Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 30/10/2019: Lettera del Presidente CIIP sulla Prevenzione in Lombardia

La preoccupazione per l'incremento nel numero di infortuni sul lavoro, anche mortali e alcune concrete proposte per una maggiore prevenzione.

Il Presidente CIIP Susanna Cantoni ha scritto all'Assessorato al Welfare della Regione Lombardia una lettera che esprime la preoccupazione dei Professionisti della Prevenzione delle Associazioni aderenti alla Consulta per l'incremento nel numero di infortuni sul lavoro, anche mortali e formula alcune concrete proposte per una maggiore prevenzione.

 

Nella lettera vengono richiamati fatti certamente noti ma che devono essere oggetto di riflessione e soprattutto di interventi decisi da parte delle autorità amministrative regionali.

 

Lettera a Regione Lombardia[Susanna Cantoni]

 

Fonte: CIIP


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Luca Voch - likes: 0
31/10/2019 (12:51:07)
Credo non ci sia molto da dire. Concordo col contenuto della comunicazione. La mia sensazione (eufemismo) è che oggi le ATS sono in forte difficoltà causa una carenza di organico ma anche per via di una burocrazia che tende a far operare i tecnici sempre più in ufficio e meno nei luoghi di lavoro.
Gli RLS seri, coloro che grazie alla 626 avrebbero dovuto/potuto dare un contributo significativo alla prevenzione sono di fatto "schiacciati" dal sistema e quasi abbandonati mentre quelli di "comodo" prolificano a tutto svantaggio dei lavoratori.
Gli RLST fanno una gran fatica a muoversi tra vincoli e nomine di RLS effettuate su "gentile" richiesta dei datori di lavoro meno attenti alla prevenzione.
In un momento così drammatico per la Lombardia forse sarebbe il caso di cominciare a pensare davvero ad una sinergia tra RLS e RLST in modo da dare una regolata a quelli che accettano l'incarico solo per compiacere il datore di lavoro e specialmente per offrire un sostegno vero ai RLS che hanno intenzione di fare qualcosa per tutelare i propri rappresentati.
Pochi mesi fa mi è stata data l'occasione di parlare ad un convegno rivolto anche ma non solo ai RLS e per far comprendere la situazione in cui versano ho domandato al pubblico di immedesimarsi, di immaginare di essere un RLS durante la svolgimento di una riunione periodica alla quale partecipano il datore di lavoro o il suo delegato, il M.C., il RSPP e magari anche l'addetto SPP ed il consulente ed infine il RLS. Ho quindi cercato di far comprendere lo sbilanciamento nel rapporto tra le forze in campo perché di fatto è ciò che accade nella maggioranza dei casi (e già, non capita molte volte che tutte le figure remino insieme per fare una seria azione preventiva, spesso sono altri gli interessi), situazione che normalmente genera inefficacia dell'azione del poveretto che cerca di fare qualcosa a favore dei suoi rappresentati.
A fine convegno sono stato fermato da alcuni RLS di importanti aziende che hanno confermato di vivere ciò che ho descritto e di sentirsi soventemente quasi impotenti.
Il RLS ha delle potenzialità incredibili e penso che potrebbe essere più incisivo di qualsiasi UPG (e senza dover effettuare e/o richiedere alcuna azione represssiva) ma ad oggi così non é ed quindi necessario farlo crescere sia attraverso la formazione/informazione che un maggior supporto nei momenti critici e credo che quest'ultimo punto possa essere affrontato con delle previsioni contrattuali o normative che prevedano l'affiancamento al RLST.
Intendiamoci, non sono, anzi, meglio dire che non mi ritengo affatto una persona che è contro i datori di lavoro, comprendo molto bene quanto è complicato gestire una impresa anche se piccola, quanto impegno e tenacia servono in un mondo come quello di oggi. Conosco moltissimi datori che sono da ammirare per come tutelano il proprio personale, altri che invece peccano di un misto di ignoranza (nel senso buono del termine), poca cultura della sicurezza, ingenuità e sono soggetti ad una specie di adorazione al Dio dell'arte dell'arrangiarsi. Altri ancora amano giocare sulle persone e compiono veri e propri atti dolosi. È su queste ultime due tipologie che bisogna intervenire ed anche rapidamente ed il RLS/RLST, se utilizzato bene, potrebbe essere ben più incisivo di quanto lo sia oggi.
(Com'è difficile scrivere al cellulare.....)
Rispondi Autore: Andrea Bordiga - likes: 0
05/11/2019 (12:51:52)
Lettera Buona e giusta. Una sola osservazione per la redazione. Lettera 'della'Presidente..

Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

31/01/2020: GlobalAbc: settore edilizio responsabile del 39% delle emissioni di CO2

Produzione di materiali, spreco energetico, sistemi di condizionamento dell’aria. Un rapporto Unep fa luce sugli sprechi negli edifici. L’intenso consumo di elettricità rende necessario l’accesso alle rinnovabili: il 2020 sarà un anno cruciale.


30/01/2020: Enisa: uno strumento per la valutazione del rischio di sicurezza

Uno strumento elaborato da un gruppo di lavoro cui ha partecipato anche il Garante


29/01/2020: E' online il canale di SICURELLO.si SAFETY

Dopo il conto alla rovescia partito il primo gennaio 2020 è online il canale di SICURELLO.si SAFETY.


28/01/2020: La cybersecurity al centro della giornata europea della protezione dati

"Spazio cibernetico bene comune: protezione dei dati, sicurezza nazionale". Il convegno organizzato dal Garante per la privacy in programma il 30 gennaio


27/01/2020: Promozione e applicazione dei modelli di organizzazione e gestione nelle Pmi

Roma, 30 gennaio 2020. Un evento nazionale organizzato dall’Inail e da Sistema Impresa in cui sono illustrati i principali aspetti dell’utilizzo di questi strumenti semplificativi


24/01/2020: Gli assistiti Inail si raccontano: in un filmato due anni di “Belle Storie”

Prosegue con nuovi video-racconti la campagna di narrazione avviata nel 2018 e dedicata alle esperienze di reinserimento degli infortunati sul lavoro. In una clip, online sul portale istituzionale, le testimonianze raccolte nelle precedenti edizioni


23/01/2020: Nazioni unite: al via la “Decade of action” per l’attuazione dell’Agenda 2030

Revisione degli impegni nazionali, strategie comunicative efficienti, quadri di finanziamento efficaci. Questi alcuni degli strumenti per accelerare il raggiungimento degli SDGs.


22/01/2020: Un approfondimento sui metodi progettuali antincendio

Codice di prevenzione incendi: la metodologia per l’ingegneria della sicurezza antincendio, gli scenari per la progettazione prestazionale e la salvaguardia della vita.


21/01/2020: Global risks report 2020: i primi cinque rischi mondiali sono tutti ambientali

Clima, cyber sicurezza, fratture geopolitiche e disuguaglianze, i temi del nuovo rapporto Wef. Fondamentale la cooperazione tra leader mondiali, imprese e responsabili politici. Per i giovani, la condizione del Pianeta è allarmante.


20/01/2020: Prevenire e contrastare molestie e violenza sul lavoro

L'INAIL traccia il quadro completo della normativa nazionale e internazionale e delle misure attuabili per combattere discriminazioni e abusi


[|«] [«] 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 [»] [»|]