LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro

Normativa formazione



RSPP, ASPP, Datori di lavoro RSPP
lavoratori, dirigenti e preposti

 

Lavoratori, dirigenti e preposti

 
La Conferenza Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 ha approvato l’accordo relativo alla formazione di lavoratori, dirigenti, preposti.

 
 
Accordo Attrezzature di lavoro:
 

Datori di lavoro RSPP

RSPP, ASPP

 
La Conferenza Stato-Regioni del 26 gennaio 2006 ha sancito l'ACCORDO sulla formazione per Addetti al Servizio Prevenzione e Protezione (ASPP) e Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP).
 
I percorsi formativi per ASPP e RSPP, sono strutturati in tre moduli: A, B e C.
 
Modulo A
Costituisce il corso di base, per lo svolgimento della funzione di RSPP e di ASPP. La sua durata è di 28 ore.

Modulo B
Moduli di specializzazione, i corsi devono essere adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. Le durate variano da 12 a 68 ore, a seconda del macrosettore (ATECO) di riferimento. Come il modulo A, anche il modulo B è comune alle due figure professionali di RSPP e di ASPP.
 
Modulo C
Corso di specializzazione per le sole funzioni di RSPP, durata 24 ore su prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali .
 
Per ASSP e RSPP sono previsti anche corsi di aggiornamento (anche con formazione a distanza) che devono essere riferiti al settore produttivo di riferimento e orientati verso le innovazioni tecniche/organizzative nel campo delle misure di prevenzione ed all'aggiornamento normativo.
Per i Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione la durata dell'aggiornamento varia da 40 a 60 ore modulabili nell'arco del quinquennio (in media 8 o 12 ore ogni anno) a seconda dei settori di attività
Per gli Addetti al Servizio Prevenzione e Protezione la durata è di 28 ore modulabili nell'arco del quinquennio (in media 6 ore ogni anno) per tutti i settori di attività.
 
L'accordo Stato Regioni
CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO - PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 - Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo dell'articolo 2, commi 2, 3, 4 e 5, del decreto legislativo 23 giugno 2003, n. 195.
 
Le linee guida interpretative dell'accordo Stato Regioni
CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO - PROVVEDIMENTO 5 ottobre 2006 - Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, concernente le linee guida interpretative dell'Accordo sancito in Conferenza Stato-regioni il 26 gennaio 2006, in attuazione dell'articolo 8-bis, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, introdotto dall'articolo 2 del decreto legislativo del 23 giugno 2003, n. 195 in materia di prevenzione e protezione dei lavoratori sui luoghi di lavoro.