Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Un osservatorio sui nuovi rischi nel mondo del lavoro che avanza

Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 Lavoratori
24/06/2009: Disponibile un dossier relativo ai rischi legati al mutamento dei modelli organizzativi d’impresa e alla nascita di nuovi lavori e professioni. Inaugurato un osservatorio che offrirà un canale di documentazione e informazione sui nuovi rischi.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
google_ad_client

In questi ultimi decenni stiamo assistendo nel mondo del lavoro a evidenti cambiamenti di tipo tecnologico e socioeconomico che rischiano di avere un forte impatto sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori.
Per mantenere una costante attenzione su questi cambiamenti l'Associazione per gli Studi internazionali e comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni industriali (ADAPT) ha prodotto un dossier dal titolo “Nuovi lavori, nuovi rischi”, a cura di Annamaria Antonucci e Maria Giovannone.
Con questo dossier viene inoltre inaugurato, in collaborazione con il Centro Studi Internazionali e Comparati Marco Biagi, un innovativo “osservatorio sulle relazioni di lavoro dedicato alla analisi dei rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori connessi ai mutamenti dei modelli organizzativi d’impresa e alla nascita di nuovi lavori e nuove professioni”.

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----



 
Nell’articolo “Un osservatorio sui nuovi rischi”, scritto da Michele Lepore e Michele Tiraboschi, viene appunto presentato questo osservatorio che ha l’ambizione di “offrire a studiosi e addetti ai lavori una piattaforma informatica attraverso cui rileggere, in chiave interdisciplinare e con l’ausilio del metodo comparato, la tematica della salute e sicurezza del lavoro nell’ottica della modernizzazione del mercato del lavoro”.
Lo spunto dell’osservatorio nasce dalla constatazione che malgrado i passi in avanti del Decreto legislativo 81/2008, “per le particolari modalità, anche contrattuali, del lavoro che svolgono, i lavoratori atipici necessitano non solo e non tanto dello stesso livello di protezione di cui fruiscono i lavoratori stabilmente inseriti in un determinato contesto produttivo o di lavoro secondo una logica, tutta formalistica, di assimilazione tipologica e conferma della parità di trattamento”.
Infatti i lavoratori atipici “sono normalmente esposti, almeno in taluni settori, a maggiori rischi di infortunio sul lavoro e di malattie professionali anche perché meno informati e meno educati alla prevenzione”.
L’impressione degli autori è che “non sia ancora maturata nel nostro Paese quella nuova cultura della prevenzione di cui pure da tanto tempo si parla” e che una vera battaglia per ambienti di lavoro più sicuri e decenti “passi piuttosto dalla porta della modernizzazione dei contesti organizzativi e dei modelli gestionali del lavoro e, dunque, modernizzazione del mercato del lavoro”.
Dunque – continuano gli autori – “nell’assumerci la responsabilità della direzione di un Osservatorio su nuovi lavori e nuovi rischi intendiamo dunque offrire un terreno di confronto libero e facilmente accessibile, grazie anche a un innovativo utilizzo della rete internet, di informazione e dibattito che individui nelle dinamiche reali presenti nei luoghi di lavoro il punto di misurazione della evoluzione del dato normativo e della sua effettività”.
 
L’osservatorio offre “un canale di informazione e documentazione a datori di lavoro, esperti e responsabili della sicurezza e lavoratori, ma anche al legislatore, alle parti sociali e ai soggetti aventi funzioni ispettive e di vigilanza, allo scopo di riunire, col medesimo linguaggio, tutti gli ‘attori’ della sicurezza in quell’ottica di cultura della prevenzione da tempo auspicata”.
 
Questo nuovo “viaggio esplorativo di studi, analisi e proposte normative” è svolto insieme a un nutrito gruppo di esperti e giovani ricercatori.
Ed infatti il dossier è ricco di articoli e interventi, che PuntoSicuro si riserva di approfondire in futuro, relativi alla nuova organizzazione del lavoro, ai nuovi rischi, al rapporto tra infortunio e atipicità dei contratti, al lavoro sommerso e al Testo Unico:
 
- “Le nuove forme di organizzazione del lavoro e la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori” di Maria Giovannone; 
- “I cosiddetti ‘nuovi rischi’ o ‘rischi emergenti” di Michele Lepore;
- “Rischio infortunistico ed atipicità dei contratti di lavoro. Forme di impiego flessibile e rischi supplementari” di Annamaria Antonucci; 
- “Le problematiche per la salute e sicurezza nel lavoro sommerso, irregolare e clandestino” di Francesco Di Bono;
- “Il Testo Unico: sicurezza tra formalismo giuridico e nuovi modelli organizzativi” di Michele Tiraboschi;
- “Approfondimenti e documentazione” a cura di Adapt
 
 
 
ADAPT, Dossier n. 4 del 25 maggio 2009, “Nuovi lavori, nuovi rischi”, a cura di Annamaria Antonucci e Maria Giovannone (formato PDF, 645 kB).
 
  
Tiziano Menduto



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!