Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Crea PDF

Formaldeide: pericoli e normative comunitarie per la protezione

Formaldeide: pericoli e normative comunitarie per la protezione
Redazione

Autore: Redazione

Categoria: Rischio cancerogeno, mutageno

10/05/2021

Un intervento si sofferma sulla formaldeide nel quadro delle normative comunitarie per la protezione dei lavoratori e dei cittadini. Cosa dicono le norme europee per lavoratori e consumatori?

Civitanova Marche, 10 Mag – Benchè la formaldeide sia una sostanza riconosciuta come sostanza cancerogena non è semplice, ad esempio a causa del largo impiego di resine derivate dalla formaldeide nelle produzioni di manufatti e rivestimenti, comprendere con precisione tutte le possibili fonti di esposizione.

 

Riguardo a questa sostanza il nostro giornale ha presentato recentemente alcune novità normative, ad esempio con riferimento alla Direttiva (UE) 2019/983 del 5 giugno 2019 che modifica la direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro. E ha ricordato anche le modifiche apportate agli Allegati XLII (Elenco di sostanze, miscele e processi) e XLIII (Valori limite di esposizione professionale) nel decreto legislativo n. 81/2008 con la pubblicazione del Decreto interministeriale 11 febbraio 2021.

 

Al di là di queste novità normative, ci soffermiamo oggi su un approfondimento sulla formaldeide nel quadro delle normative comunitarie con la presentazione di un intervento che si è tenuto a “ CANC – TUM 2020”, un workshop sui cancerogeni occupazionali, e sui tumori che ad essi conseguono, organizzato da Asur Marche n.3 a Civitanova Marche Alta il 19 febbraio 2020.

 

Questi gli argomenti trattati nell’articolo:


Pubblicità
Lavoratori Chimica - Aggiornamento - 6 ore
Corso online di aggiornamento per lavoratori che operano nel settore Chimico o in attività equiparabili in riferimento ai rischi per la sicurezza e la salute.

 

Formaldeide: pericoli, rischi, lavoratori e quadro regolamentare

L’intervento “La formaldeide nel quadro delle normative comunitarie per la protezione dei lavoratori e dei cittadini”, a cura di Augusto Di Bastiano ( ECHA – Risk Management I) si sofferma innanzitutto sui pericoli e sui rischi della formaldeide (FA).

 

Riprendiamo dalle slide una immagine relativa ai pericoli ricordando che la formaldeide “è sottoposta a classificazione armonizzata dal 01/01/2016”:

 

 

Si ricordano alcuni ambiti di lavoro a maggior rischio di esposizione:

  • “Settore medico, veterinario, funebre
  • Tecnici di laboratorio
  • Industria chimica e industria del legno
  • Lavoratori professionali”.

Tuttavia la formaldeide può essere presente in tutti gli ambienti di vita e di lavoro  e le sorgenti possono essere diverse: materiali da costruzione, mobili, manufatti in legno, carte da parati, pavimentazioni, tessili, prodotti per pulizia casa, detersivi, adesivi, pitture, ….

 

Questo il quadro regolamentare europeo per i lavoratori:

  • Direttiva 2004/37/EC (direttiva sugli agenti cancerogeni o mutageni - CMD)
  • Direttiva (UE) 2019/983 di modifica della direttiva CMD che introduce limiti di esposizione professionale (binding OEL) per la formaldeide: 0.37/mg/m3 - 0.3 ppm - 8 hr TWA;  0.74 mg/m3 - 0.6 ppm STEL.

In particolare per la formaldeide è previsto un periodo transitorio di 5 anni (fino all'11 luglio 2024) con un valore limite di 0,62 mg/m3 o 0,5 ppm per i settori sanitari, funerario e dell'imbalsamazione.

 

Formaldeide: revisione dei rischi, raccomandazioni e consumatori

Si indica poi che l'Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) ha proposto una revisione dei rischi per lavoratori.

 

In particolare l’’ECHA ha formulato “un parere su richiesta della CE, sulla efficacia delle misure comunitarie esistenti per protezione dei lavoratori esposti a formaldeide (Luglio 2019)

  • “alcuni settori industriali (es. chimico e legno) hanno adottato misure volontarie per l’adeguamento della esposizione dei lavoratori ai valori limite (OEL) per la formaldeide già prima del 2019.
  • Miglioramenti tecnici nei luoghi di lavoro (con relativi investimenti) sono necessari in alcuni settori per garantire il rispetto dei limiti
  • I limiti potrebbero non essere rispettati per i settori non inclusi negli accordi volontari (in particolare PMI) e per i lavoratori professionali
  • Lavoratori autonomi fuori del campo di applicazione della direttiva CMD”. 

