Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Sicurezza dei veicoli per la raccolta dei rifiuti

Redazione
 Redazione
 Rifiuti
16/02/2012: I contenuti della nuova norma UNI EN 1501 “Veicoli raccolta rifiuti - Requisiti generali e di sicurezza”.
Pubblicità
 
Politiche ambientali globali, soluzioni tecnologiche per la gestione, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, salvaguardia dell’ambiente, riciclo di materiali: la discussione è aperta.
Ogni anno nel nostro paese si producono milioni di tonnellate di rifiuti che devono essere raccolti, smaltiti, riciclati: di conseguenza deve essere affrontato non solo l’aspetto legato alla protezione ambientale ma anche il tema della sicurezza dei veicoli e degli operatori che si occupano della loro raccolta.
 
Su questo argomento sono state pubblicate nel novembre scorso due parti della UNI EN 1501 “Veicoli raccolta rifiuti - Requisiti generali e di sicurezza”.
 


Pubblicità
Modello DVR
Sicurezza Ecologia (Servizi Di Settore) - Categoria Istat: E - Fornitura Di Acqua Reti Fognarie, Attività Di Gestione Dei Rifiuti E Risanamento

La Parte 1 “Veicoli raccolta rifiuti a caricamento posteriore” tratta tutti i pericoli significativi, le situazioni pericolose e gli eventi rilevanti relativi al veicolo in oggetto, sia quando utilizzato correttamente sia in condizioni di utilizzo inesatto. Si applica alla progettazione e alla costruzione del veicolo raccolta rifiuti a caricamento posteriore, al fine di renderlo idoneo per il suo funzionamento in modo da operare, essere regolato e mantenuto nel corso dell’intera vita utile. La norma deve essere utilizzata congiuntamente alla UNI EN 1501-5 che tratta i dispositivi di sollevamento per veicoli raccolta rifiuti.
 
Alcune modifiche tecniche introdotte rispetto alla precedente edizione riguardano:
- l’eliminazione di alcune definizioni e alcuni requisiti dei dispositivi di sollevamento, che ritroviamo migliorati nella Parte 5;
- l’ottimizzazione di termini e definizioni grazie all’inserimento di disegni dettagliati;
- la revisione dei requisiti per sistemi di apertura e di chiusura, dispositivi di protezione, pedane;
- l’introduzione di nuovi requisiti relativi a: veicolo stretto, estremità di caricamento, controlli remoti, stabilità, vibrazioni, corpo intercambiabile, segnali di avvertimento e allarme.
 
La Parte 5 “Dispositivi di sollevamento per veicoli raccolta rifiuti” tratta invece tutti i pericoli significativi, le situazioni pericolose e gli eventi rilevanti relativi ai dispositivi di sollevamento utilizzati per lo svuotamento dei contenitori di rifiuti - progettati per i veicoli dedicati alla raccolta - e il loro montaggio, quando utilizzati come previsto e in condizioni di utilizzo inadeguato.
 
Si applica alla progettazione e costruzione dei dispositivi di sollevamento al fine di assicurare che siano idonei per il loro funzionamento e che possano funzionare, essere regolati e mantenuti nel corso della loro intera vita.
La norma deve essere utilizzata insieme alle Parti 1, 2 e 3 della UNI EN 1501 che trattano rispettivamente il caricamento posteriore, laterale e frontale dei veicoli raccolta rifiuti.
 
 
Fonte: Uni.


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!