Notizie Flash da PuntoSicuro

Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

 16/11/2017: Lo sviluppo degli standard di protezione per la introduzione di radionuclidi nel corpo

Un documento dell'INAIL fomisce una visione d'insieme sull'argomento.

La valutazione dei dati di bioassay per il controllo dell’esposizione interna dei lavoratori, per esempio dell’attività misurata nel corpo intero o nell’escrezione giornaliera urinaria, essenzialmente si riduce ad applicare in sequenza gli appropriati coefficienti di ritenzione o escrezione e quelli di dose per determinare l’intake a partire dai suddetti dati e da questo la dose ricevuta. Alla relativa semplicità di tale pratica fa dunque riscontro la notevole complessità dei calcoli su cui essa si fonda, i quali infatti costituiscono la sintesi di un insieme molto vasto di conoscenze, dai dati di decadimento, alla forma fisico-chimica dei materiali introdotti, ai parametri anatomici e fisiologici, al comportamento dei radionuclidi nel corpo, agli effetti dell’assorbimento d’energia, alla localizzazione dei tessuti radiosensibili. Le informazioni sulla biocinetica degli elementi vengono schematizzate nell’elaborazione di appropriati modelli matematici che appunto descrivono l’ingresso dei radionuclidi nel corpo attraverso le diverse vie d’introduzione (modelli non sistemici, di cui i principali sono quelli del tratto respiratorio e gastrointestinale) e la loro distribuzione negli organi e tessuti dopo l’assorbimento nel sangue (modelli sistemici, specifici per elemento). Una volta determinato il numero di disintegrazioni nelle varie regioni sorgente e note le caratteristiche dell’emissione, l’applicazione dei modelli dosimetrici consente di calcolare la deposizione d’energia, e quindi la dose, in ciascun organo o tessuto bersaglio.

 

continua la lettura del documento...INAIL - Lo sviluppo degli standard di protezione per l’introduzione di radionuclidi nel corpo(pdf, 0.9 MB)


16/02/2018: Attivo il nuovo portale delle valutazioni ambientali VAS e VIA

Il Ministero dell'Ambiente ha rinnovato nella veste grafica il portale per le valutazioni ambientali VAS e VIA. I contenuti sono ora conformi alle disposizioni introdotte dal D.Lgs. 104/2017.


15/02/2018: Ormai alle porte l’inizio della nuova campagna europea 2018-2019

Il 24 aprile avrà inizio la nuova campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri 2018-2019» sul tema delle sostanze pericolose.


14/02/2018: Come applicare la ISO 9001?

Sistemi di gestione per la qualità - Linee guida per l'applicazione della ISO 9001:2015


13/02/2018: Sicurezza sul lavoro: il sostegno dell’Inail in tre mosse

Più di 16 milioni di incentivi a fondo perduto e, inoltre, riduzione del premio e interventi di reinserimento e integrazione lavorativa: il 15 febbraio workshop e tavoli tematici presso la Camera di Commercio di Firenze sulle agevolazioni


12/02/2018: Linee guida per la gestione dei cantieri ai fini della protezione ambientale

Indicazioni generali di buona pratica tecnica da adottare al fine di tutelare l'ambiente durante le attività di cantiere e le operazioni di ripristino dei luoghi.


08/02/2018: Neve in pista... casco in testa. Comportamento, segnaletica e attrezzature

Un opuscolo con un vademecum per chi pratica gli sport invernali.


07/02/2018: Utensili …a prova di vibrazione!

UNI EN ISO 28927-2:2017 “Macchine utensili portatili - Metodi di prova per la valutazione dell'emissione vibratoria - Parte 2: Avvitatori, avvitadadi e cacciaviti”


06/02/2018: Tabella di marcia sugli agenti cancerogeni

Mobilitarsi per combattere i tumori legati all’attività lavorativa


05/02/2018: L’uso dell’arte come strumento educativo e di formazione alla salute e alla sicurezza

Convegno gratuito a Milano il 27 febbraio: Social art: l’uso dell’arte come strumento educativo e di formazione alla salute e alla sicurezza


02/02/2018: Sostanze chimiche: l’inquinamento da mercurio

Disponibile il Bollettino d'informazione Sostanze Chimiche - Ambiente e Salute di gennaio 2018


[|«] [«] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 [»] [»|]


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: