Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 12/10/2020: Contenimento Covid19, le limitazioni introdotte dal nuovo decreto legge

I chiarimenti in una circolare indirizzata ai prefetti

A seguito dell'adozione del decreto legge 7 ottobre 2020, n.125, è stata inviata ai prefetti una circolare del capo di Gabinetto Bruno Frattasi che fornisce alcuni chiarimenti in merito ai profili più strettamente legati ai controlli amministrativi sulla corretta applicazione del quadro regolatorio statale e regionale.

 

Sulla disposizione che introduce l'obbligo dell'uso all'aperto di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, la circolare precisa che, tra i soggetti esentati, rientrano solo coloro che stiano svolgendo l'attività sportiva e non quella motoria, non esonerata, invece, dall'obbligo in questione.

Con riferimento all'obbligo di indossare la mascherina nel corso dello svolgimento di attività motoria, il ministero dell'Interno precisa che, per tale attività, deve intendersi la mera passeggiata e non la corsa, anche quella svolta con finalità amatoriali, in quanto riconducibile ad attività sportiva.

Quindi jogging e footing potranno continuare a svolgersi senza obbligo di mascherina.

 

La circolare evidenzia, inoltre, che il decreto legge n. 125 interviene anche sulla facoltà delle Regioni di introdurre misure derogatorie rispetto a quelle previste a livello nazionale, nelle more dell'adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri.
Modificando la precedente previsione, la novella legislativa stabilisce che tale facoltà derogatoria sia innanzitutto esercitabile ai fini dell'introduzione di misure restrittive, mentre quelle di carattere eventualmente ampliativo potranno essere adottate nei soli casi  e nel rispetto dei criteri previsti dai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri e d'intesa con il Ministro della Salute.

 

La circolare, inoltre,  richiama la proroga fino al prossimo 31 dicembre dell'utilizzo, nell'ambito dell'operazione "Strade Sicure", del contingente incrementale di 753 unità di personale militare, per i compiti relativi al contenimento della diffusione del Covid.

 

La circolare, infine, richiama l'attenzione su possibili condotte elusive in merito alla sospensione delle attività di ballo, all'aperto e al chiuso, previste dall'ordinanza del ministero della Salute,  evidenziando sul punto che l'eventuale offerta di attività danzanti da parte di esercenti di altra tipologia (ristoranti, bar, pub, e simili) è da ritenersi anch'essa interdetta e passibile di sanzioni.

 

Fonte: Ministero Interno

 


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Morando - likes: 0
12/10/2020 (23:02:36)
Ministero della salute..ministero che controlla..ma chi controlla chi dovrebbe controllare..? Già prima del covid19 negli ambienti di lavoro dello sport e in particolare nelle piscine pubbliche comunali italiane (si veda piscina comunale di Mondovì seguita da CGIL NIDIL Cuneo e in contampotanea con la nazionale CGIL NIDIL Roma come esempio ) i vari bagnini , allenatori, istruttori nuoto e similari ecc. Tutti in nero !! E nelle varie piscine e palestre in Italia sono migliaia con rischi di aver già trasmesso malattie o aver preso il covid19 senza che nessuno ne sappia nulla in quanto fantasmi lavoratori NON assunti e senza visite mediche periodiche obbligatorie !! Lavorando pure senza corsi sicurezza sul lavoro...! Senza corsi sicurezza covid19 , senza DPI senza Inail e Inps che in caso di chiusura degli impianti sportivi i lavoratori sportivi fantasma si troveranno senza cassa integrazione né indennità di disoccupazione e già se fantasmi non c'è Inail e Inps...ma da fantasmi si può contagiarsi con altri fantasmi colleghi in concreto ! E in concreto pure contagiare i clienti delle piscine comunali ecc. E chi frequenta non da fantasmi le piscine comunali italiane palestre sono bambini, atleti, turisti.. chi Governa l'Italia ...i Ministeri sulla sicurezza e sul lavoro sanno o fanno finta di non saperlo? Sanno che non pochi Comuni coinvolti hanno di fatto autorizzato l'illegalità e i rischi per i lavoratori e clienti di piscine e impianti sportivi in generale ???!!! Sanno pure codesti Comuni di essere compartecipi con le gestioni private poco oneste ..visto che sono gli stessi Comuni a dare in affidamento le piscine ecc. Ripeto sapendo che ci sono queste illegalità ma non intervenendo...o facendo intervenire chi di mestiere fa il controllore di professione...! Per chi si trovasse a lavorare non in regola senza sicurezze sul.lavoro ne deve fare denuncia presso le Procure dei Tribunali Carabinieri, ispettori Asl e Inail INPS, CGIL NIDIL Cuneo o della propria zona, Guardia di Finanza...con il covid 19 non si scherza ma se si lavora da fantasmi con il menefreghismo di certi personaggi di certi noti Comuni tutto è posto a rischio sia per i lavoratori che per i clienti di piscine ecc.


Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

16/11/2020: Covid: Un video con le indicazioni per la misurazione della temperatura corporea

Nel video sono illustrate, con animazioni audio e grafica, le procedure per una corretta rilevazione con i termometri infrarossi prima dell’accesso ai luoghi di lavoro


13/11/2020: Sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori fragili

A decorrere dal 5 novembre 2020 è di nuovo disponibile, per i datori di lavoro interessati, il servizio telematico per l’inoltro delle richieste di visita medica per Sorveglianza sanitaria eccezionale, in vigore sino al 31 dicembre 2020.


12/11/2020: Intelligenza artificiale e robotica: il video del Papa

Alcune immagini dell’esoscheletro del Centro Protesi Inail e di ITT scelte da Media Vatican per il filmato della Rete Mondiale di Preghiera del mese di novembre 2020.


11/11/2020: Covid-19 e ambiente

Le FAQ dell’Agenzia europea per l’ambiente


10/11/2020: Reinserimento lavorativo delle persone con disabilità da lavoro

INAIL promuove una campagna sul reinserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro


09/11/2020: Sono aperte le candidature per i Premi per le buone pratiche

EU-OSHA è alla ricerca di approcci innovativi per affrontare i disturbi muscolo-scheletrici (DMS) sul lavoro ai fini dell’iscrizione ai Premi per le buone pratiche 2020-22.


06/11/2020: Premio imprese per la sicurezza 2020: proroga termine di partecipazione

Prorogato al 21 dicembre 2020 il termine per la partecipazione al Premio imprese per la sicurezza 2020 - VII edizione.


05/11/2020: Pilastro europeo dei diritti sociali

Di’ la tua sul rafforzamento dell’Europa sociale e cogli l’occasione per esprimere il tuo punto di vista sul ruolo che la salute e la sicurezza sul lavoro (SSL) dovrebbero svolgere nel quadro del pilastro europeo dei diritti sociali.


04/11/2020: Coronavirus: firmato il DPCM 3 novembre 2020

Il testo con le nuove indicazioni e limitazioni in vigore dal 5 novembre 2020.


03/11/2020: APProva di privacy

Suggerimenti per usare le APP proteggendo i propri dati


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11