 

Queste le raccomandazioni (ECHA):

  • “Ri-valutare ulteriormente l’esposizione a FA per i lavoratori dei settori non coperti dagli accordi volontari in particolare PMI dove è utilizzata formaldeide e sostanze che rilasciano formaldeide.
  • Effettuare campagne di valutazione dell’ esposizione a FA per lavoratori professionali e autonomi a rischio e valutare le migliori misure di RM disponibili per ridurre i rischi (es. restrizione in REACH)
  • Coinvolgere i settori industriali ad estendere gli accordi volontari al maggior numero possibile di settori produttivi incoraggiando lo scambio di informazioni e le buone prassi”.

 

Il documento poi riporta anche il quadro regolamentare europeo per i consumatori:

  • Regolamento (EU) 2018/675 del 2/5/2018 di modifica delle appendici all’allegato XVII del regolamento REACH - Include la formaldeide (%) tra le sostanze di cui al punto 28 allegato XVII del regolamento REACH. Dal 1/12/2018 è proibita l’immissione sul mercato e l’uso di miscele contenenti formaldeide in concentrazione ≥0.1% w/w
  • Regolamento (EU) 2018/1375 del 10/10/2018 di modifica delle appendici all’allegato XVII del regolamento REACH - Include limiti massimi per alcune sostanze CMR nei tessuti per uso abbigliamento e altri tessuti che possono venire a contatto con la pelle umana. Il limite per la FA è di 75 mg/kg (punto 72 allegato XVII di REACH)
  • Richiesta della Commissione Europea ad ECHA di preparare una proposta di restrizione sulla formaldeide nelle miscele e articoli per uso consumatori ai sensi dell’articolo 68 del regolamento REACH”. 

 

Rimandiamo alla lettura delle proposte di restrizione e delle criticità evidenziate in relazione all’opinione del Comitato per la valutazione dei rischi (RAC) e il Comitato per l'analisi socioeconomica (SEAC).  

Riguardo alla proposta di restrizione (che riguarda i consumatori), l’iter di revisione interna da parte dei comitati RAC e SEAC è stato completato e la proposta è stata inviata alla Commissione Europea a marzo 2021. I prossimi passaggi sono a carico della Commissione e porteranno, salvo imprevisti, alla approvazione della proposta (con qualche possibile revisione) e all’aggiornamento dell’Allegato XVII di REACH.

Riprendiamo dal documento una tabella che mostra le eventuali alternative all’uso del gruppo di resine urea-formaldeide (UF):

 

 

Veniamo alle considerazioni conclusive dell’autore:

  • “Il quadro regolamentare europeo per la formaldeide è vasto e complesso. Esso riflette l’utilizzo in vasta scala della sostanza e copre sia i rischi per i lavoratori che quelli per i consumatori
  • I rischi per i lavoratori sono regolamentati dalla direttiva CMD ai sensi della quale è stato introdotto un limite di esposizione professionale obbligatorio
  • I rischi per i consumatori sono regolamentati dal regolamento REACH nell’ambito della restrizione. La restrizione si applica già alle miscele ed ai tessili.
  • Per gli articoli ad uso dei consumatori è in fase di valutazione una proposta di restrizione che prevede un limite di emissione. La conclusione di questo processo è prevista per il 2021”.   

 

 

RTM

 

 

 

Scarica il documento da cui è tratto l'articolo:

“La formaldeide nel quadro delle normative comunitarie per la protezione dei lavoratori e dei cittadini”, a cura di Augusto Di Bastiano (ECHA – Risk Management I), intervento al workshop “CANC – TUM 2020”.

 

 

Scarica la normativa di riferimento:

Decreto 11 febbraio 2021 del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministro della Salute - Recepimento della direttiva (UE) 2019/130 del 16 gennaio 2019, nonché della direttiva (UE) 2019/983 del 5 giugno 2019 che modificano la direttiva (CE) 2004/37 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro.

 

Direttiva (UE) 2019/983 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 giugno 2019 che modifica la direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro

 

 

Il link all’Agenzia ECHA per consultare le novità relative a norme, restrizioni e consultazioni.

 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Ordina commenti:

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento

Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.

Pubblica un commento

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!