65% dell’investimento, da un minimo di cinquemila fino a un massimo di 130mila euro. Sono ammissibili le spese di progetto e le spese tecniche, come quelle necessarie alla redazione della perizia asseverata e di progetti o elaborati a firma di tecnici abilitati. Il contributo massimo per le spese tecniche è del 10% rispetto ai costi di progetto, con un tetto di 10mila euro, a eccezione dell’acquisto di macchine per cui la percentuale massima scende al 5%, con un importo entro i cinquemila euro.

I requisiti obbligatori. Il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza all’interno dell’impresa deve risultare da una valutazione del rischio atteso dopo l’intervento, contenuta in una relazione tecnica di progetto firmata e redatta con la stessa metodologia utilizzata per la valutazione del rischio prima dell’intervento. Eventuali macchine e dispositivi medici acquistati devono essere nuovi e conformi alla normativa italiana e comunitaria. Non sono finanziabili, invece, le macchine movimento terra, i veicoli a motore e i loro rimorchi, a eccezione delle macchine installate su di essi.

I progetti finanziabili. Nell’allegato 2 del bando Isi 2018 una dettagliata ripartizione tabellare stabilisce i criteri per la determinazione del punteggio complessivo del progetto e dei suoi elementi specifici. Gli interventi, in particolare, devono essere finalizzati a eliminare o ridurre i rischi relativi alla movimentazione manuale dei pazienti, alle attività di sollevamento, abbassamento, trasporto, traino e spinta di carichi, compresa la movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza, che comportino la possibilità di patologie da sovraccarico biomeccanico per i lavoratori.

Dimensioni aziendali e lavorazione svolta tra i parametri di valutazione. Gli altri parametri attraverso i quali è calcolato il punteggio da raggiungere per ottenere il finanziamento sono le dimensioni aziendali, il tipo di lavorazione svolta e la condivisione con le parti sociali. Sono previsti inoltre due bonus, attributi quando il progetto preveda l’adozione di una delle buone prassi indicate nel Testo Unico sulla sicurezza (d.lgs. 81/2008) e nel caso in cui l’attività rientri in uno dei settori di attività economica (Ateco) eventualmente individuati a livello regionale e provinciale.

Il 30 maggio la scadenza per l’inserimento online delle domande. La prima fase della procedura di assegnazione dei fondi si concluderà alle ore 18 di giovedì 30 maggio, termine ultimo per inserire e salvare la propria domanda di accesso al contributo sul sito Inail, dove è possibile anche effettuare simulazioni relative al progetto che si intende presentare e verificare se ha raggiunto o meno la soglia di ammissibilità. Per compilare la domanda è necessario essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi online, che possono essere ottenute effettuando la registrazione sul sito dell’Istituto almeno due giorni lavorativi prima della scadenza.

Informazioni e assistenza. Per informazioni e assistenza è possibile contattare telefonicamente il contact center Inail al numero 06.6001, utilizzabile sia da rete fissa sia da rete mobile, secondo il piano tariffario del proprio gestore telefonico.

 

Fonte: INAIL

 


22/05/2019: La nuova tariffa INAIL: non solo riduzioni dei premi per le imprese

Analizziamo nel dettaglio la revisione delle tariffe INAIL entrata in vigore il 1°gennaio 2019


21/05/2019: AIA: le novità del decreto 104

Le nuove modalità di redazione della relazione di riferimento da allegare alla richiesta di rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale - AIA


20/05/2019: PREVENZIONE 2020: Le pratiche che generano valore

Si terrà il 30 maggio a Roma il Seminario finale del progetto di INAIL.


17/05/2019: Un focus sui DPI: cosa sono e a cosa servono

Conosciamo meglio i presidi che possono salvare la vita sul posto di lavoro insieme al dott. Franco D’Amico, di ANMIL.


16/05/2019: Contro il totalitarismo digitale serve un Privacy Shield Ue-Cina

Intervista ad Antonello Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali


15/05/2019: Certificazione e verifica di impianti e apparecchi: online dal 27 maggio

Pubblicata la circolare che chiarisce le modalità di utilizzo del nuovo applicativo Civa messo a disposizione dall’Istituto sul proprio sito.


14/05/2019: Albo Gestori Ambientali: categoria 6

Chiarimenti sull’iscrizione di imprese svizzere


13/05/2019: Revisione delle tariffe Inail, tutte le novità in un opuscolo informativo

Dalla struttura del nuovo impianto dei premi assicurativi alle modalità per la loro applicazione


10/05/2019: Pubblicati due nuovi interpelli

Sono stati pubblicati sul sito del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali due nuovi interpelli:


09/05/2019: Sicurezza e crisi del lavoro: rinuncia o opportunità?

Giornata di studi gratuita il 7 giugno a Trieste.


08/05/2019: A che punto è il regolamento sulla ePrivacy

Le prospettive di una rapida approvazione di questo regolamento sembrano sempre più ridotte. Ecco il punto della situazione. Di Adalberto Biasiotti


07/05/2019: Dall’Inail 45 milioni di euro per ridurre i rischi legati alla movimentazione manuale dei carichi

Confermata l’apertura alla partecipazione di imprese ed enti del terzo settore


06/05/2019: Sono anzitutto le MSE a essere tra i numerosi beneficiari delle attività dell’EU-OSHA


03/05/2019: La Riserva Cognitiva

Un’opportunità per lo sviluppo della sicurezza aziendale


02/05/2019: Sedie per ufficio: requisiti di sicurezza e stabilità

Recepite anche in lingua italiana le norme UNI EN 1022:2018 e UNI EN 1335-2:2018.


30/04/2019: Il primo maggio il Presidente Mattarella ricorda le vittime del lavoro


29/04/2019: La necessità di investire risorse per la prevenzione

In relazione alla recente Giornata mondiale sulla salute e sicurezza sul lavoro Anmil si sofferma sulla necessità di investire adeguate risorse per la diffusione della prevenzione, l’informazione e la formazione dei lavoratori, cominciando dal mondo della scuola.


24/04/2019: Pubblicato in Gazzetta il decreto “sblocca cantieri”

Il decreto legge “sblocca cantieri”, che apporta diverse modifiche al Codice dei contratti pubblici, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale.


23/04/2019: Strumenti pratici per la gestione delle sostanze pericolose

Una scheda informativa multilingue


19/04/2019: Imparare dall’apprendimento

La formazione aziendale può diventare più efficace se segue i principi dell’apprendimento.


46.5 47.5 48.5 49.5 50.5 51.5 52.5 53.5 54.5 55.5 56.5