Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 23/04/2018: Morti per amianto alla Olivetti di Ivrea

La Corte d'Appello ribalta la decisione di primo grado ed assolve tutti gli imputati

È con grande sconcerto che abbiamo appreso ieri della decisione della Corte d’Appello di Torino che inopinatamente ha ribaltato la sentenza del Tribunale di Ivrea - ha commentato il Presidente nazionale ANMIL, Franco Bettoni - pervenendo all’assoluzione di tutti gli imputati per le morti da amianto all’Olivetti di Ivrea. Ricordiamo infatti che il processo era stato incardinato avanti al Tribunale di Ivrea contro i vertici societari della Olivetti per l’esposizione all’amianto dei lavoratori degli stabilimenti del comprensorio di Ivrea, causando la morte di ben 12 di loro e lesioni personali gravissime ad altri due. 


Il 18 luglio 2016 il Tribunale di Ivrea, a conclusione del dibattimento, aveva pronunciato sentenza di condanna di tutti gli imputati – con l’esclusione del solo Roberto Colaninno – a pene varianti fra 1 e 5 anni e due mesi di reclusione. 


Gli imputati erano stati altresì condannati, in solido con la responsabile civile Telecom Italia, a risarcire i danni subiti dalle parti civili compresa ANMIL, assistita dagli Avv.ti Cesare Bulgheroni, Alessandra Guarini e Massimiliano Gabrielli, riconosciuta e ricompresa tra le parti danneggiate per i reati ascritti agli imputati, con conseguente refusione delle spese di costituzione ed assistenza. 


Attualmente non possiamo far altro che attendere il deposito della motivazione della sentenza di appello, -continua Bettoni - che dovrà avvenire entro 90 giorni e dunque entro il 16 luglio p.v., per poter comprendere su quali basi la Corte d’appello sia giunta a questa decisione; pur tuttavia, è dato presumere che la Corte non abbia fatto altro che allinearsi ad una giurisprudenza, attualmente prevalente, che ritiene di fatto scientificamente non provabile il nesso di causalità tra esposizione all’amianto in ambito lavorativo ed insorgenza della malattia. 


Appena sarà disponibile la motivazione della sentenza, l’ANMIL valuterà con i propri legali se impugnare o meno la sentenza, con autonomo ricorso rispetto a quello già preannunciato dalla Procura Generale di Torino.

 

Fonte: ANMIL

 

 

 


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

24/09/2018: Iniziativa per il miglioramento dei sistemi d’accesso alle macchine edili

Alcuni approcci risolutivi indirizzati sia agli operatori che ai fabbricanti delle macchine.


21/09/2018: Aging EBook: disponibile la versione in inglese

E' stata presentata al 20° Congresso IEA a Firenze la versione inglese di Aging EBook.


20/09/2018: Agricoltura in salute. Prevenzione e sorveglianza sanitaria

Si terrà il 2 ottobre a Milano il convegno Agricoltura in salute. Prevenzione e sorveglianza sanitaria


19/09/2018: The methodology for the assessment and management of work-related stress risk

In Italy, the regulatory framework for the protection of occupational health and safety (Legislative Decree 81/2008) highlights the employers’ obligation to assess the work-related stress risk.


18/09/2018: La tutela dei lavoratori nell’economia delle piattaforme digitali

Sintesi del seminario dell’EU-OSHA sulle sfide poste dall’economia delle piattaforme on-line


17/09/2018: La valutazione dei rischi in ottica di genere

Si terrà il 4 ottobre 2018 a Firenze un seminario gratuito organizzato dall’Inail - Direzione regionale Toscana sul tema della valutazione dei rischi in ottica di genere.


13/09/2018: Convegno “Prevenzione e sicurezza in un sistema complesso: le attività portuali”

Si terrà il 21 settembre a Venezia il convegno gratuito organizzato da INAIL.


12/09/2018: Forze di polizia, sicurezza sui luoghi di lavoro: Garante, sì allo schema di decreto

Parere favorevole del Garante privacy sull’applicazione del decreto in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro per Forze di Polizia, Vigili del fuoco, protezione civile ed altre categorie affini.


11/09/2018: Sostanze pericolose: schede informative sulla normativa e la sostituzione

L’EU-OSHA ha pubblicato due schede informative disponibili in diverse lingue.


10/09/2018: ISPRA: nota metodologica per l’assegnazione ai rifiuti della caratteristica di pericolosita’ HP14

Con il regolamento europeo 2017/997 sono state definite le condizioni per poter assegnare ad un rifiuto la caratteristica di pericolosità HP 14 "ecotossico".


[|«] [«] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 [»] [»|]