Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Come evitare pericolose cadute in piano durante l’inverno

Redazione
 Redazione
 Documentazione
03/02/2011: Alcuni documenti di Suva per i responsabili della gestione e manutenzione immobili e per tutti i cittadini. La necessità di pianificare il servizio invernale.

PuntoSicuro ha presentato nel corso del 2010 la campagna informativa “ inciampare.ch” -  promossa da Suva, istituto svizzero per l'assicurazione e la prevenzione degli infortuni – nata per favorire la prevenzione delle cadute in piano riducendole, entro il 2014, almeno del cinque per cento. Cadute in piano che “per quanto possano sembrare banali”, hanno esiti spesso molto gravi.
E ci sono mesi dell’anno in cui queste cadute, sia nelle attività professionali che nel tempo libero, sono più frequenti: ad esempio durante l’autunno o, ancor più, durante l’inverno in concomitanza con la presenza di ghiaccio o neve.
 
Per favorire la prevenzione delle cadute in piano durante l'inverno – stagione che in Svizzera è caratterizzata da frequenti nevicate - Suva ha pubblicato diversi materiali informativi.
Il primo è un opuscolo rivolto ai responsabili della gestione e manutenzione immobili (portinai di aziende o amministrazioni, responsabili pulizia e manutenzione, responsabili del servizio tecnico, proprietari di immobili, …).
Intitolato “ Evitare brutte cadute durante l’inverno. Consigli per i responsabili della gestione e manutenzione immobili”, fornisce utili suggerimenti e consigli per garantire un servizio invernale efficace sull’area circostante le aziende, le case di abitazione, gli edifici e gli impianti pubblici.

Pubblicità
La sicurezza nel turismo in DVD
Formazione sui rischi specifici dei lavoratori di alberghi, villaggi turistici e campeggi (Art. 37 D.Lgs. 81/08) in DVD

Il documento sottolinea che è necessario pianificare per tempo il servizio invernale.
Infatti per poter sgombrare la neve in tempi rapidi e smaltirla senza grandi problemi “è importante pianificare con cura e a tempo debito le operazioni e definirne i responsabili”.
È possibile:
- “predisporre un sistema d’allarme e un elenco delle priorità per la rimozione della neve (per prima cosa le scale e le rampe; tenere conto del flusso di traffico e pedonale ecc.). Fissare per iscritto le operazioni da eseguire;
- definire compiti e competenze delle persone coinvolte nelle operazioni;
- istruire i collaboratori e prevedere il tempo necessario per farlo;
- non dimenticare di istruire anche i neoassunti;
- scegliere con cura i luoghi dove accumulare la neve affinché l’acqua che si forma quando si scioglie la neve possa defluire senza problemi: il punto più in basso sul terreno deve trovarsi accanto a pozzetti e canali”;
- decidere d’intesa con il committente l’impiego di trucioli di legno o segatura, sale, ghiaino e altri materiali”.
 
Inoltre è importante:
- preparare le macchine e gli strumenti per rimuovere la neve: “verificare che le macchine e gli attrezzi non siano usurati o difettosi e sottoporli ad adeguata manutenzione” e ordinare per tempo sale, ghiaino o altri materiali necessari;
- “realizzare un sistema d’allarme interno con il contributo di tutti”: ad esempio “sfruttare il servizio di comunicazione interna dell’azienda per avvisare in caso di pericoli particolarmente gravi durante il periodo invernale”.   
 
Alcuni provvedimenti da attuare già in autunno:
- “rimuovere le foglie, riparare i danni provocati dalle tempeste: in concomitanza di umidità o gelo, il fogliame sul terreno può provocare delle cadute da scivolamento e costituisce perciò un pericolo notevole. Nelle grondaie le foglie e i rametti possono impedire il deflusso dell’acqua e formare pericolosi ghiaccioli”;  
- “garantire una buona illuminazione per offrire maggiore sicurezza”; 
- “utilizzare le barriere antisporco per aumentare la sicurezza: una barriera antisporco di cinque metri posizionata nell’entrata riduce dell’ottanta per cento la sporcizia e il bagnato. Nei mesi invernali occorre prestare particolare attenzione all’entrata di un edificio”; 
- “ispezionare più spesso l’area circostante l’edificio”; 
- “ascoltare le previsioni meteo, ordinare sale e ghiaino”.
 
