LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroNuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Macchine e infortuni


Un’impresa su due manipola i dispositivi di protezione sulle macchine e gli impianti. I risultati di una indagine realizzata in Svizzera.

Pubblicità
google_ad_client

 
Un diavoletto con la forca è stato scelto come logo di una campagna di prevenzione contro la manipolazione dei dispositivi di protezione sulle macchine e gli impianti, una delle cause frequenti di infortuni gravi e mortali. Una tentazione quella di smontare tali dispositivi, ad esempio per velocizzare il lavoro, che non deve essere seguita.
A promuovere l’iniziativa è la Suva (istituto svizzero contro gli infortuni sul lavoro) che, nel corso di un sondaggio condotto su 300 aziende, ha constatato che il 37% delle imprese confessa di aver smontato o di aver reso inefficaci i dispositivi di protezione presenti sugli impianti di produzione e sugli apparati automatizzati.
Nell’80 % dei casi il rischio d’infortunio viene gravemente sottovalutato.
 
L’indagine della Suva ha preso in esame anche le cause per le quali i dispositivi di protezione vengono manipolati. La fretta e il risparmio di tempo sono i motivi più frequentemente addotti (22,8%), seguono l’inadeguatezza delle macchine, la cattiva ergonomia, l’ignoranza dei rischi, l’abitudine.

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Nel 6% dei casi è stato risposto che la manipolazione è stata ordinata o è tollerata dai superiori.
“In queste situazioni  - osserva la Suva - l’unica soluzione è ottimizzare le fasi di lavoro e imporre sistematicamente le norme di sicurezza. Spesso si sente dire dai responsabili di produzione o dagli addetti ai lavori che una macchina non si può comandare agevolmente senza manipolare i dispositivi di protezione. In questi casi la persona giusta a cui rivolgersi è il fabbricante.”
“Il datore di lavoro deve osservare la situazione nella propria azienda. – osserva la Suva - Nella fattispecie, deve verificare se sulle macchine o gli impianti in funzione sono presenti dei dispositivi manipolati e per quale motivo tali dispositivi sono stati alterati o bypassati.
[…] Coloro che tollerano un simile comportamento si rendono punibili di fronte alla legge. Ogni manipolazione è un atto di negligenza grave. Dopo un infortunio provocato da una manipolazione effettuata su un macchinario o un impianto le conseguenze passano sul piano giuridico. Anche i dipendenti devono fare la loro parte non modificando in alcun modo i dispositivi di protezione e non rimuovendoli.”
Una considerazione che vale anche per la legislazione italiana.


 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: