Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

Pillole di sicurezza: la sicurezza attiva dei lavoratori

Pillole di sicurezza: la sicurezza attiva dei lavoratori
Federica Gozzini
 Federica Gozzini
 Lavoratori
11/04/2019: Cosa devono fare i lavoratori per contribuire alla sicurezza sul lavoro in modo attivo? Quali sono i loro obblighi ai sensi del D.Lgs. 81/08?
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia

In riferimento agli obblighi dei lavoratori riportiamo un estratto del testo del D.lgs. 81/08.

 

Articolo 20 - Obblighi dei lavoratori

1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro.

 

2. I lavoratori devono in particolare:

a) contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all’adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;

b) osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale;

c) utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e le miscele pericolose, i mezzi di trasporto e, nonché i dispositivi di sicurezza;

d) utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione;

e) segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di cui alle lettere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell’ambito delle proprie competenze e possibilità e fatto salvo l’obbligo di cui alla lettera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;

f) non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo;

g) non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori;

h) partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro;

i) sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente.

 

3. I lavoratori di aziende che svolgono attività in regime di appalto o subappalto, devono esporre apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l’indicazione del datore di lavoro. Tale obbligo grava anche in capo ai lavoratori autonomi che esercitano direttamente la propria attività nel medesimo luogo di lavoro, i quali sono tenuti a provvedervi per proprio conto29

 

Sanzioni penali

Sanzioni per i lavoratori

• Art. 20, co. 2, lett. b), c), d), e), f), g), h), i): arresto fino a un mese o ammenda da 245,70 a 737,10 euro [Art. 59, co. 1, lett. a)]

 

Sanzioni amministrative

Sanzioni per i lavoratori

• Art. 20 co. 3: sanzione amministrativa pecuniaria da 61,43 a 368,56 euro [Art. 59, co. 1, lett. b)]ù

Sanzioni per i lavoratori autonomi

• Art. 20 co. 3: sanzione amministrativa pecuniaria da 61,43 a 368,56 euro [Art. 60, co. 2]

 

 

Federica Gozzini

 

Il contenuto dell’articolo è tratto da:

Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (formato PDF, 18 MB)

Testo del Ministero del Lavoro - non ufficiale - Aggiornamento gennaio 2019



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: RedSPP11/04/2019 (11:18:23)
Mai vista una sanzione al lavoratore per non aver ottemperato all'art 20 ...
Per la mia esperienza, fin dalla 626/94 (art.5) è stato un articolo burla.
i vari SPRESAL, SPISAL, SPSAL, ecc , si presentano e cercano le mancanze del DdL. STOP.
Rispondi Autore: Redazione11/04/2019 (11:56:24)
La cosa importante non è la sanzione..ma che ognuno faccia la sua parte per la sicurezza di tutti, anche il lavoratore ha degli obblighi legali e morali e può contribuire alla prevenzione.
L'articolo vuole sollevare l'attenzione su questo tema.

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!