In caso di nevicate è poi necessario rimuovere la neve dalle vie di circolazione “in modo da garantire le migliori condizioni possibili per le persone e i veicoli che circolano sull’area circostante la casa o l’azienda”:
- “rimuovere la neve dalle vie di circolazione in maniera che due persone possano camminare comodamente l’una accanto all’altra;
- non accumulare la neve troppo vicino a parapetti o ringhiere perché in questo modo viene meno la funzione protettiva (per es. i bambini potrebbero scavalcarli grazie ai cumuli di neve);
- mai accumulare la neve accanto agli sbocchi delle strade e alle salite per non togliere la visuale agli automobilisti;
- dare regolarmente un’occhiata ai tetti” e evitare che la neve si accumuli in modo eccessivo;
- “le scale e le rampe ricoperte di neve o ghiaccio sono particolarmente pericolose”. Togliere la neve anche dal corrimano e controllarle regolarmente indicando con un apposito cartello le zone pericolose;
- “notificare e rimuovere i danni da gelo o sale”.
 
Per la campagna di prevenzione contro le cadute in piano Suva ha pubblicato anche un documento utile per tutti i cittadini dal titolo significativo “ D’inverno le cadute in piano provocano più feriti degli incidenti in macchina. 8 consigli per evitare brutte cadute durante l’inverno”. 
 
Ricordando che tra le cause principali delle cadute abbiamo il camminare troppo velocemente (sul bagnato, sulla neve o sul ghiaccio) o l’indossare calzature non adatte, ecco gli otto consigli per evitare brutte cadute durante l’inverno:
 
- “indossare scarpe con suola profilata: indossare scarpe con suola profilata antiscivolo che mantengono saldo il piede. In questo modo si avrà un buon appoggio e si potrà raggiungere senza pericoli il luogo di lavoro, per esempio. Una volta arrivati, potrete togliere gli scarponcini invernali e indossare scarpe più comode;
- usare ramponcini antisdrucciolo: quando nevica è opportuno applicare dei dispositivi antisdrucciolo sulle scarpe. Per evitare di scivolare sula neve o sul ghiaccio, conviene appoggiare in modo sicuro il tallone quando si cammina. Perciò consigliamo di acquistare dei ramponcini o delle ‘catene’ con numerosi dentini appunto nella regione del tallone.  Inoltre, i ramponcini si possono riporre senza grandi difficoltà in tasca o nella borsa;
- attenti alle scale! Le scale ricoperte di ghiaccio sono trappole micidiali. Perciò occorre tenersi al corrimano in modo da evitare cadute con conseguenze dolorose;
- andare con calma: lo stress e la fretta riducono le facoltà percettive e la concentrazione e fanno aumentare il rischio di non vedere le ‘ trappole’ in cui inciampare o scivolare. Soprattutto in inverno è utile fare il tragitto casa-lavoro senza fretta, in modo da non rischiare di finire a gambe all’aria;
- utilizzare le vie sgombre: per andare sul sicuro, si raccomanda di utilizzare per quanto possibile le vie sgombre dalla neve e dal ghiaccio;
- i pericoli degli scarponi da sci: chi si è già trovato a camminare con gli scarponi da sci sulle stradine innevate, sui parcheggi coperti di ghiaccio o sulle scale scivolose sa bene quanto possano essere insidiosi. Camminare con gli scarponi da sci richiede particolare prudenza se non si vuole che la settimana bianca finisca ancora prima di iniziare;
- pensare anche agli altri: i pavimenti bagnati o sporchi possono trasformarsi in una pista di pattinaggio. Fate in modo che sui pavimenti pericolosi vengano applicati materiali antiscivolo – sia a casa che sul lavoro. Inoltre è opportuno applicare una barriera antisporco, per esempio nell’entrata;
- fare moto: quando si è buona forma fisica è più facile cavarsela nelle situazioni rischiose ed evitare di scivolare o cadere.  Perciò è consigliabile fare moto ogni giorno”.
 
N.B.: Gli eventuali riferimenti legislativi contenuti nel documento originale e i dati relativi agli incidenti riguardano la realtà svizzera, i suggerimenti indicati sono comunque utili per tutti i lavoratori.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!