esporta articolo in PDF

Alberghi: la prevenzione e gestione dei rischi per i lavoratori

Alberghi: la prevenzione e gestione dei rischi per i lavoratori
08/07/2015: Un intervento sul tema della sicurezza dei lavoratori e sui rischi lavorativi negli alberghi. Focus sulla movimentazione manuale dei carichi e sui rischi nelle attività di pulizia e preparazione/somministrazione alimenti.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
 
Milano, 8 Lug – Quando si parla di sicurezza negli alberghi e nelle strutture ricettive generalmente si fa riferimento alla salute e sicurezza degli ospiti, tuttavia in questi luoghi di lavoro sono presenti diversi rischi anche per la salute e sicurezza dei lavoratori. E non mancano gli infortuni, ad esempio nel lavoro ai piani e in cucina, o le malattie professionali dovute alla  movimentazione manuale di carichi, alla pulizia delle camere, ai problemi di legionellosi e alla presenza insetti infestanti come le cimici.
 
Per affrontare il tema della sicurezza dei lavoratori negli alberghi ci soffermiamo sul convegno “Ospitalità e sicurezza per tutti” che si tenuto il 22 aprile 2015 a Milano, presso il  Centro per la Cultura della Prevenzione, in occasione dell’Esposizione Universale 2015 e del conseguente ampliamento e diversificazione dell'offerta alberghiera a Milano.

Pubblicità
Modello DVR
Sicurezza Alberghi - Categoria Istat: I - Attività Dei Servizi Di Alloggio E Ristorazione

In particolare il tema dei rischi per i lavoratori è stato affrontato nell’intervento “Qualche consiglio per la gestione dei rischi per i lavoratori” a cura di Stefano Fontani. 
 
Il relatore ha ricordato il «Progetto Alberghi» del Servizio PSAL dell’ Azienda Sanitaria Locale di Milano per far luce “sulle dinamiche lavorative e sui rischi a cui i lavoratori sono esposti in un settore variegato, classificato terziario ma che terziario non sembra”. In questo settore è infatti presente “una grande fisicità, spesso non sostenuta da utensili, macchine o ausili”.
 
L’intervento, anche in relazione alle attività svolte dal Servizio PSAL, riporta alcune considerazioni:   
- “tipicamente, nelle attività commerciali, il ‘target’ principale è la soddisfazione del cliente”. E in questi casi “l’organizzazione del lavoro può risultarne condizionata”, specialmente nei “picchi di saturazione” legati a stagionalità, eventi, fiere e particolari manifestazioni come Expo 2015;
- la forza lavoro è composta da: “soggetti giovani; maggioranza femminile; forte presenza di stranieri; 60% dipendenti in outsourcing” (dovuti cioè all’esternalizzazione di alcuni servizi). E le mansioni principali sono di: “cameriere ai piani (rigoverno stanze); facchini (non solo valige); brigata di cucina (dove c’è la ristorazione)”. 
 
Veniamo dunque ad affrontare i rischi lavorativi in questo contesto lavorativo con particolare riferimento a:
- utilizzo di detergenti/igienizzanti;
- preparazione/somministrazione alimenti;
- punture accidentali. 
 
Riguardo alla movimentazione manuale dei carichi, il documento si sofferma su alcune particolari attività: “sollevamento e trasporto di materiali, traino e spinta di carrelli, attività di sollecitazione dell’arto superiore”. Spesso queste attività sono coesistenti e a carico dello stesso soggetto nelle operazioni di: “rifacimento letti, spolveratura suppellettili, sanificazione servizi igienici, pulizia moquette e superfici vetrate, rifornimento generi di conforto, ecc.”.
Il documento ricorda la normativa - con riferimento al Titolo VI del D.Lgs, 81/2008 (artt. 167-171) e l’Allegato XXXIII – e le norme tecniche ISO 11228 Parti 1-2-3 citate nel Testo Unico:
- 1: Lifting and Carrying;
- 2: Pushing and Pulling;
- 3: Handling of low loads at high frequency.
 
Cosa fare per favorire la prevenzione:
- letti: “ruote idonee alla pavimentazione; possibilità di sollevamento (a pedale…); sostituzione materassi;
- carrelli: ruote idonee alla pavimentazione; evitare il sovraccarico; percorsi in piano e non maggiori di 60/80 mt; manutenzione;
- rigoverno camere: tempistica adeguata; utilizzo ausili/elettrodomestici (scale, battitappeto, ...);
- percorsi e attrezzature: abbattimento barriere architettoniche; conformità delle attrezzature”.
 
Veniamo ai prodotti per la sanificazione e al rischio chimico.
Questo rischio è un “rischio presente ma spesso sottovalutato”, con la conseguenza per i lavoratori di “intossicazioni acute e allergie”.
Queste le possibili misure di prevenzione:
- “formazione: precisa e puntuale (difficoltà linguistiche); 
- utilizzo di DPI idonei (non in lattice); 
- corretto utilizzo dei prodotti”. 
E riguardo ai prodotti per la sanificazione si sottolinea:
- l’importanza delle schede tecniche di sicurezza;
- “l’attività di mescolamento di prodotti acidi (HCl o Muriatico) e basici (Ipoclorito di Na+ o Candeggina)”: la reazione “sviluppa vapori di cloro molto aggressivi per la cute (pH 5.5), mucose oculari e rinofaringee”. 
 
In merito alla ristorazione si sottolinea innanzitutto che “non in tutti gli alberghi è presente questo reparto” e che i lavoratori “sono esposti a eventi infortunistici peculiari anche in funzione della loro qualifica: 
- ustioni dovute a rovesciamenti di acqua/olio caldi; 
- ferite da taglio con attrezzi taglienti (coltelli, affettatrici);
- cadute accidentali”.
Senza dimenticare le patologie da sovraccarico dell’arto superiore
Nel documento, che vi invitiamo a visionare, sono presenti diverse immagini esplicative  di alcuni rischi.
 
L’autore si sofferma infine anche sull’infortunio biologico.
Infatti in hotel “non si ha un vero e proprio rischio biologico; si può parlare però di infortunio biologico dovuto a comportamenti errati di clienti e lavoratori”. E questi infortuni “rappresentano il 6% degli infortuni del settore”. 
Alcuni aspetti da considerare:
- “è necessaria una procedura condivisa da tutto il personale, semplice e diretta che spieghi esattamente le azioni da intraprendere a seguito dell’accaduto;
- l’attenzione e la formazione completano il bagaglio che ogni lavoratore deve possedere;
- sorveglianza post infortunio: il MC deve provvedere ad una serie di azioni a favore del lavoratore”.
Alcune misure di prevenzione:
- “dotare il personale di pinze per asportare i taglienti;  
- evitare di vuotare i cestini dei servizi igienici direttamente con le mani;  
- informare sempre la governante dell’evento e attenersi alla procedura di intervento”.
 
Concludiamo la presentazione segnalando che l’intervento riporta in conclusione i risultati di un’analisi degli infortuni nel periodo 2000-2010 con riferimento particolare alle mansioni di camerieri ai piani, commis, cuochi, facchini, magazzinieri, manutentori, camerieri, barman e impiegati.
 
 
Qualche consiglio per la gestione dei rischi per i lavoratori”, a cura di Stefano Fontani (Asl Milano), intervento al convegno “Ospitalità e sicurezza per tutti” (formato PDF, 9.66 MB).
 
 
Tiziano Menduto
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!