LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

I video di autoformazione: posture e movimenti ripetitivi


Disponibili in rete video di informazione in diverse lingue per fornire agli operatori le nozioni di base per un corretto approccio al cantiere edile. Focus sulle movimentazione manuale dei carichi, sulle posture e sui movimenti ripetitivi.

Pubblicità

Roma, 10 Apr – Continuiamo la pubblicazione dei video di informazione ed autoformazione prodotti da  Esem (Ente Scuola Edile milanese), video che possono essere utilizzati dalle imprese, dai capicantiere e dai tecnici di settore delle costruzioni per fornire agli operatori le nozioni di base necessarie al lavoratore per un corretto approccio al  cantiere edile.
I video sono disponibili in diverse lingue straniere (Italiano, Albanese, Rumeno, Arabo, Spagnolo) con titoli e commenti in lingua per facilitare l’ integrazione linguistica dei lavoratori appena giunti in Italia. Sono inoltre disponibili alcuni test di autoverifica per accertare il livello di comprensione ottenuto. Ci soffermiamo oggi sulla movimentazione manuale dei carichi, sulle posture e sui movimenti ripetitivi.

Pubblicità
Movimentazione manuale dei carichi in cantiereVideocorsi in DVD - Movimentazione manuale dei carichi in cantiere
Formazione sui rischi specifici dei lavoratori addetti alla movimentazione dei carichi, in versione specifica per i cantieri edili (Art. 37 D.Lgs. 81/08)

Il video: La Movimentazione Manuale dei Carichi - Postura e movimenti ripetitivi
 
 
 
 
 
 
 
Il test (formato PDF, 104 kB).
 
 
Istruzioni
1) Cliccare sul video relativo all’argomento di interesse nella lingua prescelta
2) Scaricare il file test di autoverifica relativo all’argomento di interesse (il test è multilingua)
3) Visionare il file e proiettare il file al personale arricchendolo con approfondimenti personali e soffermandoti sulle caratteristiche specifiche della vostra attrezzatura e sulle procedure aziendali di riferimento
4) Alla fine dell’incontro fare compilare il test nominale di autoverifica
5) Commentare collegialmente le risposte corrette
6) Archiviare il documento nella cartella di formazione del lavoratore assieme agli altri attestati dei corsi
 
Registro attività
Al fine di favorire la crescita culturale dei lavoratori nel campo della sicurezza, ottemperando nel contempo agli obblighi di legge in vigore, è messo a disposizione delle imprese un registro dove documentare e comprovare in modo oggettivo l’ attività informativa e formativa avvenuta in azienda.
 
 
 
Le soluzioni dei test (formato PDF, 1.5).
 
 
 
Fonte: Esem
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: