Società consortile

Categoria: Valutazione dei rischi. Aperta il 24/02/2020 da Ugo Mattana. Messaggi postati: 2.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Ugo Mattana (ugo)
Ugo Mattana (ugo)


Voto medio utente:
1,0 
Buongiorno,
si appena costituita una società consortile. La stessa società consortile non è dotata di dipendenti propri, ma esclusivamente, di lavoratori distaccati dalle stesse società/imprese consorziate, che, tra l’altro, opereranno in posizioni geografiche distinte, non interferendo mai fra di loro.
Dal punto di vista degli obblighi previsti in materia di sicurezza, la Società Consortile deve dare completa attuazione al D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e, conseguentemente, si deve dotare degli strumenti organizzativi e gestionali previsti (RSPP, MC, DVR, riunioni periodiche, ecc.) nei casi e nei modi stabiliti dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i.
Tutto ciò premesso e assodate le nomine di RSPP, MC, ecc., la redazione del DVR come andrebbe strutturato, avendo ciascuna impresa consorziata il proprio DVR?
Piuttosto che creare un DVR ex novo, si potrebbe redigere un atto/documento per fare riferimento ai DVR di ciascuna impresa visto che i lavoratori - operanti per la società consortile - continueranno a svolgere le stesse attività che svolgevano nelle rispettive imprese consorziate?
Ringrazio per la collaborazione.

Postato il 24/02/2020 alle 21:40

Immagine di profilo di Ugo Mattana (ugo)
Ugo Mattana (ugo)


Voto medio utente:
1,0 
Buongiorno,
nel caso in cui il contratto di appalto sia stato aggiudicato ad un'ATI che, a valle dell’aggiudicazione, abbia deciso di provvedere all’esecuzione unitaria dei lavori, attraverso la costituzione di una società di gestione (società consortile), è necessario individuare l’impresa che si configura quale affidataria e a cui spettano gli obblighi previsti dall’art. 97 del D.Lgs. 81/2008 (Obblighi del datore di lavoro dell’impresa affidataria).
La Commissione interpelli (Interpello n. 7/2014) ritiene che la titolarità del contratto di appalto con il committente, all’atto dell’affidamento dei lavori, permane in capo all’ATI, mentre la società consortile, assumendo l’incarico della gestione totale dei lavori, sia come impresa esecutrice sia come impresa autorizzata dal committente a stipulare contratti di subappalto, è destinataria degli obblighi di cui all’art. 97 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.
Ora, alla società consortile, come impresa affidataria spetterebbe anche la redazione del POS, così come alle singole imprese esecutrici dell'ATI, anche se la stessa avrebbe esclusivamente lavoratori in regime di distacco (e quindi non dipendenti...) dalle singole imprese esecutrici dell'ATI?
Come si configurerebbe la Società Consortile senza dipendenti dal punto di vista degli obblighi previsti in materia di salute e sicurezza sul lavoro? Deve dare, anche nel caso di specie, completa attuazione al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. e, conseguentemente, si deve dotare degli strumenti organizzativi e gestionali previsti (RSPP, MC, DVR, riunioni periodiche, ecc.) nei casi e nei modi stabiliti dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.?
Ringrazio per l'attenzione.

Postato il 27/02/2020 alle 09:56


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni