Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

21/04/2016: Rapporto annuale della Toscana: meno incidenti ma più tecnopatie

Pubblicato dall’Inail il “Rapporto annuale regionale 2014 – Toscana” che riporta in sintesi l’andamento dei dati relativi a infortuni e malattie professionali.

 
Riportiamo alcune indicazioni tratte dal documento Inail “Rapporto annuale regionale 2014 – Toscana”, pubblicato nel mese di dicembre 2015.
 
Sintesi dei fenomeni rilevanti
Il rapporto regionale Toscana 2014 presenta in sintesi l’andamento dei dati statistici relativi al portafoglio gestionale dell’Istituto, agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali. Tra i temi rilevanti rientrano anche le attività di cura e riabilitazione, quelle di controllo del rapporto assicurativo, le attività di prevenzione e gli incentivi per la sicurezza. Nella parte finale, le schede monografiche presentano i principali progetti realizzati a livello territoriale.
Nel 2014 risultano attive circa 290 mila posizioni assicurative territoriali relative alla gestione industria e servizi, pari a circa il 7,5% delle posizioni assicurative censite dall’Inail a livello nazionale, con una moderata riduzione rispetto al 2013 (-0,6%). Le masse salariali denunciate soggette a contributo Inail ammontano a oltre 21 miliardi di euro, corrispondenti al 6,3% del dato nazionale, importo sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente.
Diminuiscono gli importi dei premi accertati e incassati che, nel 2014, rappresentato circa il 6,7% del totale.
I dati delle indennità relative agli infortuni mostrano un andamento decrescente, con una costante e significativa riduzione.
Rilevante risulta il dato sugli indennizzi in capitale per le malattie professionali: più del 16% degli oltre 11 mila indennizzi vengono erogati in Toscana.
In costante diminuzione appaiono le rendite gestite dall’Inail, mentre sono in aumento quelle di nuova costituzione (+9,5% rispetto al 2012).
 
Prosegue l’andamento decrescente del numero di infortuni denunciati sia a livello regionale sia nazionale. In Toscana sono state registrate oltre 52 mila denunce nel 2014 con una diminuzione del 4,2% rispetto all’anno precedente e del 9,8% rispetto al 2012.
Gli infortuni riconosciuti sul lavoro sono oltre 36 mila (-9% nel triennio), dei quali 5.093 (l’8,3%) avvenuti in itinere. I casi di infortunio con esito mortale nel 2014 sono stati 53 rispetto ai 695 riconosciuti a livello nazionale.
Gli infortuni sul lavoro hanno causato circa 1 milione e 100 mila giornate di inabilità con costo a carico dell’Inail, che rappresentano il 9% del dato nazionale.
 
Le malattie professionali denunciate in regione nel 2014 sono state 7.681, con un incremento (+30,4%) nel triennio maggiore di quello registrato a livello nazionale (+23,9%). L’Inail ha riconosciuto la causa lavorativa in 3.505 casi, pari al 16,1% del dato nazionale. I lavoratori deceduti per malattia professionale sono stati 183, in diminuzione rispetto al 2012.
Nel 2014 l’Inail ha erogato oltre 111 mila prestazioni per “prime cure”, con una flessione del 3% rispetto all’anno precedente, ma in crescita rispetto al 2012 (+20%).
In costante diminuzione risulta la spesa per acquisto e produzione di protesi, ortesi e ausili a livello regionale: da poco più di 5 milioni di euro nel 2012 a 4,5 milioni di euro nel 2014, con un decremento del 14%.
 
Le attività svolte dall’Inail in tema di accertamenti ispettivi, inquadrate in un processo di controllo e valutazione del rischio, hanno consentito nel 2014 di verificare in Toscana 1.794 aziende; di queste, 1.591 sono risultate non regolari. Complessivamente, i premi omessi accertati ammontano a circa 8 milioni e 700 mila euro (-9,8% rispetto al 2013).
Nel 2014 sono state accolte 4.330 istanze di riduzione del tasso per meriti di prevenzione, corrispondenti a un minor importo del premio pagato di 24 milioni di euro. A fronte delle 11.572 richieste, sono stati erogati 8.547 servizi di omologazione e certificazione, con un fatturato complessivo di circa di 1 milione e 200 mila euro.
 
Sommario
 
Nota metodologica – Dati rilevati al 31 ottobre 2015.
Indice delle tabelle
Sintesi dei fenomeni rilevanti
1. La situazione nel mondo del lavoro nei dati Inail
2. Infortuni
3. Malattie professionali
4. Cura, riabilitazione, reinserimento
5. Azioni e servizi
6. Schede monografiche
6.1. Master di primo livello in “Ergonomia dell’ambiente, dei prodotti e dell’organizzazione”
6.2. Documento valutazione rischi e microimpresa in agricoltura
6.3. La cucina e l’accoglienza diventano SuperArte 2
6.4. Ricostruire Sicuro
6.5. Diffondere la conoscenza e la consapevolezza dei rischi geologici. Sfruttare la conoscenza, l’innovazione e l’educazione per sviluppare la cultura della sicurezza geologica nelle scuole
6.6. Schede di rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori nei comparti della piccola industria, dell’artigianato e dell’agricoltura
6.7. Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere
6.8. Implementazione del Sistema della gestione della sicurezza sul lavoro (Sgsl) rivolto a piccole e medie imprese edili
6.9. Attivazione del progetto sperimentale di riabilitazione e “Skin care” delle cicatrici da ustione termica e chimica presso il Cpdr Inail Toscana
Glossario
 
 
 
 
Fonte: Inail

12/04/2016: FAQ sulla Direttiva Seveso III

La Commissione Europea pubblica in data 1 marzo 2016 "Directive 2012/18/EC (Seveso III) - Questions & Answers".


11/04/2016: Un incontro sulla violenza fisica e psicologica

A Rimini il 21 aprile 2016 si terrà il seminario “In-Sicurezza. Paure emergenti nei luoghi di lavoro. La violenza fisica e psicologica”.


11/04/2016: Radon nei luoghi di lavoro: come misurarlo e ridurlo

I valori di riferimento per abitazioni e luoghi di lavoro


08/04/2016: Asfaltatori e rischio chimico

Gli asfaltatori sono esposti a un rischio di cancro professionale da IPA o no?


07/04/2016: Chiarimenti sul nuovo regolamento generale di protezione dati

Finalmente una traduzione corretta del regolamento generale sulla protezione dei dati. Di Adalberto Biasiotti


07/04/2016: ISIS o Daesh?

Ia differenza tra queste due espressioni, che non è solo formale, ma anche sostanziale. Di Adalberto Biasiotti.


05/04/2016: Almeno un rischio psicosociale in ogni azienda!

L'indagine europea ha evidenziato che tre quarti delle organizzazioni europee segnalano la presenza di almeno un rischio psicosociale al loro interno.


05/04/2016: Nuovo elenco dei soggetti abilitati per l'effettuazione delle verifiche periodiche

Pubblicato l'elenco aggiornato.


04/04/2016: Rettifica alla direttiva sulle radiazioni ionizzanti

Pubblicata una modifica alla direttiva 2013/59/Euratom del 5 dicembre 2013


04/04/2016: L’uso di droni aumenta in modo esponenziale.

I droni sono entrati a buon diritto nell’arsenale della sicurezza e della protezione dei beni e dell’ambiente. Di Adalberto Biasiotti.


01/04/2016: Ancora sulla protezione delle biciclette

Come al solito, la rincorsa fra guardie e ladri spesso porta ad esiti non particolarmente soddisfacenti! Di Adalberto Biasiotti.


31/03/2016: Sempre più vicini gli European Data Protection Days 2016

Il ruolo del data protection officer nel futuro regolamento. Di Adalberto Biasiotti


30/03/2016: Il Registro Nazionale dei Tumori Naso-Sinusali - ReNaTuNS

Un nuovo volume di Inail che riferisce dello stato dell’arte delle attività del ReNaTuNS


30/03/2016: Alcol al lavoro: modifiche alla normativa?

Depositata un’interrogazione parlamentare.


29/03/2016: Sonnolenza al volante: un killer silenzioso ed implacabile

Gli infortuni stradali rappresentano una vera e propria emergenza mondiale,


29/03/2016: Chiarimenti in tema di certificazione infortunio e malattia professionale

La Circolare Chiarimenti applicativi art. 21 del Decreto Legislativo n.151 del 2015 del Ministero della salute.


25/03/2016: L’aggressività in azienda non paga

Gestire fenomeni di violenza fisica o psicologica in azienda per garantire il benessere dell’intera organizzazione, è il tema di una ricerca presentata a Milano il 5 aprile 2016.


25/03/2016: Ridurre le morti causate dall’inquinamento domestico

Alcuni dati dell’Organizzazione mondiale della Sanità indicano che nel mondo il 60% delle morti premature di donne è causata dall’inquinamento domestico.


24/03/2016: Un video per migliorare la sicurezza negli spettacoli dal vivo

È stato realizzato un video sull’uso degli strumenti di valutazione interattiva dei rischi online (OiRA) per valutare i rischi per la salute e la sicurezza nei locali pubblici e presso le imprese di produzione.


23/03/2016: Migliorare le strade e ridurre gli incidenti

Presentato dall’Automobile Club Milano un programma di attività per riqualificare la rete stradale, ridurre gli incidenti, contrastare i comportamenti scorretti dei guidatori, migliorare i sistemi di interscambio.


74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84