Riparazione Attrezzature a Pressione

Il "Progetto di Riparazione" e "Soggetti Preposti"

Categoria: Attrezzature di lavoro e DPI. Aperta il 23/05/2018 da Paolo C. Messaggi postati: 1.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Paolo C (Paolo_C)
Paolo C (Paolo_C)


Voto medio utente:
1,0 
Gentilissimi tutti, buongiorno
Agli esperti della materia, vorrei porre questa domanda per trovare conforto alla mia personale interpretazione che si discosta, a torto o a ragione non so, nettamente da quella ricevuta.
Per un impianto di cogenerazione con caldaia a recupero (produzione di vapore normale kg/h: 20.000) si renderanno necessari degli interventi di riparazione.
Io ero rimasto che su una attrezzatura a pressione CE già dichiarata messa in servizio, e perciò già sotto la gestione di un Utilizzatore che propone la riparazione ad un “Soggetto Preposto”, tale attrezzatura dovrà successivamente essere oggetto di nuova dichiarazione di messa in servizio.
La valutazione di un intervento di “riparazione” è in carico all’Utilizzatore che si configura come Riparatore (eventualmente delegando un riparatore esterno qualificato), ma tale valutazione io ricordo che debba necessariamente esser validata e approvata dal Soggetto Preposto. (Soggetto che al momento penso sia identificabile con l’INAIL).
Il parere tecnico che ho ricevuto è che: il “progetto di riparazione” deve sì essere predisposto, ma non si attende l’approvazione INAIL se questo viene emesso da un ente accreditato agli interventi…
Quanto suggeritomi, e cioè che l’INAIL possa esser bypassata, è ammissibile?
Grazie intanto per la vostra attenzione.

Postato il 23/05/2018 alle 09:31


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni