Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

MANUTENZIONE ESTINTORI: LE REGOLE DA RISPETTARE

Redazione
 Redazione
 Prevenzione incendi
20/02/2006: Quali sono le scadenze da rispettare nei controlli e nella manutenzione degli estintori? Un sintetico riassunto della tempistica e della normativa di riferimento.

La manutenzione delle attrezzature antincendio è un obbligo a carico del datore di lavoro sancito dal:
- D.P.R. 547 dell 27/04/1955, art. 34 punto c, "Manutenzione di tutte le apparecchiature antincendio"
- D.M. n. 64 del 10 Marzo 1998, art. 4
 
La norma tecnica di riferimento (anche per gli addetti delle ditte esterne di manutenzione) per la manutenzione degli estintori è la norma UNI 9994:2003, "Apparecchiature per estinzione incendi; estintori d'incendio; manutenzione". Questa norma indica le periodicità degli interventi di manutenzione e le modalità di esecuzione.
Sono previste 4 distinte fasi di manutenzione:
- Sorveglianza (art. 5.1 norma UNI 9994:2003)
- Controllo (art. 5.2.  norma UNI 9994:2003)
- Revisione (art. 5.3.  norma UNI 9994:2003)
- Collaudo (art. 5.4.  norma UNI 9994:2003)

 

Pubblicità
Estintore a polvere 6 Kg
Estintore portatile di 6 Kg omologato D.M. 7.1.2005, in conformità alla norma UNI EN 3-7 Febbraio 2005
 


1) Sorveglianza degli estintori

Consiste nella esecuzione, da parte di personale interno all'azienda e con frequenza non definita dalla norma (si consiglia frequenza mensile), dei seguenti accertamenti:
- l'estintore sia presente e segnalato con apposito cartello
- l'estintore sia chiaramente visibile, immediatamente utilizzabile e l'accesso allo stesso sia libero da ostacoli
- l'estintore non sia manomesso
- i contrassegni distintivi siano esposti a vista e siano ben leggibili
- l'indicatore di pressione (se presente) indichi un valore di pressione compreso all'interno del campo verde
- l'estintore non presenti anomalie (ugelli ostruiti, perdite, tracce di corrosione, sconnessioni, ecc.)
- l'estintore sia esente da danni alle strutture di supporto ed alla maniglia di trasporto; se carrellato abbia le ruote funzionanti
- il cartellino di manutenzione sia presente sull'apparecchio e correttamente compilato
Tutte le eventuali anomalie riscontrate devono essere subito eliminate.
 

2) Controllo degli estintori

Consiste nella esecuzione, da parte di personale esterno specializzato e riconosciuto e con frequenza semestrale, di una verifica dell'efficienza dell'estintore tramite una serie di accertamenti tecnici specifici a seconda del tipo di estintore (che omettiamo in quanto sotto la responsabilità della ditta di manutenzione).
 

3) Revisione degli estintori

Consiste nella esecuzione, da parte di personale esterno specializzato e riconosciuto, di una serie di accertamenti ed interventi per verificare e rendere perfettamente efficiente l'estintore. Tra questi interventi (tutti elencati all'art. 5.3 della UNI 9994:2003), è inclusa la ricarica e/o sostituzione dell'agente estinguente presente nell'estintore (polvere, CO2, schiuma, ecc.).
La frequenza della revisione e, quindi, della ricarica e/o sostituzione dell'agente estinguente è:
- estintori a polvere: 36 mesi (3 anni)
- estintori a CO2: 60 mesi (5 anni)
- estintori a schiuma: 18 mesi
Ovviamente la frequenza parte dalla data di prima carica dell'estintore.
 

 

4) Collaudo degli estintori

Consiste in una misura di prevenzione atta a verificare, da parte di personale esterno specializzato e riconosciuto, la stabilità dell’involucro tramite prova idraulica.
La periodicità del collaudo è:
- estintori a CO2: frequenza stabilita dalla legislazione vigente in materia di gas compressi e liquefatti, attualmente 10 anni;
- altri estintori non conformi alla Direttiva 97/23/CE (cioè non marcati CE): 6 anni
- altri estintori conformi alla Direttiva 97/23/CE (cioè marcati CE): 12 anni
La data di collaudo e la pressione di prova devono essere riportate sull'estintore in modo ben leggibile, indelebile e duraturo.

 
 

Ing. Fabrizio Veneziani

 

 

  Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Autore: Salvatore Cannistraci13/09/2016 (07:50:11)
La prova idrostatica su bombola co2/azoto fino < litri 5
prova idrostatica a 25 Mpa per un minuto può essere effettuata da personale manutentore esperto, oppure è obbligatorio che venga effettuato un ricollaudo ispesel ? . grazie
Rispondi Autore: Raimondo Melis16/02/2017 (17:53:02)
Il collaudo per gli estintori a CO2 va eseguito solo dagli ispettori dell'Ispel presso officina certificata
Rispondi Autore: Emiliano Musicco25/10/2016 (05:32:12)
Volevo informazioni, riguardo chi può sostituire su un autobus o un mezzo di trasporto l estintore, se personale interno azienda o personale specializzato. E se personale interno azienda debba essere autorizzato e formato da questa azienda? Grazie
Autore: Gino Maffezzoni07/12/2016 (16:07:08)
Ho sei estintori polvere da 6 kg 34A 233 BC
anno di costruzione 2004. Sono ancora utilizzabili?
Autore: Solo Pom12/12/2016 (00:46:35)
La durata di un estintore è di dodici anni dopo i quali va completamente eliminato e smaltito.
Hai fino al 31-12-16
Rispondi Autore: Solo Pom12/12/2016 (00:51:13)
Scusa,rettifico..la durata massima di un estintore è di 18 anni,quindi ci sei..
Rispondi Autore: nicola delle cave15/12/2016 (09:32:33)
per il collaudo di estintori a polvere da kg 6 a 12 è prevista la marca da bollo
Rispondi Autore: sauro maraghelli09/01/2017 (21:10:17)
molto interessante e istruttivo, però non o chiarito la mia situazione in merito, quindi mi permetto di avanzare qualche domanda.
Io ho 2 estintori da 50 lt a polvere del 2007,
controllati agosto 2015 come risulta dal timbro sul cartellino
che dovrei fare x rimetterli a norma?
soprattutto che durata massima anno prima di eliminarli?
Rispondi Autore: michael spallone10/02/2017 (19:32:18)
La manutenzione e semplice se non sono stati verificati per molto tempo e non presentano adesivi di eventuale revisione o se presenti segnalano una data più arretrata di 3 anni é necessario rimetterloa norma con una revisione poi tra due anni scadrà di collaudo e bisognerà eseguire anche quello perché se andiamo a sommare i 12 anni di durata max del primo collaudo all anno di costruzione 2007 troveremo 2019 anno di un futuro collaudo mentre in teoria l estintore una volta collaudato durerà solo altri 6 anni sempre ammesso che passi il collaudo e sempre in teoria nel 2016 sarebbe stato giusto eseguire la revisione torniamo quindi al discorso Dell adesivo se non e presente un adesivo sulla bombola o altro con una data segnalante la scritta revisione con una data é necessario revisionarlo e farlo tra sei mesi come da normativa manutenere da ditta di esperti nel settore con abilitazione alla certificazione Dell manutenzione spero di essere stato esauriente
Buona sera michael
Autore: Davide Pagano10/03/2017 (20:55:24)
Buonasera, ho notato ultimamente che la pressione di un mio estintore a polvere sta aumentando gradualmente e si allontana dalla zona verde. A cosa è dovuto? È molto pericoloso? Grazie.
Rispondi Autore: Raimondo Melis10/03/2017 (21:49:50)
Ciao Davide,non preoccuparti!
L'estintore a polvere può salire o scendere leggermente di pressione per effetto della temperatura in cui è riposto.
Non è assolutamente pericoloso! sarebbe pericoloso invece se fosse un estintore a CO2 che non deve stare a temperature superiori ai 50 gradi
Autore: Nico costantino22/03/2017 (13:17:43)
Salve volevo sapere se al momento della revisione dell'estintore viene rilasciato solo il cartoncino di avvenuta revisione o anche un foglio della azienza incaricata alla revisione con annessa firma e data?
Rispondi Autore: Raimondo Melis22/03/2017 (14:08:34)
Ciao Costantino,
Solitamente dev'essere rilasciato il foglio di lavoro del tecnico manutentore che ha fatto la revisione del l'estintore firmato e datato in più ti verrà emessa la fattura della revisione eseguita.
Quindi tu dovrai riportare questo controllo nel registro antincendio
Rispondi Autore: mariano07/07/2017 (09:53:38)
Io lavoro per una società di servizi. Il datore di lavoro mi dice che il controllo semestrale lo possiamo fare noi stessi. Vero?
Rispondi Autore: stefano baldani20/09/2017 (18:30:53)
che tipo di abilitazione occorre per effettuare il solo controllo degli estintori? grazie.
Rispondi Autore: cristian24/10/2017 (09:28:53)
Ciao,
gli estintori a polvere Kg. 6 e CO2 Kg. 5 se non marchiati CE è obbligo sostituirli ?
Grazie
Rispondi Autore: Paolo28/10/2017 (09:39:30)
Quindi, per auto, quelli a polvere.
Rispondi Autore: Paolo D'Ospina15/11/2017 (10:46:33)
Salve,


