Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 12/10/2020: Contenimento Covid19, le limitazioni introdotte dal nuovo decreto legge

I chiarimenti in una circolare indirizzata ai prefetti

A seguito dell'adozione del decreto legge 7 ottobre 2020, n.125, è stata inviata ai prefetti una circolare del capo di Gabinetto Bruno Frattasi che fornisce alcuni chiarimenti in merito ai profili più strettamente legati ai controlli amministrativi sulla corretta applicazione del quadro regolatorio statale e regionale.

 

Sulla disposizione che introduce l'obbligo dell'uso all'aperto di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, la circolare precisa che, tra i soggetti esentati, rientrano solo coloro che stiano svolgendo l'attività sportiva e non quella motoria, non esonerata, invece, dall'obbligo in questione.

Con riferimento all'obbligo di indossare la mascherina nel corso dello svolgimento di attività motoria, il ministero dell'Interno precisa che, per tale attività, deve intendersi la mera passeggiata e non la corsa, anche quella svolta con finalità amatoriali, in quanto riconducibile ad attività sportiva.

Quindi jogging e footing potranno continuare a svolgersi senza obbligo di mascherina.

 

La circolare evidenzia, inoltre, che il decreto legge n. 125 interviene anche sulla facoltà delle Regioni di introdurre misure derogatorie rispetto a quelle previste a livello nazionale, nelle more dell'adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri.
Modificando la precedente previsione, la novella legislativa stabilisce che tale facoltà derogatoria sia innanzitutto esercitabile ai fini dell'introduzione di misure restrittive, mentre quelle di carattere eventualmente ampliativo potranno essere adottate nei soli casi  e nel rispetto dei criteri previsti dai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri e d'intesa con il Ministro della Salute.

 

La circolare, inoltre,  richiama la proroga fino al prossimo 31 dicembre dell'utilizzo, nell'ambito dell'operazione "Strade Sicure", del contingente incrementale di 753 unità di personale militare, per i compiti relativi al contenimento della diffusione del Covid.

 

La circolare, infine, richiama l'attenzione su possibili condotte elusive in merito alla sospensione delle attività di ballo, all'aperto e al chiuso, previste dall'ordinanza del ministero della Salute,  evidenziando sul punto che l'eventuale offerta di attività danzanti da parte di esercenti di altra tipologia (ristoranti, bar, pub, e simili) è da ritenersi anch'essa interdetta e passibile di sanzioni.

 

Fonte: Ministero Interno

 


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Morando - likes: 0
12/10/2020 (23:02:36)
Ministero della salute..ministero che controlla..ma chi controlla chi dovrebbe controllare..? Già prima del covid19 negli ambienti di lavoro dello sport e in particolare nelle piscine pubbliche comunali italiane (si veda piscina comunale di Mondovì seguita da CGIL NIDIL Cuneo e in contampotanea con la nazionale CGIL NIDIL Roma come esempio ) i vari bagnini , allenatori, istruttori nuoto e similari ecc. Tutti in nero !! E nelle varie piscine e palestre in Italia sono migliaia con rischi di aver già trasmesso malattie o aver preso il covid19 senza che nessuno ne sappia nulla in quanto fantasmi lavoratori NON assunti e senza visite mediche periodiche obbligatorie !! Lavorando pure senza corsi sicurezza sul lavoro...! Senza corsi sicurezza covid19 , senza DPI senza Inail e Inps che in caso di chiusura degli impianti sportivi i lavoratori sportivi fantasma si troveranno senza cassa integrazione né indennità di disoccupazione e già se fantasmi non c'è Inail e Inps...ma da fantasmi si può contagiarsi con altri fantasmi colleghi in concreto ! E in concreto pure contagiare i clienti delle piscine comunali ecc. E chi frequenta non da fantasmi le piscine comunali italiane palestre sono bambini, atleti, turisti.. chi Governa l'Italia ...i Ministeri sulla sicurezza e sul lavoro sanno o fanno finta di non saperlo? Sanno che non pochi Comuni coinvolti hanno di fatto autorizzato l'illegalità e i rischi per i lavoratori e clienti di piscine e impianti sportivi in generale ???!!! Sanno pure codesti Comuni di essere compartecipi con le gestioni private poco oneste ..visto che sono gli stessi Comuni a dare in affidamento le piscine ecc. Ripeto sapendo che ci sono queste illegalità ma non intervenendo...o facendo intervenire chi di mestiere fa il controllore di professione...! Per chi si trovasse a lavorare non in regola senza sicurezze sul.lavoro ne deve fare denuncia presso le Procure dei Tribunali Carabinieri, ispettori Asl e Inail INPS, CGIL NIDIL Cuneo o della propria zona, Guardia di Finanza...con il covid 19 non si scherza ma se si lavora da fantasmi con il menefreghismo di certi personaggi di certi noti Comuni tutto è posto a rischio sia per i lavoratori che per i clienti di piscine ecc.


Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

21/10/2020: Albo Nazionale Gestori Ambientali: modifiche alle procedure di iscrizione delle carrozzerie mobili

Con una delibera il Comitato Nazionale dell'Albo Gestori ambientali ha modificato le procedure di iscrizione delle carrozzerie mobili in merito ai compiti del Responsabile Tecnico


20/10/2020: La nuova normalità: come cambia la sicurezza

Una giornata di studi SicurezzAccessibile in videoconferenza giovedì 22 ottobre 2020


20/10/2020: Ambienti di lavoro sani e sicuri. Alleggeriamo il carico!

Unisciti ai partner dell’EU-OSHA in occasione della Settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro 2020


19/10/2020: Coronavirus: DPCM 18 ottobre 2020

Il Presidente Conte ha firmato il Dpcm del 18 ottobre 2020


16/10/2020: Tutela previdenziale del lavoratore in quarantena

Le indicazioni dell’INPS in merito alla tutela previdenziale nei vari casi di quarantena o isolamento precauzionale che possono verificarsi.


15/10/2020: Cashback: sì del Garante privacy allo schema di regolamento

Il Garante per la privacy ha espresso parere positivo sulla bozza di regolamento che definisce il funzionamento del Programma di rimborso in denaro a favore dei consumatori che effettuano acquisti con strumenti di pagamento elettronici.


14/10/2020: Gli sport vietati dal DPCM

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto che indica le discipline sportive da contatto vietate.


13/10/2020: COVID-19: le novità del nuovo DPCM del 13 ottobre 2020

Le indicazioni del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 13 settembre 2020 sulle misure di contrasto e contenimento dell'emergenza COVID-19. Focus su mascherine, scuola. formazione, attività lavorative e protocolli.


12/10/2020: Contenimento Covid19, le limitazioni introdotte dal nuovo decreto legge

I chiarimenti in una circolare indirizzata ai prefetti


09/10/2020: Giornata mondiale della salute mentale

Ambienti di lavoro sani e sicuri per la tutela del benessere dei lavoratori


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11