Quando rielaborare le valutazioni dei rischi?

Categoria: Valutazione dei rischi. Aperta il 23/06/2017 da Simone Sicurezza. Messaggi postati: 4.

Solo gli utenti registrati possono partecipare alla discussione.

Se fai già parte della community di PuntoSicuro effettua il login, altrimenti   Iscriviti adesso

AutoreMessaggio
Immagine di profilo di Simone Sicurezza (Avantgarde)
Simone Sicurezza (Avantgarde)
Sicurezza è anche rispetto!

Voto medio utente:
n.d. 
RIFORMULO LA DOMANDA POICHE' LA PRECEDENTE E' UN PO' PASTICCIATA. GRAZIE SCUSATE

Le valutazioni dei rischi vanno davvero realmente rielaborate solo in occasione di modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità,

oppure in ogni caso trascorsi, come da molti consulenti spesso indicato ogni 4 anni?

Ringrazio

Postato il 23/06/2017 alle 12:50

Immagine di profilo di Mauro Queirolo (safety for life)
Mauro Queirolo (safety for life)


Voto medio utente:
2,8 
In risposta al messaggio di Simone Sicurezza:
RIFORMULO LA DOMANDA POICHE' LA PRECEDENTE E' UN PO' PASTICCIATA. GRAZIE SCUSATE

Le valutazioni dei rischi vanno davvero realmente rielaborate solo in occasione di modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità,

oppure in ogni caso trascorsi, come da molti consulenti spesso indicato ogni 4 anni?

Ringrazio
Buongiorno, personalmente seguo quanto espresso nella prima parte del discorso cercando di far capire, ad ogni DL o RSPP, che è buona norma garantire una certa "adeguatezza" del DVR anche con il passare degli anni. Mi spiego meglio: se cambia l'organigramma aziendale (anche in parte), se si ingrandisce la sede lavorativa, se si utilizzano attrezzature che in prima battuta non erano state inserite in elenco, se si procede annualmente ad eseguire la riunione periodica, etc., consiglio di produrre una relazione di aggiornamento vistata dal MC e dal RLS (in genere è apprezzata dagli Organi di vigilanza). Rimane inteso che la valutazione relativa alla VR dei fattori fisici andrà rielaborata ogni quattro anni, quella dei fattori chimici, cancerogeni o mutageni triennalmente, per lo SLC biennalmente o annualmente a seconda della classificazione ottenuta, etc.
Cordiali saluti.

Postato il 23/06/2017 alle 13:13

Immagine di profilo di Simone Sicurezza (Avantgarde)
Simone Sicurezza (Avantgarde)
Sicurezza è anche rispetto!

Voto medio utente:
n.d. 
Grazie per la cortese risposta. D'accordo per quanto da te specificato nella prima parte del tuo discorso. Dove trovo però scritto l'obbligo di rielaborare in ogni caso le valutazioni con cadenza 4, 3 o 2 anni?

Postato il 23/06/2017 alle 13:44

Immagine di profilo di Mauro Queirolo (safety for life)
Mauro Queirolo (safety for life)


Voto medio utente:
2,8 
Rieccomi.... Personalmente seguo questa procedura per gli aggiornamenti: Fisici (art.181 c.2), Cancerogeni e Mutageni (art.236 c.5), Biologici (art.271 c.3), SLC (Linee guida Inail).
Nei casi dove non il legislatore non precisa una periodicità dal legislatore, faccio riferimento alle norme tecniche ed alle linee guida emanate dai vari Enti o similia.

Postato il 23/06/2017 alle 14:11


[<<-] [<-] [1] [->] [->>]

Torna all'elenco delle discussioni