Io ho comprato questo per auto, ma è troppo grosso e lo metterò nel bagagliaio.

https://rover.ebay.com/rover/0/0/0?mpre=https%3A%2F%2Fwww.ebay.it%2Fulk%2Fitm%2F182433381938

Che ne pensa del prodotto, il gentile tecnico che risponde sul forum?
Rispondi Autore: Francesco Elli23/11/2017 (09:02:52)
Buongiorno, nei cartellini degli estintori a polvere 6kg in ufficio c'è riportato per la scadenza revisione e scadenza collaudo la data "2018". Ma la scadenza è a inizio 2018 o fine 2018? grazie
Rispondi Autore: Salvo faruggio22/01/2018 (12:06:39)
SAlve, ho degli estintori a Co2 del 2008. Si devono smaltire o dopo il collaudo possono essere riutilizzati?
grazie
Rispondi Autore: Malvina Zanardelli12/09/2018 (08:21:37)
Il controllo semestrale in che tempi deve avvenire? Entro il semestre? Vi è una tolleranza? Se fuori dai termini come è sanzionato?
Rispondi Autore: Dinoia Alberto24/09/2018 (11:47:35)
buongiorno, x cortesia mi potrebbe spiegare facilmente perche' l'estintore ad anidride carbonica non ha il manometro? grazie
Rispondi Autore: Emanuele Rizzato - quadrato25/09/2018 (11:25:02)
Malvina Zanardelli: il controllo previsto è semestrale e viene misurato in mesi; ovvero non importa se viene eseguito il 1 il 15 o il 31 ma deve essere effettuato nel 6° mese. ad esempio a gennaio e luglio, ogni anno.

Le sanzioni possono esser emesse da un UPG, ma non faranno riferimento alla normativa specifica sulla manutenzione degli estintori, ma dipende da che articolo del 81.08 prenderanno in considerazione.

Dinoia Alberto: l'estintore a CO2 ha un solo componente estinguente ovvero l'anidride carbonica e questa è ad alta pressione si parla di 70-200 bar in funzione dei modelli di bombola. avere un manometro che può svitarsi considerata la pressione è ritenuto pericoloso, e per la verifica di questi estintori solitamente basta pesarli.

quelli a polvere o schiuma hanno 2 parti, una che è l'estinguente (polvere ad esempio) ed una che è il gas (azoto) che serve a "spingere la polvere fuori dall'estintore".
Un estintore di questo tipo viene caricato a meno di 10 bar. Se un estintore viene usato anche una frazione di secondo, la polvere molte volte rischia di tenere aperta la valvola quel tanto che basta a far uscire il gas, ecco perchè vengono dotati di manometro. nel controllo periodico semestrale, tra le altre cose, vengono appunto pesati (per vedere se c'è la polvere) e controllato il manometro per vedere se c'è il gas. questo mooolto in sintesi.
Rispondi Autore: Paolo Galbo20/10/2018 (08:50:11)
per collaudare una bombola co2 da kg.80 con scadenza decennale
febbraio 2018, ho tutto l'anno di tempo per collaudarla?

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!